Squid Game e queer coding: se essere gay rimane solo un vizio

Squid Game è la serie Netflix dei record. Dalla Corea del Sud con furore, ha conquistato la critica. Tuttavia, a livello di rappresentatività LGBT, mostra evidenti debolezze, pur strizzando l'occhio al pubblico queer.

Squid Game e queer coding: se essere gay rimane solo un vizio - Squid Game - Gay.it
2 min. di lettura

Un’isola come arena, tanti giochi da bambini, un sadico torturatore, 456 giocatori in bancarotta che si sfidano alla sopravvivenza per conquistare un montepremi da favola. Questi gli ingredienti vincenti di Squid Game, la serie sudcoreana dei record firmata Netflix, che nell’arco di appena due settimane ha raccolto il placet di pubblico e critica.

Squid Game ha sbancato, sia su Netflix (di cui non conosciamo i dati di ascolto, ma questo è un altro discorso…) che sui social, dove si è conquistata un posto speciale fra le tendenze di questo principio di ottobre. Altro che le scarpe platform e le tinte neutre, quest’autunno vanno di moda le Vans bianche e le coloratissime divise dei protagonisti della serie, che porta in scena il dramma del capitalismo, rigorosamente in chiave k-pop. Su Internet si sprecano i meme tratti dai primi episodi, che vedono protagonisti soprattutto la bambola gigante dell’un, due, tre, stella! o il biscotto di zucchero del secondo gioco, ma sono virali anche molte fancam (montaggi di video celebrativi, ndr) su alcuni personaggi, finiti al centro di fantasiose ship. Insomma coppie immaginarie, nate nella mente degli spettatori, che costruiscono storie parallele a quella principale, sia in formato video che testuale.

Le ship più condivise sui social sono a tinte arcobaleno. Qui ci fermiamo, allerta spoiler. Nonostante nessun protagonista della serie sia dichiaratamente parte della comunità LGBT, c’è chi fantastica sul possibile coinvolgimento sentimentale delle coppie che, nell’episodio dedicato al gioco delle biglie, scelgono di fare squadra, inconsapevoli del destino manicheo di morte che attende loro. In un team da due, uno sopravvive e l’altro ci lascia le penne. Tra le coppie, quella più amata è quella composta da HoYeon Jung (la disertrice nordcoreana Kang Sae-byeok) e Lee Yoo-mi (l’omicida Ji-yeong). Le loro parole delicate, accompagnate da lunghi silenzi, fino ad arrivare al sacrifico dell’assassina per la sua prima amica dall’uscita dal carcere, sono stati letti come momenti chiave di una relazione lampo, più intensa rispetto a quella fra colleghe di gioco ed avversarie.

Stessa sorte per il pakistano Abdul Ali, interpretato da Tripathi Anupam, e il “traditore” Cho Sang-woo (Park Hae-soo), che pur determinando con un imbroglio la morte dell’amico, il popolo della rete non riesce a distinguere dal compagno di merende. Non che il regista non indugi su alcuni comportamenti, espressioni e sguardi, giocando tra i non detti una partita su cui campeggia il titolo di queer-coding, quella lettura solo suggerita di un personaggio come queer. La soluzione patetica viene imboccata dalla sceneggiatura, che pure rappresenta come personaggio attratto da individui dello stesso sesso solo un cattivo cattivissimo, un VIP, per giunta stupratore. L’omosessualità palese solo in formato perverso, in un mondo a sé in cui nulla va come dovrebbe, dove i potenti si divertono ad osservare da uno schermo i loro simili mentre perdono la vita, disumanizzandosi.

Non che un antagonista non possa essere gay, come specifica a chiare lettere il portale Digital Spy, ma il fatto è che l’unico personaggio che dimostra di non essere eterosessuale mette in pratica tutti i pregiudizi e gli stereotipi sull’argomento. Un vecchio pederasta, che minaccia chi non si sottopone al proprio volere. Seppur funzionale alla trama, la costruzione del personaggio manifesta delle carenze evidenti nella rappresentanza queer e nella gestione della materia LGBTQ+ da parte della serie e, in senso lato, di gran parte dell’audiovisivo sudcoreano. Che pure, come sta fornendo lustro all’industria culturale del paese nel mondo, ha il compito di portare l’attenzione sui temi sentiti dalle nuove generazioni, attualmente in lotta per la conquista di maggiori diritti civili.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
arbo 10.10.21 - 15:23

Ma c'e' sul serio gente che si preoccupa di immaginarsi con chi vanno a letto dei personaggi di una fiction, e si inventa pure che rappresentino una valanga di persone reali solo perche' hanno in comune simili tendenze sessuali? In Squid Game l'omosessualita' sara' un vizio, e gli eterosessuali sono tutti un branco di stronzi che fanno fuori altra gente per noia... Volendo dividere il mondo in due categorie separate, che non esiste proprio, uno potrebbe pensare che gli etero siano rappresentati peggio...

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Giucas Casella conferma di aver avuto esperienze sessuali con uomini: "Succede a molti, ma io lo dico" - Giucas Casella - Gay.it

Giucas Casella conferma di aver avuto esperienze sessuali con uomini: “Succede a molti, ma io lo dico”

Culture - Redazione 8.1.24
Mahmood outing gay Grande Fratello

Outing a Mahmood “Lui è gay” dice Stefano Miele al Grande Fratello

Musica - Redazione Milano 30.1.24
Mare Fuori 4, da oggi su RaiPlay i primi sei episodi. Ecco tutto quello che c'è da sapere - Mare Fuori 4 - Gay.it

Mare Fuori 4, da oggi su RaiPlay i primi sei episodi. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Serie Tv - Federico Boni 1.2.24
"Noi e ...", questa sera Mara Venier e Loretta Goggi per la prima volta insieme a sostegno dell'Unicef - Mara Venier e Loretta Goggi 2 - Gay.it

“Noi e …”, questa sera Mara Venier e Loretta Goggi per la prima volta insieme a sostegno dell’Unicef

Culture - Redazione 22.11.23
Heartstopper 3, ecco la prima new entry ufficiale della nuova stagione - Heartstopper 3 1 - Gay.it

Heartstopper 3, ecco la prima new entry ufficiale della nuova stagione

Serie Tv - Redazione 28.11.23
L'età dell'Ira, la nuova serie con Manu Rios tra omofobia e accettazione arriva su RaiPlay - leta dellira - Gay.it

L’età dell’Ira, la nuova serie con Manu Rios tra omofobia e accettazione arriva su RaiPlay

News - Redazione 14.5.24
Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia - Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100 Italia foto - Gay.it

Celeste e Giulio nuova coppia di campioni di 100% Italia

Culture - Redazione 5.3.24
Heartstopper 3, sono ufficialmente finite le riprese della nuova stagione. L'annuncio - Cover Heartstopper 3 - Gay.it

Heartstopper 3, sono ufficialmente finite le riprese della nuova stagione. L’annuncio

Serie Tv - Redazione 18.12.23