“Chiamami col tuo nome”: i due nuovi spot per la tv dell’attesissimo film di Luca Guadagnino

di

“II desiderio che è in noi, e non è necessariamente riferito all’altro. Piuttosto l’altro rappresenta la promessa di un avvicinamento".

6368 0

In Italia arriverà nella sale a febbraio e Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino si preannuncia come un film che lascerà il segno. Nei due nuovi spot per la tv ora in circolazione, oltre alle scene del film sono presenti anche gli entusiastici commenti della critica.

Il film, tratto dal romanzo di André Aciman, racconta la storia di attrazione e turbamenti tra il giovane Elio, diciassettenne italo-americano e Oliver, studente ventiquattrenne ospite della famiglia di Elio. Il film minaccia di fare incetta di nomination agli Oscar.

“Chiamami col tuo nome” è il racconto dell’attrazione improvvisa e travolgente che sboccia tra due ragazzi, il diciassettenne Elio, figlio di un professore universitario, in vacanza con la famiglia nella loro villa in Riviera e un giovane ospite, invitato per l’estate, il ventiquattrenne Oliver, che sta lavorando alla sua tesi post-dottorato. Quell’estate della metà degli anni Ottanta viene rievocata, a distanza di vent’anni, dal più giovane dei protagonisti. Sconvolti e totalmente impreparati di fronte allo scoppiare di questa passione, i due inizialmente tentano di simulare indifferenza, ma con l’avanzare dei giorni vengono travolti da un’inesorabile corrente di ossessione e paura, seduzione e desiderio, il vero protagonista del romanzo: “II desiderio che è in noi, e non è necessariamente riferito all’altro. Piuttosto l’altro rappresenta la promessa di un avvicinamento alla soddisfazione di questo bramare…”. Quello che Elio e Oliver proveranno in quei giorni estivi e sospesi in Riviera e durante un’afosa notte romana sarà qualcosa che loro stessi sanno non si ripeterà mai più: un’intimità totale, assoluta, un’esperienza che li segnerà per tutta la vita.

Leggi   Chiamami col tuo nome, Sony cerca di venderlo come storia d'amore etero
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...