Yang Shi: “La mia strana storia gay, made in China”

“I cinesi della Cina mi davano del banana: un modo dispregiativo per dirmi che mi stavo occidentalizzando davvero troppo.”

«Era il marzo del 1990 e, a soli undici anni, stavo volando verso l’Europa insieme a mia madre. Per tutto il viaggio me ne restai con la testa appoggiata al sedile. Era la prima volta che volavo, mi facevano male le orecchie, avevo un po’ di nausea, e mi spaventavo ogni volta che l’aereo traballava.»

La storia dell’attore Shi Yang Shi, pubblicata da Mondadori nel libro Cuore di Seta, arrivato in Italia a soli undici anni e cresciuto in condizioni non proprio facili, è una di quelle storie che tutti meriteremmo di leggere. Oggi Yang, attore, ex Iena, scrittore e traduttore, si gode un periodo particolarmente felice della sua vita e parla, senza dimenticare il passato tra venditori ambulanti e massaggiatori, della sua nuova vita, dell’insolito coming out paragonato ad un triplo sarto mortale, del compagno Angelo Cruciani, del desiderio di paternità e di quando diceva: “In Italia è più difficile essere gay, che cinesi!”.

Perché hai deciso di raccontare la tua vita in un libro?

È stata una sorta di scommessa personale, ma anche una commissione da parte della Mondadori. Quando mi venne data questa possibilità, all’inizio, dissi di no. Ero troppo impegnato, con altre persone, a salvare il Compost di Prato che era uno spazio dedicato al teatro indipendente. 

E siete riusciti a salvarlo?

No, e non sai che dolore! Ci ho passato sette anni della mia vita.   

Quando si scrive un libro così personale non hai paura che qualcuno possa pensare: ma chi se ne frega?

(ride, ndr) Questa domanda me la sono posta in un secondo momento, forse perché coperta dal mio ego smisurato. Mi sono chiesto, più volte, se i fatti privati della mia vita potessero interessare o disturbare qualcuno, in particolare modo i miei genitori e la mia famiglia. C’è un detto cinese che dice: ‘Le bruttezze della vita non vanno mai raccontate all’esterno.’ 

E trovavi risposta a questa tua domanda?

La trovavo nella commissione della Mondadori! Mi fecero notare che ero l’unico cinese che avrebbe potuto raccontare e raccontarsi in un modo tutto nuovo. In fondo ero l’unico cinese che aveva fatto uno spettacolo sulla sua seconda generazione. Porterò Tong Men-G l’1,2 e 3 dicembre al Teatro Verdi di Milano, mentre il 15 dicembre sarò a Savigliano, vicino Torino. 

Il titolo: Cuore Di Seta. Perché?

Ho scelto la parola Cuore perché è una delle poche cose che ci rende tutti uguali. Puoi essere giallo, bianco, nero, ma il cuore è lo stesso per tutti. Mentre ho scelto la Seta perché rappresenta quella bellezza antica di cui porto il DNA culturale ed è bene ricordarselo sempre. Non siamo solo cinesi della nuova globalizzazione, ma siamo anche operai che muoiono carbonizzati nella fabbriche , come la triste vicenda di Prato del 1 dicembre. 

Ti suggeriamo anche  André Gide: 150 anni e non sentirli per il cantore della libertà

La domanda può sembrare banale, ma forse non lo è. Il libro è stato scritto in italiano, o in cinese?

In italiano. L’italiano è la lingua che uso per scrivere i miei sogni e oggi posso dire tranquillamente che scrivo meglio in cinese, che in italiano. 

Si parla sempre più della poca tolleranza italiana nei confronti degli immigrati. Con te, gli italiani, come son stati?

Il merito è sicuramente del colore della mia pelle se non mi son mai sentito dire: ‘negrone di merda’, ma ho sentito tante volte il dispregiativo ‘cinesino’. Dietro quel cinesino non si nascondono solo dei cliché sulle dimensioni, ma delle vere e proprie percezioni dell’altro, su di noi, come persone inferiori. È successo, ma niente di così sconvolgente. A Prato, invece, ho notato una forte incomunicabilità tra la comunità cinese e quella italiana. 

In una vecchia intervista hai anche detto che in Italia è più difficile essere gay, che cinesi. Lo pensi ancora?

All’epoca, quando rilasciai quell’intervista, non c’era ancora la Legge Cirinnà.

Pensi che se il tuo coming out fosse stato fatto in Cina sarebbe stato tanto diverso?

Sarebbe stato sicuramente più difficile. Molto più difficile. Come molti cinesi che ho conosciuto, sarei dovuto scappar via. Io, poi, vengo da Jinan, una città molto, ma molto, conservatrice, capitale della provincia di Shandong. Uno dei maggiori tradimenti, in quella realtà, è l’assenza di prole.

Che ricordi hai del tuo coming out?

Ne parlo dettagliatamente nel libro. Potremmo definirlo come una sorta di triplo salto mortale, se vogliamo.

Come fu?

Particolare a dir poco, visto che ne ho fatti tre: uno con mia madre, uno con mio padre e uno con i miei compagni. Quello con i compagni di scuola fu drammatico, ero persino rappresentate d’istituto ai tempi. Con mia madre ci fu una sorta di comprensione, dopo diverse domande, mentre con mio papà fu molto più faticoso. Lui è un uomo molto sanguigno. Proprio come un siciliano purosangue. 

Ti suggeriamo anche  Carmelo, il pensionato che parla con Gesù e vede gli omosessuali e i down come il male

Quanto ti ha aiutato il buddismo a superare quel momento?

Tantissimo. Ho iniziato a praticarlo nel 2010, proprio qui in Italia. I cardini filosofici di questa religione, come la legge del karma e la relazione tra causa ed effetto, mi hanno aiutato a gestire il rapporto con la mia famiglia in un modo più saggio ed equilibrato. 

Come vive la comunità cinese la sessualità?

Sul tema della sessualità sono ancora molto indietro, anche se stanno iniziando a fare dei piccoli passi in avanti. Sullo YouTube cinese, ma anche in diversi programmi televisivi, ad esempio, ci sono dei video che raccontano l’omosessualità, anche in modo scherzoso. Mi ha colpito molto, in particolare, un’intervista fatta in una macelleria di periferia, in cui il proprietario, uomo molto tradizionalista, ha detto candidamente di non avere problemi ad accettare gli omosessuali. Secondo una famosa antropologa cinese, però, la situazione è molto simile a quella del medioevo.

È vero che per un certo periodo della tua vita hai fatto il massaggiatore in spiaggia?

Certo e non sai che vergogna all’inizio, ma poi ho fatto anche il venditore ambulante e il cubista in discoteca d’estate. In inverno, invece, mi trasformavo in uno studente modello e in un traduttore. In Cina eravamo benestanti. I miei genitori erano un manager e un medico stimato, poi, una volta arrivati in Italia, sono diventati altro. 

Altro?

Sì, mamma si è trasformata in una donna delle pulizie e baby sitter, mentre mio padre è diventato un manager in provetta e venditore ambulante d’estate. Inutile dirti che guadagna più come venditore ambulante, che come manager. 

Appena arrivato a Milano quale fu la prima cosa che ti colpì?

La mia famiglia ed io siamo arrivati in Italia all’inizio degli anni ‘90. I miei genitori volevano migliorarsi e poi eravamo convinti che in Europa tutto sarebbe stato più bello e più libero. Ma la realtà, come sempre, si rivelò molto più dura rispetto ai sogni che avevamo. Quello che, però, ricordo con molto piacere, è la gentilezza sociale che ci accolto fin dall’inizio. E la grandissima Stazione Centrale.

Torni mai nel tuo Paese?

Non quanto vorrei. Vado ogni due o tre anni.

Oggi sei fidanzato?

Sì, con il mio Angelo. ( Angelo Cruciani, stilista ndr).

Ci pensate mai all’idea di diventare genitori?

Ogni qual volta che si parla di omogenitorialità, ci poniamo due domande. Quanto siamo responsabili come essere umani? E quanto siamo disposti a metterci in secondo pianoomogenitorialità che risposte vi date?

Ti suggeriamo anche  Giuseppina La Delfa: "Anche senza tutele daremo corpo ai nostri sogni"

Non abbiamo ancora risposte concrete e queste due domande, ogni volta, ci fanno tornare con i piedi per terra. 

È vero che i tuoi amici cinesi ti vedono come un ‘banana’?

In realtà, la gran parte dei miei amici sono italiani. Loro scherzano su altro, ma non mi chiamano di certo banana! Fino a quando avevo venti anni, invece, ‘i cinesi della Cina’ mi chiamavano così. Era un modo dispregiativo, per dirmi che secondo loro ero diventato troppo occidentale.

Sei un attore, un inviato de Le Iene, un traduttore e ora anche uno scrittore. Ad essere così tante cose non si rischia di perdere la propria identità?

La dispersione ci sarebbe se io non sapessi chi sono realmente. Ma io, dopo gli anni vissuti qui in Italia e dopo le mie diverse esperienze, so precisamente da dove vengo e soprattutto dove voglio andare. Voglio essere un attore che riesce a portare in scena le tante maschere che parlano di noi, comprese quelle più nascoste nel sottobosco, che nessuno racconta mai.

Giochiamo a sfatare dei miti assurdi sui cinesi?

Ci sto! 

I cinesi muoiono?

Ovvio che si! E nei cimiteri di Milano ce ne sono sepolti molti.

I cinesi rubano il lavoro agli italiani?

I cinesi, in Italia, hanno fatto la loro fortuna con il pronto moda: sono veloci e lavorano tanto, anche di notte. Gran parte degli abiti che indossiamo sono stati cuciti nelle fabbriche di Prato!   

I cinesi sono schiavisti?

Non parlerei di schiavismo! I cinesi hanno davvero voglia di lavorare e conoscono, come i loro nonni, il vero significato del sacrificio. 

I cinesi pagano le tasse?

Hanno imparato dai commercialisti italiani a non farlo! Proprio da loro che predicano bene, e razzolano male. 

Perché i cinesi son tutti magri?

No, anzi! Negli aeroporti cinesi, i più grassi vengono bloccati alla frontiera! E anche gli uomini calvi.

Che poi, i cinesi, cucinano i gatti?

E che dire di voi italiani, che siete pelosi come scimmie?   

I cinesi son davvero tutti uguali?

E allora voi italiani? Avete tutti le stesse facce e vi chiamate allo stesso modo. Mica vorrete confondermi anche voi, vero?