Trema la Roma gay: festini, cocaina e ricatti, arrestato il pr Christian

di

Ad oggi gli investigatori del commissariato Prenestino hanno raccolto informazioni su una decina di casi.

12244 0

Già ieri avevamo erano trapelate le prime indiscrezioni >>> LEGGI, oggi il quadro si è fatto più chiaro.

Rinaldo Giovannetti, 39 anni, noto pr cinematografico di Roma, sarebbe stato incastrato da un anello d’argento rubato a una delle vittime durante un incontro di sesso. In seguito la polizia ha rinvenuto nella sua abitazione un telefono con in memoria svariati video di rapporti sessuali con altri uomini. Ad oggi gli investigatori del commissariato Prenestino hanno raccolto informazioni su una decina di casi legati all’uomo. 

L’uomo è stato denunciato qualche mese fa da un trentenne della provincia di Roma ricattato: la vittima ha raccontato che il pr gli avrebbe chiesto 250 euro per non divulgare sui social i video dei loro incontri. Agli investigatori ha raccontato di aver conosciuto l’uomo dopo essere stato contattato sul sito di incontri Bacheca.it.

Al primo appuntamento nella sua abitazione, durante il quale sarebbero state anche consumate dosi di cocaina (“L’ha portata lui”, ha spiegato il padrone di casa) ne è seguito un altro con la partecipazione di un’altra persona e altra sostanza stupefacente. In questa circostanza sarebbe stato girato un video d’accordo con il trentenne che però il giorno successivo ha ricevuto dal pr una richiesta di denaro accompagnato da insulti.

Il giovane ha pagato la somma richiesta, ma sarebbe poi stato perseguitato dall’arrestato, con visite e sms. La perquisizione dell’appartamento di Giovannetti ha invece portato al recupero dell’anello rubato durante uno degli incontri, ma anche di altri oggetti, come un computer e uno smartphone con alcuni video simili a quelli del ricatto iniziale.

Le persone dei video, identificate dalla polizia, hanno riconosciuto il pr e ammesso di aver ricevuto da lui analoghe richieste di denaro sempre per lo stesso motivo. A Giovannetti il gip ha concesso i domiciliari. Per ora è accusato di estorsione, spaccio di stupefacenti, furto e rapina.

 

Leggi   Gay Center, appello a 5 sindaci: "Stop al Bus della Libertà e ai manifesti anti-trans"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...