La D’Urso ripresa dalla rete: “Niente trans di pomeriggio”

Barbara D’Urso è stata ripresa dai dirigenti diCanale 5 per avere affrontato, con Vladimir Luxuria come ospite, il tema del cambio di sesso e dell’identità di genere. I fatti risalgono a gennaio 2009.

Richiamata all’ordine addirittura dai dirigenti della rete, Barbara D’Urso per avere permesso a Vladimir Luxuria di raccontare dal salotto di Pomeriggio 5 la sua storia di transessuale e la sua decisione di cambiare sesso. Era il 21 gennaio dello scorso anno e a dibattere della questione in studio c’erano anche l’ex direttore di Liberazione Piero Sansonetti e Alessandra Mussolini.

Naturalmente a discussione ci ha messo poco a surriscaldarsi, ma non è questa la ragione per cui la rete si è sentita in dovere di riprendere formalmente Barbara D’Urso, altrimenti dovrebbe farlo quasi ogni giorno.

La cosa che, a parere dei dirigenti di Canale 5 non andava bene in quella trasmissione era il tema trattato, ovvero il cambio di sesso, e la fascia oraria in cui è andato in onda.

Pomeriggio 5 va in onda dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19, orario nel quale, a quanto pare, affrontare il tema della transessualità, dell’identità di genere e del cambio di sesso, per i vertici della rete è inopportuno.  Altrettanto inopportuno, forse, non pare che nella stessa trasmissione, quindi nella stessa fascia oraria, il sindaco leghista di Varallo Gianluca Buonanno si rivolga alla transessuale Vladimir Luxuria chiedendole: "Ma ti hanno infilato una presa su per il sedere?", come è successo appena venerdì scorso.

Ti suggeriamo anche  Abrahm DeVine, nuotatore gay, espulso dalla squadra di Stanford per il suo orientamento