DEFINITI IN UNA SETTIMANA

Evidenziare i muscoli allenati con i pesi in soli sette giorni è possibile. Ecco un programma completo con una dieta-tipo da seguire.

È possibile trasformare radicalmente il fisico e indurire i muscoli in poco più di una settimana? Sì, a condizione di essere già abbastanza in forma. In effetti, è ciò che fanno i bodybuilder di livello agonistico ogni volta che partecipano ad una gara.

Anche voi potete riuscirci, agendo con precisione su quattro fattori: carboidrati, esercizio fisico, sodio e acqua. Il risultato sarà un fisico temporaneamente durissimo, come quello di un bodybuilder in perfetta forma agonistica. Nessuna ritenzione di liquidi, nessun gonfiore: asciutta definizione muscolare, nient’altro. I bodybuilder professionisti riescono a modificare il fisico nel giro di 7-9 giorni; nell’ultima fase di preparazione agonistica adottano un sistema chiamato deplezione e sovraccarico di carboidrati, che comporta inizialmente una riduzione radicale dell’apporto di carboidrati e successivamente il passaggio ad un apporto molto elevato. Questo processo serve a svuotare le riserve muscolari di carboidrati, per poi riempirle di nuovo (l’altro fattore coinvolto in questa trasformazione è l’apporto di acqua e sodio).

Per tutta la settimana dovete mangiare cibi sani, evitando nel modo più assoluto i fast food e i cibi lavorati e dovete inoltre limitare l’apporto di grassi. Bisogna aumentare anche l’apporto proteico, passando a 3,3 grammi di proteine al giorno per chilo di peso corporeo. Qui di seguito il programma di otto giorni che vi ho preparato per ingrossare il fisico e trasformarlo rapidamente, sperando che, una volta completato tale programma, riusciate a riconoscervi allo specchio!

1 ) FASE INIZIALE – da venerdì a domenica
Salare il cibo
In genere il sale fa aumentare la ritenzione idrica ma modificandone l’apporto si può invece riuscire ad eliminare i liquidi. Due giorni prima della fase di deplezione di carboidrati aggiungete ad ogni pasto del normale sale da cucina, fino a rendere salato il il gusto dei cibi. In questo modo si provocherà una momentanea ritenzione di liquidi. Successivamente, quando eliminerete del tutto il sale continuando a bere acqua, il risultato sarà un’estrema escrezione di liquidi.
Bere più acqua
Quando si aumenta l’apporto di sale, bisogna anche bere di più, come minimo 5-7 bicchieri più del solito, per preparare il corpo a quando, negli ultimi due giorni, l’apporto di acqua verrà diminuito creando l’illusione di un deficit di liquidi. Eliminando i liquidi corporei, specialmente quelli sotto pelle, la definizione muscolare aumenta.

2 ) FASE DI DEPLEZIONE – da domenica a martedì
Ridurre l’apporto di carboidrati
Questa è la fase più importante del programma, in quanto prevede la riduzione dell’apporto dei carboidrati a 40-70 grammi al giorno per tre giorni consecutivi. Lo scopo è quello di bruciare completamente le scorte del glicogeno muscolare.

3 ) FASE DI SOVRACCARICO – da mercoledì a venerdì
Aumentare l’apporto di carboidrati
Al contrario della seconda fase, ora bisogna portare l’apporto dei carboidrati a 5,5-7,7 grammi al giorno per chilo di peso corporeo. Poiché durante l’allenamento i carboidrati si bruciano, bisogna evitare di allenarsi, lasciando che il glicogeno muscolare si riformi completamente.
Eliminare il sale
Smettendo di usare il sale i liquidi vengono eliminati immediatamente, accentuando la definizione muscolare.
Bere meno acqua
I muscoli hanno bisogno di acqua per formare glicogeno.

Assumendone la metà del solito, l’organismo è costretto a trasferire nei muscoli i liquidi accumulati sotto pelle, attenuando la ritenzione idrica e accentuando la definizione muscolare.

DEPLEZIONE- esempio di dieta giornaliera da domenica a martedì

Continua in seconda pagina^d

DEPLEZIONE- esempio di dieta giornaliera da domenica a martedì
Pasto n.1
5 albumi, 1 tuorlo
sale e pepe
30gr di funghi
3 bicchieri di acqua

Pasto n.2
200gr di petto di pollo
insalata verde scondita
3 bicchieri di acqua

Pasto n.3
180gr di bistecca di vitello
150gr di fagiolini
3 bicchieri di acqua

Pasto n.4
Bevanda a base di proteine (30gr)
3 bicchieri di acqua

Pasto n.5
180gr di formaggio magro in fiocchi
2 bicchieri di acqua

Pasto n.6
200gr di petto di tacchino
120gr di broccoli
2 bicchieri di acqua

SOVRACCARICO – esempio di dieta giornaliera da merc. a ven.
Pasto n.1
150gr di bistecca di manzo
340gr di patate alla griglia
1 bicchiere di acqua

Pasto n.2
250gr di petto di pollo
340gr di patate dolci
1 bicchiere di acqua

Pasto n.3
200gr di bistecca di manzo
2 patate dolci
niente acqua

Pasto n.4
250gr di petto di tacchino
340gr di patate dolci
1 bicchiere di acqua

Pasto n.5
220gr di fesa di tacchino
150gr di broccoli
1 bicchiere di acqua

Pasto n.6
Bevanda proteica (30gr)
2 bicchieri di acqua

ROBERTO BADII
Master Trainer – Sport & Nutritional Consulting

Scarico di Responsabilità:
Gay.it ed i suoi collaboratori non accettano la responsabilità, esplicita o implicita, quanto alla vostra sicurezza durante i vostri allenamenti con l’utilizzo di tecniche e metodi descritti negli articoli presenti, tantomeno per inconvenienti di tutte le nature provocati da una o più modifiche delle vostra abitudini alimentari.

Prima d’iniziare qualsiasi attività fisica, o cambiare le vostre abitudini alimentari è suggerito che consultiate il vostro medico e seguiate i suoi consigli. In altri casi si può considerare la possibilità di rivolgersi ad un personal trainer qualificato, ed un nutrizionista sportivo.

Gay.it e collaboratori non sono legalmente obbligati o responsabili per eventuali errori contenuti in questo documento, o per ogni speciale, incidentale o consequenziale danno che sia stato causato o che si supponga sia stato causato direttamente o indirettamente dalle informazioni contenute in questo documento.

Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Sport.

di Roberto Badii

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni