Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Appuntamento sabato 23 marzo al Cinema Massimo di Torino.

ascolta:
0:00
-
0:00
trans-visibility-night-star-t-2024
4 min. di lettura

Celebrare le esperienze, i talenti, la memoria e il contributo della comunità trans* alla società non è solo una questione di inclusione, ma un atto rivoluzionario di riconoscimento e valorizzazione delle storie e delle vite di soggettività troppo spesso relegate ai margini.

Sabato 23 marzo 2024, il Cinema Massimo di Torino si trasforma in un palcoscenico di luce e di lotta, ospitando la quarta edizione di Star.T, la Trans* Visibility Night: una serata dedicata interamente alla celebrazione delle persone trans* italiane che, con la loro esistenza e la loro visibilità pubblica, si sono distinte per il loro impegno nell’arte e nell’attivismo.

“Abbiamo deliberatamente scelto di collocare l’evento in concomitanza con il TDoV per enfatizzare l’importanza cruciale della visibilità, un tema che riteniamo tocchi profondamente tutti – spiega Sofia Darino, comitato Torino Pride – La visibilità può rappresentare un valore aggiunto e desiderabile, ma per le persone appartenenti alla comunità LGBT, e in particolare quelle trans*, talvolta  si traduce in una fonte di ansia su come possano essere percepite esternamente.

Essere visibili, anche quando si percorrono le strade in sicurezza o si vive liberamente la propria vita, assume un significato ancora più profondo per noi: la nostra esistenza, che non può e non vuole essere celata, ci espone maggiormente a sguardi e giudizi esterni. Proprio per questo motivo, miriamo a distaccarci dagli stereotipi e dalle aspettative standardizzate che la società tende ad imporre.

La nostra speranza è di celebrare e promuovere una visibilità che sia sicura e autentica, consentendo a ciascuno di vivere apertamente e senza paura.”

Con il claim “Nel cielo brillano storie trans*”, l’evento si inserisce nel contesto più ampio del Transgender Day of Visibility (TDoV), che si tiene annualmente il 31 marzo.

Fondato nel 2009 dall’attivista trans* Rachel Crandall, il TDoV si propone di enfatizzare la positività e la forza delle identità trans*, sfidando stereotipi, pregiudizi e rappresentazioni distorte veicolate dai media e dalla società.

In questo contesto, Star.T non è solo un momento di celebrazione, ma anche di importante presa di parola politica e sociale, uno spazio di rappresentazione autentica e di condivisione delle esperienze trans*. Presente all’evento di presentazione anche Jacopo Rosatelli, assessore alle politiche sociali e pari opportunità del Comune di Torino:

“Il processo di riscatto inizia qui, dove prendiamo posizione contro le discriminazioni e avviamo la nostra riscossa. La visibilità per le persone all’interno della Comunità LGBTQIA+ rappresenta il passo cruciale che dobbiamo compiere per affermare la nostra identità, per raccontare chi siamo e vivere autenticamente.

Star.T, in modo particolare, mira a evidenziare i talenti e il significativo contributo offerto dalle persone trans alla società. L’istituzione che rappresento ha fatto una scelta chiara, decidendo di stare dalla parte dei diritti umani, al fianco delle persone, e di lottare contro ogni forma di discriminazione.

È nostro dovere ribadire l’importanza che le istituzioni si esprimano, prendano posizione e indichino alla società quale sia il giusto orientamento da seguire e quali siano i valori giusti da difendere”.

La serata – presentata da Vittoria Sorrentino e Christian Ballarin, attivistə trans* notə per il loro impegno a favore delle persone T e non binarie – prevede un programma ricco e variegato, con letture, proiezioni di film e documentari, performance teatrali e stand-up comedy, il tutto in un contesto libero e accessibile a tutt*.

I riconoscimenti assegnati a personalità di spicco in diversi ambiti di impegno riflettono la diversità e la ricchezza delle esperienze e delle contribuzioni delle persone trans* alla società. Dall’attivismo alla poesia, dallo sport alla stand-up comedy, ogni categoria rappresenta un’area in cui le persone trans* hanno lasciato e continuano a lasciare un’impronta fondamentale, superando ostacoli e contribuendo alla lotta per l’uguaglianza e il riconoscimento dei diritti.

“I nostri non saranno dei premi, ma dei riconoscimenti – conclude Darino – proprio perché il focus è sulle storie, e non sulla concezione cisnormativa e capitalista che esistano solo certi tipi di successo”.

Numerose personalità saliranno sul palco per consegnare i prestigiosi riconoscimenti. Tra di esse, Vladimir Luxuria, direttrice del Lovers Film Festival, assegnerà il premio nella categoria Stand-up comedy e Social; Rosanna Purchia, assessora alla cultura di Torino, premierà i vincitori della categoria Poesia; Patrizia Alfano, presidente di UISP Piemonte, si occuperà della categoria Sport.

I riconoscimenti

Categoria “Attivismo“: Egon Botteghi

Egon Botteghi, noto per il suo attivismo intersezionale, transfemminista e antispecista, ha svolto un ruolo cruciale all’interno di spazi accademici e comunitari, tra cui il CIRQUE, Centro Interuniversitario di Ricerca Queer, e Politesse, Centro Universitario di Politica della Sessualità. La sua dedizione alla causa della genitorialità trans* attraverso la Rete Genitori Rainbow, e il suo impegno come formatore, mettono in luce l’importanza dell’intersezionalità nelle lotte per l’equità. Botteghi porta inoltre la questione dell’identità di genere e della discriminazione sul palco, utilizzando il teatro come mezzo di diffusione e sensibilizzazione.

Categoria “Stand-up comedy e Social“: Diego Piemontese

La giovane età non ha impedito a Diego Piemontese di farsi un nome come stand-up comedian e regista teatrale, distinguendosi per la sua capacità di affrontare con ironia la realtà degli uomini trans*. Le sue performance, unitamente alla condivisione dei cambiamenti personali sui social media, lo rendono un punto di riferimento importante per la comunità, soprattutto per i giovani in cerca di modelli positivi.

Categoria “Poesia“: June Scialpi

June Scialpi porta la sua unica prospettiva trans* nel campo della poesia e della prosa, con opere che esplorano in profondità la sua identità e esperienza di vita. Dall’esordio con “Carne incognita” alla recente vittoria del premio Ennio Flaiano, Scialpi ha contribuito significativamente alla letteratura contemporanea, arricchendola con la sua voce distintiva e la propria queerness.

Categoria “Sport“: Valeriə Avalle

Valeriə Avalle incarna la resilienza e la determinazione di chi non si lascia definire da una singola identità. Runner e attivistə, Avalle ha dimostrato che è possibile eccellere nello sport e allo stesso tempo battersi per i diritti LGBTQIA+, offrendo una testimonianza vitale sulla realtà delle persone trans* e non binarie nel mondo dello sport agonistico.

Categoria “In Memoria“: Lucy Salani

Lucy Salani riceve un riconoscimento postumo alla sua scomparsa nel 2023 che celebra la sua vita come donna transgender e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti. La sua storia di resistenza e di memoria si erge a simbolo dell’impareggiabile coraggio delle persone trans* di fronte a circostanze estreme. Simone Cangelosi, amico intimo di Salani, ritirerà il riconoscimento in sua memoria, assicurando che il suo lascito continui a ispirare e a educare le future generazioni.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24

Leggere fa bene

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
Credit: Steve Russell

Cosa è cambiato per lə bambinə trans* nel Regno Unito

News - Redazione Milano 22.12.23
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
Jonathan Bailey a difesa delle persone trans* (Foto: ES Magazine)

Jonathan Bailey a difesa dellə adolescenti trans*: “Oggi più urgente che mai”

Cinema - Redazione Milano 18.12.23
animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24