Friends ‘sit-com omofoba’? Matt LeBlanc e Kathleen Turner rispondono alle accuse

Matt LeBlanc e Kathleen Turner replicano alle accuse di ‘omofobia‘ rivolte alla storica sit-com Friends.

Il mese scorso Friends, storica sit-com anni ’90, è tornata a far parlare di sé grazie alla diffusione Netflix delle 10 stagioni dello show.

236 episodi da recuperare, per chi non l’avesse mai visti, che hanno lasciato di stucco non pochi utenti. Sui è social è infatti inaspettatamente esplosa una polemica che vorrebbe la storica e amatissima serie NBC “omofobica, transfobica, sessista e misogina”. Possibile?

Matt LeBlanc, indimenticato Joey Tribbiani, ha replicato dagli schermi della BBC, rigettando le accuse: “Sono fortemente in disaccordo. I temi trattati nella serie riguardano temi che hanno superato la prova del tempo: fiducia, amore, relazioni, tradimento e famiglia”.

Di tutt’altro avviso Kathleen Turner, in alcuni episodi padre transgender di Chandler Bing, ovvero Matthew Perry. Intervistata da Gay Times, l’attrice ha ammesso che Friends non sarebbe propriamente ‘invecchiato bene’, per quanto riguarda i diritti LGBT.

“Non credo che sia invecchiato bene. Era una sitcom di 30 minuti. È diventato un fenomeno, ma nessuno l’ha mai presa sul serio dal punto di vista della critica sociale”. “Quando si sono avvicinati mi hanno chiesto, ‘ti piacerebbe essere la prima donna che interpreta un uomo che interpreta una donna?’. Ho risposto di sì, perché all’epoca non c’erano molti personaggi drag / trans in televisione”.

Nel corso dello show il personaggio della Turner non è mai stato effettivamente riconosciuto come transgender, tanto dall’essere etichettato come gay o drag queen. Venne inoltre spesso deriso dagli altri personaggi, specialmente per il suo drag show, che si intitolava ‘Viva Las Gaygas’. “Sì, la gente pensava che Charles si stesse solo vestendo da donna“, ha aggiunto Kathleen.

Ti suggeriamo anche  Brunei, proteste LGBT a Londra - STA Travel taglia i ponti con Royal Burnei Airlines

Va anche ricordato che in Friends abbiamo potuto ammirare una delle prime coppie lesbiche mai viste in tv, con tanto di matrimonio LGBT.

 

 

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni