LESBO: L’ISOLA PER LEI

di

L'isola più conosciuta dalle lesbiche ha bar, ristoranti e strutture alberghiere dedicate alle sole donne.

CONDIVIDI
81 Condivisioni Facebook 81 Twitter Google WhatsApp
34116 1

Delle 160 isole che può contare la Grecia, quella di Lesbo, nota come Lesvos, sicuramente è tra le più conosciute dalla comunità GLBT. Dal punto di vista turistico è tra le meno sviluppate e questo può essere, da una parte, un vantaggio per coloro che amano visitare i luoghi incontaminati dal turismo di massa, ma può costituire anche uno svantaggio per il numero limitato di strutture riservate ai visitatori.

La terza isola più grande della Grecia consente di apprezzare lo spirito ellenico che si è un po’ perso altrove. Spiagge selvagge, villaggi solitari, gastronomia semplice, il tutto colorato da antiche piante d’olivo. A parte le bellezze naturali, il blu ed il verde che sapientemente si mescolano, l’isola è ricca di siti archeologici, monumenti religiosi, castelli bizantini, chiese e monasteri.

Raggiungere l’isola non è difficile si può scegliere se arrivare in volo da Atene o Salonicco, oppure con il servizio di ferry in partenza dal Pireo e da Salonicco. L’alta stagione inizia a metà Luglio e si conclude a fine Agosto, chi vuole evitare i mesi cruciali potrebbe programmare una visita a Maggio, Giugno, Settembre e Ottobre.

Il turismo della comunità GLBT è iniziato da queste parti oltre una ventina di anni fa quando gruppi di lesbiche sbarcavano sull’isola per onorare la poetessa Saffo nata a Skala Eressos.

La capitale Mytilini è costruita sulle rovine della città antica e costituisce il punto di partenza per iniziare il proprio tour dell’isola, sparsa su sette colline. Nella città natale della poetessa greca, che si erge in una valle circondata da un anfiteatro di roccia vulcanica, si possono trovare sistemazioni di ogni tipo dalla modesta pensione, all’appartamento, alla casa in affitto al grande albergo.

L’Antiopi Hotel, recentemente ristrutturato, è dedicato solo alle donne, così come il Mascot Hotel che, a poche strade dalla spiaggia e dal mare, è fra i più confortevoli grazie anche all’aria condizionata e al balcone privato in ogni camera. Il Galini Hotel è gestito da una famiglia e non è esclusivamente gay. L’Aeolian Village Hotel dispone di una grande piscina, campi da tennis ed ogni confort a pochi passi dalla spiaggia. Qui però troverete solo poche coppie lesbiche.

Dopo aver trascorso la giornata a godere dell’acqua limpida del mare o aver visitato i siti ricchi di storia ci si può rilassare e divertire nei locali che si affacciano lungo la passeggiata principale e la spiaggia. Tra i più noti c’è il Tenth Muse Bar, così chiamato in onore della poetessa, situato nella piazza principale. Si può pranzare e prendere l’aperitivo sulla sua terrazza, mentre alla sera cocktails e musica sono la regola. Spesso il Tenth Muse organizza anche feste e serate a tema, molto conosciute sull’isola.

Al termine della passeggiata principale si trova il Mylos Bar

Continua in seconda pagina^d

Al termine della passeggiata principale si trova il Mylos Bar anche qui ci si può fermare per pranzare o fare uno spuntino. Alla sera la musica più recente vi farà ballare per ore. In uno dei più vecchi bar per donne, Marianna’s potrete rilassarvi dopo aver ballato o aver partecipato ad una delle feste organizzate dagli altri locali. Ha recentemente aperto i battenti il Sappho Garden of Arts, bar e centro culturale dove le donne possono incontrarsi per ammirare mostre di pitture e fotografiche oppure conversare di letteratura, musica e teatro. Chi volesse gustare l’atmosfera dei locali senza muoversi dalla spiaggia potrebbe fare un salto al Moon Kantina dove si può prendere il sole, gustare la cucina e fare il bagno. All’Aqua Bar, inaugurato quest’anno, si può pranzare e fare colazione sulla terrazza che alla sera si trasforma in una sala da ballo.

La vacanza non sarebbe tale senza qualche ora dedicata allo shopping, anche solo per portare a casa un ricordo delle giornate trascorse sull’isola. Il Lyxnari Gift Shop fa al caso anche perché è impossibile uscire a mani vuote. Infine se non siete capaci di stare lontane dal vostro computer Hannah e Carolina vi aspettano all’Internet@Eressos dove vi possono stampare le mail ed anche le fotografie.

Se non avete ancora programmato le vostre ferie, Lesbo potrebbe essere la meta ideale per una vacanza culturale e divertente allo stesso tempo.

Per informazioni visita il sito di Out Travel.

di Daria Ruggieri

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...