Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

Desolante esito di una persecuzione che va avanti dal 2012: l'Uganda mette un altro chiodo sulla bara dell'attivismo LGBTQIA+ nel paese.

ascolta:
0:00
-
0:00
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale
3 min. di lettura

Nel desolante esito di un caso che si trascina ormai dal 2012, un tribunale ugandese ha nuovamente – e definitivamente – rifiutato l’istanza di registrazione della SMUG – Sexual Minorities Uganda – associazione di promozione e tutela dei diritti LGBTQIA+ operante nel paese sin dal 2004.

La petizione – presentata da attivist* della SMUG in collaborazione con altre entità simili – aveva l’obiettivo di sovvertire la decisione dell’Ufficio Nazionale NGO, che due anni fa aveva interrotto le operazioni dell’organizzazione tramite un cavillo formale, che impediva la corretta registrazione del nome “Sexual Minorities Uganda” poiché “contravvenente all’interesse pubblico”.

Organizzazioni come SMUG si trovano infatti ad operare in un intricato groviglio di regolamenti anti-LGBTQIA+ contro la libertà di espressione delle soggettività non conformi, ed il caso di questa NGO non è che l’ennesimo simbolo della pesante repressione in atto ormai da diversi anni in Uganda verso le minoranze sessuali.

Dal 2012 ad oggi: come SMUG ha perso la sua battaglia a tavolino

L’odissea di SMUG ha inizio nel 2012, quando il primo tentativo di registrare l’organizzazione fu respinto dall’Uganda Registration Services Bureau.

La ragione principale di tale rifiuto era che il nome dell’organizzazione veniva considerato in contrasto con l’ordine pubblico. In aggiunta, l’Ufficio di presidenza classificò o SMUG come un’entità criminale, in base alla sezione 145 del codice penale.

Qualificazione dovuta al riferimento alle “minoranze sessuali” nel nome del gruppo e al fatto che lo SMUG aveva legami con individui impegnati in attività sessuali considerate illecite dalla legge.

La decisione venne poi confermata da un tribunale di grado inferiore nel giugno 2018, contro la quale lo SMUG decise di fare appello.

Quattro anni dopo, fu lo stesso ufficio a segnalare la mancata registrazione ufficiale dell’organizzazione, e ne interruppe le operazioni con effetto immediato. Una decisione evidentemente faziosa, dato che la causa stessa dell’irregolarità non era una mancanza da parte di SMUG, ma piuttosto un accanimento istituzionale parte di un piano più ampio per la repressione delle libertà individuali.

A marzo del 2023, l’entrata in vigore dell’Anti-Homosexuality Act- in cantiere dal 2016 – e con esso il divieto alla promozione dei diritti LGBTQIA+ con pene draconiane per chi lo infrangesse. La conseguente ondata di raid, arresti e detenzioni ingiustificate a danno delle identità non conformi – o presunte tali – servì a consolidare maggiormente l’attività repressiva delle autorità e il clima di terrore in cui ancora oggi la comunità LGBTQIA+ si trova ad operare.

Ma SMUG non aveva nessuna intenzione di arrendersi, e, nei mesi successivi, intentò un nuovo appello arrivata nelle scorse settimane in tribunale. Purtroppo, un buco nell’acqua.

SMUG non potrà più operare legalmente in Uganda

A un giorno dall’anniversario dell’entrata in vigore dell’Anti Homosexuality Act il 21 marzo 2023, la Corte D’Appello ugandese rifiuta quindi ufficialmente l’istanza di registrazione di SMUG, che non potrà più quindi svolgere il proprio vitale lavoro di promozione, tutela e advocacy dei diritti LGBTQIA+, ma anche le proprie fondamentali attività di sensibilizzazione e prevenzione in ambito di HIV.

Benché il fulcro del dibattimento sia stato prevalentemente il nome dell’organizzazione, il giudice ha comunque evidenziato l’associazione dello SMUG con attività di promozione e tutela dei diritti delle persone LGBTQIA+. Attività, secondo quanto stabilito dall’Anti-Homosexuality Act (AHA), considerate illegali.

Non si tratta però di un caso isolato: in questi mesi, la Corte Suprema dell’Uganda è impegnata ad esaminare casi su casi presentati da NGO, organizzazioni per i diritti umani, accademici, giornalisti e persino leader religiosi in sfida ai pesanti regolamenti anti-LGBTQIA+.

Molt* attivist* e difensor* dei diritti umani hanno manifestato la loro delusione per il verdetto, interpretandolo come l’ennesima opportunità perduta di salvaguardare diritti umani fondamentali della comunità LGBTQIA+, quali la libertà di associazione e di espressione.

Ancora una conferma che l’Uganda non ha alcuna intenzione di tornare sui propri passi, neanche alla luce delle pressioni internazionali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: "Caro Salvini le facciamo questa domanda...." - Karma B Ciao Maschio 4 - Gay.it

Ciao Maschio 2024, intervista alle Karma B: “Caro Salvini le facciamo questa domanda….”

Culture - Federico Boni 12.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!” - Perugia Pride 2019 - Gay.it

Perugia, in otto a processo per insulti omofobi sui social: “Odiare costa!”

News - Redazione 26.1.24
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23
uganda-aggressione-attivista

Uganda, attivista per i diritti LGBTQIA+ accoltellato in pieno giorno nei pressi della sua abitazione

News - Francesca Di Feo 4.1.24
africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
palestina lgbtiq

Come vivono le persone LGBTIQ+ a Gaza e nei Territori Palestinesi

News - Redazione Milano 13.11.23
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24