Un sogno chiamato Florida, orchi e principessine nel resort meno fiabesco che ci sia

Emoziona il nuovo film del regista del trans Tangerine sui nuovi poveri in un motel ai margini di Disney World.

Un sogno chiamato Florida, orchi e principessine nel resort meno fiabesco che ci sia - The Florida Project Home - Gay.it
3 min. di lettura

È ormai passato quasi da un anno da quando The Florida Project, presentato in anteprima mondiale alla Quinzaine di Cannes, riuscì a commuoverci fino alle lacrime grazie al suo struggente finale. Arriva finalmente nelle sale italiane col titolo ‘ammorbidito’ Un sogno chiamato Florida di Sean Baker, talentuoso regista del trans Tangerine. Un cineasta che farà strada, dotato di una particolare sensibilità nei confronti di derelitti e disadattati, anime perse e fuori sincrono rispetto a un mondo consumista e cinico nei confronti del quale provano un forte disagio esistenziale.

Un sogno chiamato Florida, orchi e principessine nel resort meno fiabesco che ci sia - The Florida Project - Gay.itIl mondo di Un sogno chiamato Florida è quello dei motel a tema Disney che circondano la capitale del divertimento Orlando e di fiabesco hanno solo più il nome, diventati con la crisi contenitori fatiscenti di famiglie sotto la soglia della povertà. Il Magic Castle Hotel, spruzzato di lilla pastello come un enorme bon-bon glassato, è uno di questi. La giovane Halley (Bria Vinaite, da tenere d’occhio) si arrabatta tra spaccio e prostituzione per dare da mangiare alla piccola monella Moonee (il peperino Brooklynn Kimberley Prince, davvero una rivelazione) che insieme agli scatenati amichetti Scooty, Dicky e Jancey cerca di sfuggire dal degrado inventandosi liberatorie gare di sputi e avventurose esplorazioni di edifici in stato di abbandono.

A vegliare su di loro, quasi a rappresentare quella figura paterna che manca a tutti quanti perché in carcere oppure mai conosciuta, c’è il protettivo Bobby (Willem Dafoe in una delle sue migliori interpretazioni di sempre, non a caso candidata all’Oscar), custode del residence che cerca di gestire mantenendo la calma nonostante gli infiniti arretrati di pagamento e le situazioni sempre ai limiti della legalità.

Un sogno chiamato Florida, orchi e principessine nel resort meno fiabesco che ci sia - The Florida Project 2 - Gay.itBaker non cerca lo scandalo, il realismo crudo, ma al contrario riesce, con partecipata compassione, a stanare proprio quel che resta della magia e dello stupore nello sguardo delle ‘simpatiche canaglie’ del film alla cui altezza pone quasi sempre la macchina da presa (è fan dichiarato dei cortometraggi prodotti da Hal Roach nella celebre serie tv di ormai quasi un secolo fa).

Un sogno chiamato Florida, orchi e principessine nel resort meno fiabesco che ci sia - The Florida Project 3 - Gay.itSolo nella seconda parte del film emerge tutto lo squallore disumano di questo contesto degradato, fra genitori irresponsabili, assistenti sociali in allarme e mancati punti di riferimento educativo. Ma lo sguardo è ottimista, vitale: c’è sempre spazio per un’altra avventura, al di là della sofferenza e della miseria, non importa se solo immaginata o sognata. Non è questa, dopotutto, l’essenza della fiaba? Il Times l’ha giustamente definito ‘il Moonlight di quest’anno’, già si parla di ‘neorealismo indie’, ma in realtà siamo più dalle parti di una sorta di versione umanista e finzionale di The Other Side diretto da Roberto Minervini sui nuovi poveri nel sud degli Usa.

Da segnalare la magnifica fotografia pastellata del messicano Alexis Zabé, già stimato collaboratore di Carlos Reygadas e Harmony Korine.

Finale da lucciconi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Mahmood Matteo Salvini

Salvini di nuovo contro Mahmood, la Lega si oppone al premio Rosa Camuna

Musica - Mandalina Di Biase 24.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
Crossroads, il film con Britney Spears arriva per la prima volta in streaming. Ecco dove e quando - Crossroads - Gay.it

Crossroads, il film con Britney Spears arriva per la prima volta in streaming. Ecco dove e quando

Cinema - Federico Boni 23.1.24
The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
damiano gavino nudo andrea di luigi nuovo olimpo cover

Nuovo Olimpo, nudo integrale di Damiano Gavino e Andrea Di Luigi, a Ozpetek avevano detto “saranno c…. tuoi”

Cinema - Redazione Milano 1.11.23
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Andrew Scott spiega perché non bisognerebbe più usare il termine “apertamente gay” (VIDEO) - 056 S 01960 - Gay.it

Andrew Scott spiega perché non bisognerebbe più usare il termine “apertamente gay” (VIDEO)

Cinema - Redazione 9.1.24
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Cinema - Federico Boni 30.11.23