“Siamo scoraggiati da un Dio maschio e bianco”, dalla Germania la proposta per un Dio* non binario

"Abbiamo altri problemi nella Chiesa in questo momento", risponde il Consiglio episcopale. Ma forse spetta a noi iniziare a cambiare il linguaggio, senza attendere consensi.

gesù
3 min. di lettura

“Sempre più fedeli sono scoraggiati dall’immagine di un Dio maschio, patriarcale, bianco e lo stanno dicendo ad alta voce”.

‘Dio è più del sole’, però maschio!

La comunità Katholische Junge Gemeinde, organizzazione giovanile cattolica tedesca con più di 80mila membri, ha diramato un comunicato stampa chiedendo di aggiungere l’asterisco dopo la parola Gott (“Dio” in tedesco). “Dio può essere un’amica, un amico, un compagno o un amore. Sono tutte dimensioni che l’immagine di Dio come Padre non copre“, ha spiegato Rebekka Biesenbach, assistente spirituale dell’organizzazione cattolica giovanile.

Tra politically correct e cancel culture – urlati da chi ha riportato la notizia sui vari quotidiani e siti d’informazione – la proposta è stata immediatamente respinta dalla Conferenza Episcopale della Germania, che riunisce i vescovi delle 27 diocesi tedesche. Il portavoce della Conferenza, Matthias Kopp, intervistato dal telegiornale tedesco Sat.1, ha farcito il tutto con puro benaltrismo,

“Il dibattito teologico sulla questione non è rilevante. Abbiamo problemi molto diversi da affrontare nella Chiesa in questo momento”.

Discorsi che ricordano quelli di certi politici o intellettuali, anche italiani, che non hanno molta voglia di scomodare la loro polverosa posizione.

“Dio è più del sole, della luna e delle stelle. Non possiamo afferrare Dio. Non possiamo descrivere Dio a parole”,

ha continuato Kopp. Ed è proprio qui che sembra contraddirsi. Queste parole concordano con quelle sopracitate dell’organizzazione KJG, che vorrebbe ridiscutere l’iconografia millenaria di Dio.

L’iconografia divina

Se Dio* (magari iniziamo noi a utilizzare Dio*, con frequenza, è così che accadono le rivoluzioni del linguaggio, con buona pace della Chiesa) è davvero inafferrabile e impossibile da descrivere, perché da due millenni continuiamo a raffigurarlo come un uomo, bianco e con la barba? Quanta parte di questa raffigurazione deriva dalla commistione con l’iconografia di altri dèi (spesso pagani) e con una tradizione ben più lunga di quella cattolica?

E perché – Lui che si fa corpo – il Cristo, pur essendo nato in Palestina, è raffigurato col più splendido candore? Sembra quasi che Betlemme abbia subito una repentina ricollocazione dovuta alle tettonica delle placche e che due millenni fa fosse collocata più o meno a nord della Pianura Padana.

"Siamo scoraggiati da un Dio maschio e bianco", dalla Germania la proposta per un Dio* non binario - SOC 120216 27 1200 750x375 1 - Gay.it

 

Polemiche già sentite, spesso ripetute con un’ottusa ostinazione. Dovremmo mica tirar fuori l’eurocentrismo, il colonialismo, il patriarcato? Sembrerà sciocco ribadire queste posizioni e sarà vero che la Chiesa ha enormi problemi da gestire. Ma insomma, l’iconografia maschia di Dio è certamente uno di quelli.

Da più di duemila anni ci trasciniamo dietro questo Padre, enorme, barbuto e – da quando disponiamo di contenuti audio – anche con la voce tuonante. Chi se l’è inventato avrà sicuramente avuto gravi problemi con la figura paterna. Chissà se un ignoto psicanalista ante litteram lo aveva già capito dopo le prime riproduzioni.

Un Dio* casalinga di Voghera

L’onnipresenza divina ha origini ben radicate nella nostra società. In questo mondo fatto a misura d’uomo (non stiamo qui a ripetere sempre gli stessi aggettivi, ma insomma, cis, bianco, etero, abile…) cos’altro poteva essere Dio? Una donna in carriera? La casalinga di Voghera? (magari Arbasino avrebbe preferito). L’ultim* tiktoker gender fluid? Coincidenza ha voluto che fosse proprio lui, un magnifico omaccione – sicuramente il feticcio di chi ama la categoria bear su determinati siti.

La proposta dell’organizzazione KJG tedesca è stata silurata in pochi attimi, ma diversi esponenti della Chiesa in Germania si sono detti timidamente d’accordo per una discussione sul non binarismo di Dio. Intanto, possiamo provare noi a usare questo magico totem (*) della contemporaneità. Dio*.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 11.11.21 - 9:27

Pensieri oziosi di gente oziosa ! Personalmente mi sono sbattezzato e , grazie a Dio , sono di un assoluto agnosticismo. Ho un padrone ed un gabelliere in meno .

Trending

Annalisa parla di un Nuovo Album

Annalisa si prepara per un nuovo album: “Voglio invitare un po’ di colleghi”

Musica - Emanuele Corbo 19.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
B&B rifiuta coppia omosessuale a Busca in provincia di Cuneo

B&B di Busca che rifiuta omosessuali scovato da Gay.it: Booking.com non elimina l’annuncio, la titolare fornisce nuove versioni omofobe ai quotidiani

News - Giuliano Federico 16.7.24
Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti - Palinsesti Rai - Gay.it

Palinsesti Rai 2024/2025, slitta Sanremo, fuori Serena Bortone. Promossi Insegno, Sechi, Barbareschi e Giletti

Culture - Federico Boni 19.7.24
Alberto Matano e il marito Riccardo Mannino

L’estate 2024 di Alberto Matano tra sole, amore e nuove avventure letterarie: le foto social

Culture - Luca Diana 19.7.24

Continua a leggere

Elly Schlein Partito Democratico Europee 2024

Il PD di Elly Schlein dica subito “Mai alleati di Giorgia Meloni nell’Unione Europea”

News - Giuliano Federico 10.6.24
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
Cristo Queer, uno spazio per le persone LGBTIAQ+ cristiane - Cristo con la croce Michelangelo Buonarroti - Gay.it

Cristo Queer, uno spazio per le persone LGBTIAQ+ cristiane

Culture - Marco Grieco 6.3.24
Cosa intendiamo per affermazione di genere?

Genere non binario (ENBY): il sondaggio Genderation Data Drive per una raccolta dati sulle identità Non-Binary

News - Redazione Milano 9.4.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24