Alessandra Amoroso è pronta per il Festival di Sanremo

Sono passati 15 anni dalla sua vittoria ad Amici ma Alessandra Amoroso non è mai cambiata: "Fino a qui" ce lo dimostrerà.

ascolta:
0:00
-
0:00
Alessandra Amoroso
Alessandra Amoroso - Foto: Instagram @amorosoof
3 min. di lettura

Siamo due estranei a partire da ieri” cantava nel 2009 Alessandra Amoroso.

Era il singolo di lancio del suo primo album [Senza nuvole, ndr.] e ancora la giovane vincitrice di Amici 8 non sapeva tutta la strada che avrebbe percorso e le grandi emozioni che avrebbe vissuto insieme alla sua Big Family.

Oggi, dopo quasi 15 anni di carriera, la cantante salentina è pronta ad approdare per la prima volta in qualità di BIG sul palco del Teatro Ariston, certa di non essere più un’estranea per il pubblico italiano che in tutti questi anni ha imparato ad amarla e ad apprezzarla come una delle voci più belle della musica italiana.

Proprio per questo motivo – dopo l’ascolto in anteprima del brano – c’è chi ipotizza che possa essere proprio lei la vincitrice della 74esima edizione del Festival di Sanremo con “Fino a qui“, una ballad che parte con voce e pianoforte, un racconto di vita, che ci ricorda come si debba imparare ad accettare la propria esistenza, senza mai pentirsi dei gesti che si compiono.

Alessandra Amoroso
Alessandra Amoroso – Foto: Instagram @amorosoof

Alessandra Amoroso: com’è cambiata in questi 15 anni?

Voce potente e autenticità da vendere, sin dal suo esordio nel 2008 nella Scuola di Amici di Maria De Filippi, Alessandra Amoroso si è fatta apprezzare per la sua spontaneità – che talvolta ha pagato a duro prezzo – e per la sua voce magnetica, oltreché per i suoi brani che sono riusciti a conservare nel tempo quella linearità che li rende riconoscibili sin dalla prima nota.

Un pregio o un difetto? Sarà il pubblico a deciderlo in occasione della 74esima edizione del Festival di Sanremo. Ciò che è certo è che sul palco del Teatro Ariston ritroveremo una donna più matura e sicura di sé, con un stile tutto nuovo e più sbarazzino, ma con una canzone che si conferma in linea con tutto ciò che l’ha preceduta in questi ultimi quindici anni.

Al contrario di altre sue colleghe, infatti, Amoroso ha deciso di proseguire il percorso intrapreso tra i banchi del talent show di Canale 5 e di portare nelle case degli italiani un brano che ancora una volta parla d’amore e che ha come obiettivo quello di far scendere la lacrimuccia, piuttosto che di stupire con inattesi effetti speciali.

Alessandra non è mai cambiata e, a quanto pare, non ha intenzione di farlo nemmeno ora che per la prima volta approderà in gara a Sanremo. Sul palco del Teatro Ariston, infatti, la cantante salentina si presenterà con il suo vestito migliore: un brano profondo, dalla melodia semplice e facilmente memorizzabile, di quelle che vincevano i festival prima del 2019, che sicuramente farà felice la sua gigantesca fanbase, un po’ meno chi non ha mai apprezzato la sua musica.

Ciò che è certo, però, è che Alessandra – nonostante i normali alti e bassi della sua carriera – è riuscita a sopravvivere in un contesto musicale italiano nel quale chi sa cantar bene, oggi, viene quasi visto di mal grado. E questo, di fatto, è un già di per sé un punto a suo vantaggio. Non ci resta che vederla sul palco dell’Ariston, magari nella serata delle cover, per scoprire se riuscirà a stupirci.

Alessandra Amoroso
Alessandra Amoroso – Foto: Instagram

Alessandra Amoroso: il suo supporto alla comunità LGBTQ+

Nel corso di questi quindici anni di carriera, Alessandra Amoroso si è spesso battuta al fianco della Comunità LGBTQI+ sostenendo le campagne anti odio e discriminazione. “Tutelare i diritti delle persone non è limitante per la libertà degli altri“, ha dichiarato sui social la cantante salentina in occasione della campagna #DiamociUnaMano, lanciata da Vanity Fair nel 2021 per sostenere la legge contro l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo.

Ma non finisce qui! In un’intervista rilasciata ai colleghi di TV Sorrisi e Canzoni, Alessandra si è detta favorevole alle adozioni gay: “L’unica discriminazione che sento è verso quei genitori che adottano un bambino come un vezzo, senza averne le capacità e lo spirito. Io concentrerei le mie energie e le risorse non sul fatto che le persone siano etero, due uomini, due donne o una persona single, ma che i bambini siano prima di tutto in ottime mani”.

Se Dio fosse qui tra noi direbbe solo viva l’amore. Non farebbe distinzioni o discriminazioni, non creerebbe drammi o polemiche su tutto. Ne sono convinta: quindi sì, certo che sono favorevole ai matrimoni gay”, ha dichiarato in un’altra occasione Alessandra Amoroso, confermandosi come una vera e propria supporter di tutta la comunità LGBTQI+ che siamo certi saprà ricompensarla con tutto il suo affetto quando si presenterà sul palco dell’Ariston.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24

Hai già letto
queste storie?

Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche - Sanremo 2025 - Gay.it

Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche

Culture - Federico Boni 15.2.24
Maninni, Sanremo 2024

Maninni, chi è il big pronto a stupirci al prossimo Festival di Sanremo?

Culture - Luca Diana 16.1.24
A Sanremo 2024 una Emma in evoluzione con la sua "Apnea" - Sessp 25 - Gay.it

A Sanremo 2024 una Emma in evoluzione con la sua “Apnea”

Musica - Federico Colombo 6.2.24
Eurovision 2024, l'Italia con Angelina Mango: "Porterò la libertà". Marco Carta rappresenterà San Marino? - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, l’Italia con Angelina Mango: “Porterò la libertà”. Marco Carta rappresenterà San Marino?

Culture - Federico Boni 13.2.24
Febbraio 2024, Sanremo: Mahmood interpreta "Com'è profondo il mare" di Lucio Dalla, in duetto con i Tenores Bitti

Mahmood e Lucio Dalla, un’utopia che tiene insieme tutto, tra vertigine e grazia

Musica - Federico Colombo 9.2.24
Angelina Mango, Sanremo 2024

Sanremo 2024, Angelina Mango è pronta per conquistare l’Ariston: “Sul palco porterò la libertà”

Musica - Luca Diana 5.2.24
A letto con Mahmood; il 22 Gennaio sarà annunciato il Nuovo Album

A letto con Mahmood: il nuovo album annunciato dai materassi?

Musica - Mandalina Di Biase 19.1.24
Sanremo 2024 - Classifica seconda serata (50% televoto - 50% giuria delle radio) - Geolier, Irama, Annalisa, Loredana Bertè, Mahmood

Sanremo 2024, la top five della seconda serata: Geolier, Irama e Annalisa sul podio

Musica - Luca Diana 8.2.24