Roma, pioggia di insulti omofobi solo perché mano nella mano con il fidanzato: il racconto di Angelo Molica Franco

"L’omofobia esiste, è una violenza e si declina in molte forme: tutte inaccettabili. Ecco cosa significa passeggiare a Roma mano nella mano".

Roma, pioggia di insulti omofobi solo perché mano nella mano con il fidanzato: il racconto di Angelo Molica Franco - Angelo Molica Franco - Gay.it
3 min. di lettura

Roma, pioggia di insulti omofobi solo perché mano nella mano con il fidanzato: il racconto di Angelo Molica Franco - Angelo Molica Franco omofobia - Gay.it

Angelo Molica Franco è  un giornalista e traduttore letterario, che collabora alle pagine culturali del Venerdì di Repubblica, il Fatto Quotidiano e Vogue, oltre ad aver scritto il romanzo A Parigi con Colette. Oggi Angelo ha scritto di proprio pugno tra le pagine dell’edizione romana di LaRepubblica quanto capitogli domenica scorsa, nel cuore della Capitale. Semplicemente a passeggio con il suo fidanzato, all’ora dell’imbrunire, Angelo ha ‘osato’ prendere la mano dell’amato. La naturalezza che da millenni caratterizza un qualsiasi rapporto di coppia, se non fosse che se a farlo sono due uomini o due donne spesso, troppo spesso, piovono insulti, se non addirittura pugni e calci.

“Io sorridevo e, sotto la mascherina, sorrideva anche Carlo. Lo dicevano gli occhi”, scrive Angelo, che mai avrebbe potuto immaginare “la sfida che per gli altri era quella nostra gioia piccola”.

Il primo segnale è stato un fischio alle nostre spalle. Non ci siamo girati: sapevamo che era per noi, che un po’ eroi e un po’ incoscienti abbiamo proseguito quella marcia civile mano nella mano. Dopo una decina di minuti, ad un attraversamento pedonale all’altezza di via Merulana, da un’auto di fronte a noi si sporge un ragazzo, avrà avuto vent’ anni, e grida: “A’ froci”. Eccola: la parola è arrivata. Io non me l’aspetto mai, ma lei mi raggiunge sempre.

Lo scrittore ricorda il primo frocio arrivatogli in faccia, come un ceffone ben assestato, all’età di 8 anni. “Lo avevano scritto sul muro della scuola alcuni miei compagni: “Angelo frocio”. Non sapevo ancora cosa significasse, ma capii subito si trattava di una cosa sporca vista la rabbia di mia madre e la fretta con cui scese dalla macchina per mettersi a pulire la scritta insieme ai bidelli. Ogni volta che qualcuno mi dà del frocio rivedo lei, mia madre, con la spugna nelle mani a sbucciarsi le nocche delle dita contro il cemento della mia scuola in Sicilia”.

“Da bambino ero troppo sensibile, troppo femminile, troppo bizzarro, troppo introverso”, continua Angelo. “Ho sperimentato presto lo sguardo degli altri posarsi interrogativo su di me. È da più di trent’ anni che la parola frocio infesta le mie giornate e mi ricorda che sono sempre troppo qualcosa. Come una pistola carica che non smette di avermi sotto tiro, quella parola è probabilmente la costante della mia vita, e della vita degli omosessuali in Italia: sempre nel mirino di chi pensa di doverli colpire, disprezzare, aggredire, di chi crede di avere il sacrosanto diritto di punire una colpa”.

Una sensazione purtroppo condivisa da tante, tantissime persone LGBT d’Italia. Poi è arrivata quella maledetta domenica, che ha colpito come un treno Angelo e il suo compagno. Perché dopo “froci” è arrivato anche il “ricchioni schifosi”, e poi il “morite finocchi” fino a una bottiglietta di plastica lanciata (per fortuna vuota, ma sempre alle nostre spalle). Eppure non ci siamo mai lasciati la mano, io e Carlo. Io non voglio pulire, come mia madre, l’offesa ricevuta. Non voglio sentirmi in colpa per essere una delle migliaia di vittime dell’omofobia che è – che sia chiaro una volta per tutte – una violenza. Una violenza declinabile in varie possibilità, ognuna sbagliata, e che qualcuno crede di poter incarnare in base a secolari principi di superiorità”.

Nei giorni in cui alla Camera si dibatte sulla legge contro l’omotransfobia, quanto accaduto ad Angelo ribadisce l’urgenza di un intervento immediato da parte delle istituzioni. “E che sia chiaro“, conclude il giornalista. “Chiunque si dice contrario sta difendendo il diritto di usare quella violenza, e rivendica la legittimità di quel dolore inflitto. Un dolore che è come una crepa tra la pancia e il cuore“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Continua a leggere

Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
uganda-carceri-torture-detenut-lgbtqia

Uganda, torture aberranti verso lǝ detenutǝ LGBTQIA+: sanzioni dagli USA

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Unione Europea LGBT Italia

L’Italia non firma la dichiarazione dell’UE a favore dei diritti LGBTI+ perché somiglia al Ddl Zan e include l’identità di genere

News - Redazione Milano 17.5.24
Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
uganda-smug-perde-ricorso-tribunale

Uganda, l’NGO LGBTQIA+ SMUG perde il ricorso in tribunale: operazioni illegali secondo l’Anti Homosexuality Act

News - Francesca Di Feo 25.3.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23