AGGREDITO. COSA FARE?

Un lettore chiede: Come difendersi dopo un’aggressione? A chi rivolgersi? Andare dalle forze dell’ordine? Rispondere “a tono”? L’avvocato risponde.

Salve, sono un ragazzo che vive a Milano, e qui sono frequenti momenti di tensione dovuti a naziskin che maltrattano e picchiano ragazzi gay.

Io sinceramente provo un pò di paura ma anche di rabbia, perchè queste persone sicuramente nascondo gravi problemi a se stessi che scatenano con questa scellerata omofobia, ma la domanda è: come ci si difende, dopo un’ agressione o un tentativo di essa legalmente? È possibile rispondere “a tono” e in caso di aggressione, aggredire?

Una volta non mi interessava molto l’argomento e non me ne preoccupavo molto, ma ultimamente invece inzio ad avere paura di personaggi così instabili. Grazie,
Giorgio

Continua in seconda pagina^d

Caro Giorgio,
il problema delle aggressioni fisiche contro i gay (ma anche contro le lesbiche, purtroppo) è sempre più all’ordine del giorno. La maggiore visibilità comporta anche questi rischi; anche se certo questo non è un buon motivo per starsene nascosti.

Come difendersi: dopo un’aggressione si va subito al Pronto Soccorso più vicino; ci si fa curare; si fanno refertare le lesioni e nel posto fisso di Polizia o Carabinieri annesso al Pronto Soccorso si denuncia l’aggressione raccontando i fatti, specificando tempo e luogo e, possibilmente, dando alcune indicazioni perché le forze dell’ordine riescano ad individuare i responsabili. Ricordarsi che la denuncia deve contenere anche la volontà di sporgere querela.

Se l’aggressione è stata solo tentata e, per esempio, tu sei riuscito a fuggire, puoi presentare ugualmente denuncia-querela, ma, ovviamente, non ci sarà il referto del Pronto Soccorso.

Io consiglio sempre di avere il coraggio di fare denuncia, superando le comprensibili titubanze. In genere Polizia e Carabinieri ormai, per fortuna, se il gay denunciante ha sufficiente fermezza e dignità hanno un atteggiamento collaborativo. Quanto a rispondere con una buona dose di botte all’aggressione, è certamente lecito. Attenzione però a che il tutto non degeneri in una rissa in cui i gay hanno la peggio.

Buona fortuna
Ezio Menzione
avvocato

Per fare la tua domanda agli esperti, compila il form che trovi in fondo alla pagina cliccando qui.

di Ezio Menzione

Omofobia

Pisa, bruciata bandiera arcobaleno appesa alla finestra di una coppia di papà: “Atto intimidatorio”

La bandiera era appesa alla finestra della stanza dove solitamente dorme il figlio della coppia gay. Durissimo il sindaco di San Giuliano Terme.

di Federico Boni