Il sexting per superare la solitudine del lockdown

Il sexting è stato utile per molte persone durante il lockdown di marzo e aprile, un anno fa. Voi ne avete fatto uso?

sexting
Un anno di lockdown, tra incontri virtuali e sexting.
2 min. di lettura

È passato un anno dall’entrata in vigore del DPCM che “ha chiuso” l’Italia in casa per due mesi a causa del Covid. Le uniche uscite possibili erano quelle dedicate alla spesa o, per una parte di noi, per andare e tornare dal lavoro.

Dal punto di vista “intimo” si è notato un grande aumento di iscrizioni a siti per adulti (pornografici) e app di incontri. Ma quali incontri, in un momento in cui il massimo era scambiare 4 chiacchiere nel reparto frutta e verdura del supermercato? Quelli virtuali, naturalmente. E se l’incontro fisico non era possibile, rimaneva (e rimane) il sexting.

Cos’è il sexting?

Per sexting si intende lo scambio di messaggi e foto hot. Quindi, da una frase piccante di quello che i due faranno quando le restrizioni saranno allentate, fino a foto in posizioni eccitanti o di certe parti del corpo. Un modo come un altro per trascorrere i momenti di solitudine. Il sexting è nato solo pochi anni fa, ed è in voga in particolare tra i più giovani.

Rischio zero, almeno per quanto riguarda eventuali malattie. I problemi, infatti, potrebbero essere altri. Ma prima di tutto, quale relazione c’è stata tra sexting e il lockdown nella nostra comunità, nel primo anno di Covid 19?

Facile dedurlo. Mentre una parte ha continuato (talvolta irresponsabilmente) a incontrare ragazzi tramite Grindr e altre app, una fortunatamente alta percentuale ha preferito rimandare gli appuntamenti fisici, rendendo la chat un po’ più piccante, proprio attraverso messaggi a sfondo sessuale e foto hot. Un altro modo per conoscersi bene, in fondo.

Niente di male se si inviano foto intime al proprio partner, in un momento di lontananza come quello imposto dal lockdown, ad esempio per quelle persone che hanno una relazione ma non convivono. Niente di male nemmeno se il destinatario è una persona conosciuta su Grindr. Ma in questo caso, non ci si può fidare ciecamente.

Chi ci assicura che il ragazzo conosciuto solo virtualmente non condivida quelle foto con altri, senza il nostro consenso?

Ma ci sono dei rischi

Si parla appunto di rischi. Ad esempio, il destinatario potrebbe utilizzarle per creare dei profili fake, denigratori per l’autore delle foto o per scherzo (revenge porn). Ma è un attimo anche passare dal semplice sexting al body shaming (la derisione del corpo), fino ad arrivare alla pedopornografia, quando le foto ritraggono dei minori.

Insomma, anche qui si deve pensare a quello che si sta facendo, se non si è sicuri dell’onestà della persona. Un rimedio, potrebbe essere quello di non includere il proprio volto, evitando così i già citati revenge porn e body shaming.

Le regole da seguire

Non ci sono regole definite quando si parla di sexting, se non il proprio buonsenso e l’onestà di chi c’è dall’altra parte.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Heartstopper 3, parla Joe Locke: "Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale" - Joe Locke - Gay.it

Heartstopper 3, parla Joe Locke: “Sarà più cupa e sexy, parleremo anche di salute mentale”

Serie Tv - Redazione 20.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania - Silvester Belt - Gay.it

Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania

Culture - Redazione 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Leggere fa bene

palline anali vibranti, soraya beads reviews, stimolatore anale

Esplorando nuove profondità del piacere: una recensione dettagliata dello stimolatore anale Soraya Beads™ di LELO

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 17.10.23
chat gay gratis italiana

Chat per incontri gay: le 7 migliori app del 2024

Lifestyle - Redazione 5.1.24
Emma Stone in Poor Things (2023)

Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

Cinema - Redazione Milano 19.1.24
amore

Gli uomini gay e bisessuali over 70 hanno una vita sessuale attiva con più partner

Corpi - Redazione 15.9.23
Sam Smith e Christian Cowan

Un profilo falso di Sam Smith sull’app di dating Raya mette a rischio la relazione con Christian Cowan

Musica - Redazione Milano 5.1.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 29.1.24
dieta-vegana-livelli-di-libido

I vegani lo fanno meglio: uno studio rivela che una dieta plant-based incrementa i livelli di libido

Corpi - Francesca Di Feo 12.1.24
questo libro non parla di sesso

La pericolosa censura italiana al libro che spiega la sessualità agli adolescenti

Culture - Federico Colombo 16.10.23