Omofobia: il sottosegretario Spadafora risponde all’interpellanza di Alessandro Zan

Dichiarazioni alquanto irreali quelle esposte dal sottosegretario.

aggressioni omofobe
3 min. di lettura

Venerdì 1 marzo, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle Pari Opportunità Vincenzo Spadafora ha risposto all’interpellanza del deputato Pd Alessandro Zan. Il dem, insieme ad altri 37 colleghi che avevano cofirmato l’interrogazione, aveva richiesto al governo cosa intendeva fare nei confronti delle numerose aggressioni omofobe (verbali e fisiche) che si erano registrate nel corso del 2018. E che ancora oggi continuano quasi ogni giorno. Come prova, Zan aveva portato una copia del reportage pubblicato da L’Espresso, al quale la rivista aveva anche dedicato l’immagine di copertina. Il settimanale, infatti, aveva riportato un lungo approfondimento sull’omofobia dilagante nel nostro Paese, creando un grande scalpore che è arrivato fino in Parlamento.

La risposta di Spadafora

Nella sua risposta, il sottosegretario Spadafora sembra non essere nello stesso governo di Giuseppe Conte. Difatti, spiega che l’esecutivo si è impegnato come previsto nella lotta alle discriminazioni. Dopo aver confermato che la comunità LGBT è soggetta a discriminazioni di vario genere, ha sottolineato l’importanza di un piano per arrivare a un cambiamento a livello culturale. Gay News ha riportato l’intervento completo, ma questa è una delle parti più interessanti del suo discorso.

Le persone Lgbt sono particolarmente vulnerabili e soggette a discriminazioni nei diversi ambiti della vita sociale e lavorativa a causa di un persistente stigma basato su stereotipi e pregiudizi. È necessario, quindi, un forte impegno per pianificare un intervento a tutto campo in grado di produrre un diverso approccio e un cambiamento sul piano culturale. Rafforzando la collaborazione con le associazioni di settore. Con le istituzioni a livello centrale e locale. Con le realtà territoriali e diversi stakeholder. Ed è esattamente la linea che stiamo seguendo.

Nello svolgimento di tali funzioni, il Dipartimento delle Pari Opportunità si avvale dell’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica, l’Unar. Da alcuni anni, l’Unar ha ampliato anche il proprio campo d’azione ai diversi fattori di discriminazione, compreso quello basato sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere. E anche attraverso il proprio contact centre monitora il fenomeno e raccoglie segnalazioni da parte dei media e del web.

Aggressioni omofobe e discriminazioni: l’impegno di Spadafora

Secondo Spadafora, l’Unar, la rete READY e la lotta alle discriminazioni sono tutti impegni che si dovranno portare avanti. Ma la rete READY è stata eliminata da diversi comuni e regioni. E solamente le associazioni stanno portando avanti delle campagne di sensibilizzazione, dopo l’iniziale fallimento del tavolo creato ad hoc sul tema delle discriminazioni. Ma secondo il sottosegretario, si può essere ottimisti:

Abbiamo anche deciso di destinare una somma notevole di questo finanziamento alle campagne di comunicazione sui temi che riguardano la discriminazione in ambito lavorativo per le persone Lgbt. Ma anche riprendendo un’attenzione forte su alcuni temi che sono passati, per certi aspetti, in secondo piano, ma che sono, evidentemente, ancora di prioritaria importanza soprattutto per i dati allarmanti che ci arrivano e che coinvolgono in modo particolare i giovani, come l’Hiv, ma anche come il bullismo omofobico. Su questi due temi saranno concentrate anche due campagne di informazione, oltre che di comunicazione, nei confronti soprattutto dei più giovani.

Sembra infine tornare alla realtà:

È chiaro che sarebbe utile anche un quadro normativo a supporto che preveda l’introduzione del reato di omotransfobia. […] Tale proposta in questo momento non rientra nel contratto di Governo, ma io mi auguro che in Parlamento si creino le condizioni per un confronto costruttivo sul tema. In modo che si possa anche arrivare a raggiungere questo ulteriore obiettivo. Cosa importante è che tutte queste nostre iniziative dovranno assicurare che non ci sia […] alcun arretramento culturale sul tema dei diritti. Ma che si possano, anzi, contrastare anche i toni violenti e l’ignoranza con cui, molte volte, alcune persone dichiarano su questi temi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
normanno2000 14.12.20 - 1:16

Insomma anche in questo articoletto da strapazzo la redazione di gay.it ha fatto l'ennesima marchetta politica pro pd e il solito attacco ai 5 Stelle. Persino pure quando un esponente grillino, tutti dipinti sempre e comunque negativamente e sempre e comunque contro la comunità Lgbt o, nei casi migliori, comunque come degli ipocriti, difende i diritti della comunità c'è sempre da criticare e c'è sempre da attaccarlo. Mentre i piddini sono sempre meravigliosi, perfetti pronti a lottare come una falange per i diritti Lgbt. Siete ridicoli! RIBADISCO E LO RIPETERO' FINO ALLA NAUSEA CHE GAY.IT E' SFACCIATAMENTE FILO PIDDINA E ANTI GRILLINA. DEL RESTO QUESTO SITO MODELLO COPERTINA PATINATA NON HA MAI FATTO VERE BATTAGLIE PRO DIRITTI LGBT, MA SEMPLICE MARKETING (SFRUTTANDO CONTINUAMENTE E IN MODO NAUSEANTE LE IMMAGINI DI RAGAZZI GIOVANI, BELLI E CON FISICI PALESTRATI....CON TANTI SALUTI ALLE BATTAGLIE A FAVORE DEL CONTENUTO E NON DEL CONTENITORE) E CAMPAGNE POLITICHE FILO PIDDINE E RENZINE.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24

Leggere fa bene

africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
uganda uomo arrestato

Uganda, la Corte Costituzionale conferma la terribile legge omobitransfobica

News - Redazione 4.4.24
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
Viktor Orban - Giorgia Meloni - Ungheria, la legge anti-LGBTI+ ha un impatto devastante sulla nostra comunità

Ungheria, impatto devastante della legge anti-LGBTI+, il rapporto di Amnesty

News - Francesca Di Feo 28.2.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
sondrio-manifesti-pro-vita-risposta-lgbtqia

“Manifesti Pro Vita disumani” la risposta LGBTQIA+ a Sondrio è esemplare

News - Francesca Di Feo 12.12.23