Arcilesbica contro le donne trans: “La biologia conta”

di

"Essere donne biologiche è un'altra cosa".

17522 7

In molti sono rimasti scioccati nel vedere, sulla pagina Facebook di Arcilesbica nazionale, un’immagine decisamente inquietante – due labbra femminili cucite col filo di ferro – accompagnate da un titolo che non lascia dubbi: I am a woman. You are a Trans Woman. And that distinction matters (Io sono una donna. Tu sei una donna transessuale. E questa differenza conta).

La foto e il titolo sono il link ad articolo postato su Medium.com da una lesbica femminista il cui nickname è PolelifeandPussy. L’autrice si dichiara “arrabbiata” perché le donne transessuali vogliono mettere a tacere le differenza tra sé e le donne biologiche quando invece occorre distinguere donne cisgender da donne transessuali, perché, sempre secondo l’autrice, avere o meno un utero o un seno dalla nascita cambia la prospettiva del linguaggio e il repertorio delle esperienze.Secondo l’autrice dell’articolo inoltre chiedere oggi rispetto per questa differenza porta ad essere tacciate di transfobia. A PolelifeandPussy dà anche fastidio di essere costretta a condividere spazi – ad esempio i bagni nei locali pubblici – con donne transessuali che conservano ancora l’organo genitale maschile.

Una presa di posizione questa che Arcilesbica ha esibito con la condivisione dell’articolo che a molti è risultata inaccettabile, lontanissima dalla contemporaneità e dai temi sempre più centrali dell’inclusività e dell’intersezionalità della prospettiva e delle rivendicazioni.

Uno dei primi a segnalare il fatto e a prendere posizione in alcuni post su Facebook è stato il presidente di Arcigay Napoli Antonello Anteo Sannino:

“Arcilesbica morente sceglie di usare il linguaggio e il pensiero dei movimenti ultracattolici. Fondamentalismo puro! Qualcuna della dirigenza nazionale di Arcilesbica usa l’associazione per posizionarsi in qualche partito per le prossime elezioni politiche?”

“Questo integralismo di Arcilesbica è inaccettabile. Usare le parole e i pensieri dei movimenti ultracattolici è qualcosa di aberrante. Dopo la posizione terribile sulla GPA, ora l’attacco al mondo transessuale. Non decide Arcilesbica cosa significa essere donna, come non decide Arcilesbica sull’autodeterminazione delle donne, sul loro corpo e su quello delle persone transgender. Un balzo indietro di 40 anni, ma Arcilesbica esiste ancora?”

“Quattro gatte impongono a tutta Arcilesbica e alle donne lesbiche italiane una colossale figura di merda. Altro che femminismo, la loro prepotenza muscolare all’interno della stessa Arcilesbica e nel movimento lgbt* italiano rappresenta il peggio del maschilismo e delle logiche del potere maschile, altro che femminismo!”

Leggi   Maurizia Paradiso: "Non sopporto Malgioglio. Il Pride? Mai partecipato"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...