Aggressione omofoba a Roma: uova e insulti a 12enne, “fr*cio schifoso”

Il branco se l'è presa con il povero Filippo, che ha i capelli lunghi e una borsetta arcobaleno, ama mettersi lo smalto colorato e usare l’eyeliner. La denuncia della mamma.

aggressione omofoba roma padova pesaro
Ennesima aggressione omofoba.
2 min. di lettura

È l’8 giugno. Filippo (nome di fantasia) sta festeggiando la fine della scuola in parco nel quartiere Infernetto, nella capitale. Si diverte, assieme a quattro amiche. Improvvisamente, arrivano uova e insulti omofobi da parte di un gruppetto di coetanei, che accerchiano i 5 amici. La causa: lo smalto sulle unghie di Filippo e la sua borsa arcobaleno. Ecco l’ultima aggressione omofoba a Roma.

A raccontare l’episodio è la madre di Filippo, Claudia, che ha deciso di rendere noto quanto successo al figlio a TPI. Dopo gli insulti e le uova, il ragazzo è scappato, chiamando il padre che lo ha riportato a casa.

Si è avvicinato un grosso gruppo di coetanei di un’altra scuola che ha iniziato a provocarli. Loro non hanno risposto allora è partito il lancio delle uova, che ha colpito mio figlio lasciandogli anche un livido, lui era da solo con 4 ragazze. Ma la cosa brutta sono stati gli insulti a lui rivolti: Filippo ha i capelli lunghi, ama mettersi lo smalto colorato, usare l’eyeliner, è affascinato dal mondo Lgbt, ha una borsetta arcobaleno, ha il suo modo di esprimersi, gli piace scrivere, disegnare etc. Fino a ora non abbiamo avuto problemi, ma questa volta sono arrivati insulti pesantissimi. ‘Fr*cio di m*rda, gay schifoso, sei maschio o femmina?’. A quel punto – poiché i ragazzi erano tanti – mio figlio forse si è sentito sopraffatto, si è allontanato e ha chiamato il padre per farsi venire a prendere.

La scoperta del fatto e la denuncia

La madre ha spiegato che sono stati i genitori delle amiche di Filippo a contattarla, riassumendo quanto successo. Andata al parco, ha ritrovato sia le ragazze, in lacrime dopo essere state aggredite sia verbalmente – dicevano “p*ttane, tr*ie, quanto vuoi per un bocch**o?” – che fisicamente – una è stata spinta a terra e presa a calci. Claudia al parco ha ritrovato anche il branco responsabile dell’aggressione omofoba e sessista, ma il rimprovero non ha sortito alcun effetto.

I genitori di Filippo e delle ragazze sono quindi andati dai Carabinieri per denunciare il fatto, oltre che dalla preside dell’istituto frequentato dai 12enni: “volevamo un’azione di tipo educativo, sono 12enni, non vogliamo che vengano punti ma che si parli nelle scuole di temi come l’inclusione. È una brutta storia”.

Un flash mob in risposta all’aggressione omofoba

Nel frattempo, Filippo ha passato alcuni giorni di totale chiusura. Non voleva uscire, non voleva tornare al parco, e solo con l’aiuto di mamma, papà e amici è riuscito a lasciarsi la storia alle spalle.

Per sabato, è stato organizzato un flash mob proprio nel luogo dell’aggressione: “Mio figlio nei giorni successivi non è voluto uscire, l’idea di andare al parco lo angoscia. Mi aspettavo di trovarmi di fronte dei ragazzi più grandi, invece sono tutti ragazzini dell’età di Filippo, e questo mi ha sconvolto. Ho scritto un post sulla pagina del quartiere e ho avuta una risposta importante. Abbiamo organizzato un flash mob per sabato per dare una risposta a questa situazione e anche per fare in modo che Filippo faccia pace con questo luogo. Finora nessuno dei genitori di questi ragazzi è venuto a parlare con noi. Eppure la storia è nota e le scuole sono state coinvolte. Sono ragazzini piccoli, è stata un’azione di branco, però ogni giorno se ne sente una. Devo dire che la risposta della nostra scuola è stata molto forte e presente. Il primo giorno Filippo era sconvolto, poi gli amici gli sono stati vicini, è contento di partecipare a questa iniziativa e spero che piano piano possiamo metterci questa situazione alle spalle“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24

Leggere fa bene

Roma lgbtqia+

Coming Out Day 2023, il comune di Roma celebra la giornata dicendo basta all’omobitransfobia

News - Redazione 10.10.23
Vannacci: "Rivendico il diritto all'odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c'è chi li critica" - VIDEO - vannacci matrimoni gay - Gay.it

Vannacci: “Rivendico il diritto all’odio. I gay possono sposarsi ma non si stupiscano se c’è chi li critica” – VIDEO

News - Federico Boni 31.8.23
Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: "Mi veniva da piangere e mi son sentita male" - Tekemaya - Gay.it

Martano, omofobia ai danni della drag queen Tekemaya: “Mi veniva da piangere e mi son sentita male”

News - Redazione 6.12.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
omofobia

Foggia, minacce di morte e botte al figlio gay di 20 anni. Arrestato padre 57enne

News - Redazione 25.9.23
Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: "Sei gay? Niente affitto" - affitto - Gay.it

Arezzo, ragazzo sudamericano non trova casa: “Sei gay? Niente affitto”

News - Redazione 18.9.23
telefono Insulti froci checche scarti omofobia roma gay help line

“Fr*ci di m*rda, scarto della società”: a Roma insulti a coppia gay dopo la disdetta di una prenotazione

News - Redazione Milano 19.10.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23