«MAMMA, SONO ETERO»

di

Teatro: se essere gay fosse la normalità

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
918 0

Il 12 agosto 2048, alle 3 e 45 due donne – ciascuna al nono mese di gravidanza, ciascuna con un buon motivo per nascondersi – si incontrano/scontrano in un angusto e buio spogliatoio del reparto maternità di un ospedale come tanti. Due ore dopo, nello stesso spogliatoio, due vagiti in sincrono squarciano l’aria; dunque dobbiamo supporre che Giuseppe e Maria, entrambi nati il 12 agosto 2048 alle cinque e quarantacinque circa, nel buio e angusto spogliatoio del reparto maternità di un ospedale come tanti, abbiano tagliato in traguardo contemporaneamente. Come negare allora l’assoluta inevitabilità del loro folle amore? E perché negarla?

Questo è il presupposto drammaturgico dal quale si snoda Indovina da chi andiamo a cena?, brillanto commedia di Donatella Diamanti, messa in scena da Andrea Taddei, noto attore, regista e scenografo da anni molto apprezzato. I suoi lavori, e questo in particolare, sono spesso popolati da resenze inquietanti, da oggetti che in un caos solo apparente affollano la scena suggerendo un clima di grande creatività e complessità.

In Indovina da chi andiamo a cena? Taddei rappresenta una società fatta di cyber carrozzine, turbo trapani, techno lavatrici e monorotaie sopraelevate; qui è l’omosessualità la regola e l’eterosessualità, di contro, la deviazione, la malattia, la perversione. Katia e Sonia, madri democratiche dell’aitante Giuseppe, e Niki e Graziano, padri intolleranti della sculettante Maria, si troveranno così a fare i conti, vent’anni dopo, con la diversità dei rispettivi figli.

Molto liberamente ispirata a "Indovina chi viene a cena?" di Stanley Kramer, Indovina da chi andiamo a cena? è una commedia frizzante, provocatoria, dal ritmo narrativo incalzante, in cui si parla d’amore, di sesso e di conflitti generazionali, ma anche, attraverso un gioco di specchi spinto fino alle estreme conseguenze, di intolleranza, di emarginazione per tutto ciò che secondo i più esce dalla norma, collocandosi nello spazio aberrante del contro-natura.

E’ una satira forte e pungente sulla finta tolleranza, sul senso del peccato, su certi piccoli ma indimenticabili lapsus… Perché le parole hanno un peso… "purtroppo"?

Sabato 7 aprile alle ore 21, Teatro Manzoni, Corso Gramsci, 127, Pistoia,

Il Teatro delle Donne e Artistica presentano in prima nazionale lo spettacolo:

"Indovina da chi andiamo a cena?" di Donatella Diamanti, regia di Andrea Taddei. Interpreti: Katia Beni, Niki Giustini, Sonia Grassi, Niki Giustini, Graziano Salvadori, Maria Patrizia Di Fazio, Francesco Lucente.

Leggi   Abracadabra, la parola magica che mette in scena Mario Mieli
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...