Foto

Tutto esaurito per l’Aosta Pride Week 2023, la sfida alla “normalità” della comunità LGBTQIA+ valdostana

Grande partecipazione agli 11 eventi organizzati da Arcigay Aosta, che chiudono ufficialmente l'Onda Pride 2023.

ascolta:
0:00
-
0:00
aosta pride week 2023
aosta pride week 2023
2 min. di lettura

Tutto esaurito per l’Aosta Pride Week 2023, ultimo evento dell’Onda Pride 2023. Con oltre 1000 partecipanti distribuiti tra gli 11 eventi tenutisi nella città alpina, il bilancio è stato notevolmente positivo, con numeri che testimoniano la presenza di una comunità LGBTQIA+ valdostana piccola ma fortemente coesa.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Aosta Pride (@aostapride)

Quest’anno, L’Aosta Pride Week, come ogni evento Pride, non è stato solo baluardo di celebrazione e visibilità, ma di vera e propria lotta e resistenza, a metà tra un governo che mostra ostilità verso le tematiche LGBTQIA+ e una parte della popolazione che si sente legittimata da tale postura a discriminare le minoranze.

In risposta, il fulcro della settimana qui è stato proprio dare voce e visibilità alla comunità queer nelle sue diverse sfumature.

Dallo stand up comedy di Daniele Gattano, alle presentazioni letterarie, fino alle proiezioni cinematografiche, passando per seminari filosofici e spettacoli teatrali, Aosta Pride Week ha svolto un ruolo cruciale nell’elargire spazio per testimonianze ed esperienze di vita della comunità.

L’obiettivo, quello di combattere la pratica culturale di silenziamento e invisibilità che troppo spesso miete le sue vittime tra le più vulnerabili, a cui viene privato il diritto stesso di esprimere la propria esistenza, identità e bisogni.

In questo contesto, un esempio particolarmente eloquente dell’ostilità istituzionale è stata la reazione della Lega valdostana a un laboratorio per bambini incentrato sul tema del bullismo, condotto dalla drag queen Cristina Prenestina e per questo etichettato come “inappropriato” per la fascia d’età a cui era indirizzato.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Aosta Pride (@aostapride)

La Pride Week ha avuto quindi un duplice obiettivo: non solo celebrare la diversità, ma anche mettere in discussione il concetto tradizionale di “normalità”, frequentemente utilizzato come strumento di marginalizzazione e discriminazione. Inoltre, l’evento ha posto un’enfasi particolare sull’importanza dell’intersezionalità.

Le interazioni con altri gruppi sociali, spesso categorizzati come “minoritari”, evidenziano ulteriormente che la lotta per i diritti queer non è un’azione isolata, ma piuttosto un elemento di una battaglia più ampia per l’uguaglianza e la giustizia sociale.

In un anno in cui la consueta parata, tradizionalmente un simbolo di memoria e rivendicazione per la comunità queer, è stata assente, la narrazione costruita è riuscita comunque ad essere intensa e impattante, accentuando l’urgenza di concentrarsi su aspetti meno visibili ma non meno cruciali dell’esperienza queer.

Qua nulla c’entra la propaganda, perché si parla di vite reali, di persone in carne e fiato, di famiglie non riconosciute e di soggettività a cui viene reso impossibile autodeterminarsi – si legge nel comunicato inviato dal comitato organizzatore – Perché nessuna persona è “normale” – e nessuna è “anormale” – dal momento che una norma non esiste, dal momento che nessuno può avere il diritto di definirla. L’Aosta Pride Week serve anche e soprattutto a questo: a contestare la presupposta “normalità” e a farci capire che, in fin dei conti, siamo solo tante diverse unicità che hanno bisogno di benessere, di felicità, di diritti per poter affermare i propri diritti e la propria esistenza”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24

Leggere fa bene

buenos-aires-pride-2023 (3)

“Non votate l’odio”: il Buenos Aires Pride 2023 contro il possibile presidente di estrema destra Milei

News - Francesca Di Feo 7.11.23
malta-europride-resoconto

Malta Europride 2023 verso la parata finale: ecco come sono andati i primi giorni di festival

News - Francesca Di Feo 13.9.23
liguria pride 2024

Liguria Pride 2024: a Genova l’8 giugno

News - Redazione 23.1.24
Brianza Pride - Monza, 16 Settembre 2023 - foto: IG

L’Onda Pride 2023 non si ferma, come sono andati i Pride di Scafati e Brianza, tra luci e ombre

News - Francesca Di Feo 19.9.23
ragusa pride 2024, il 29 giugno

Ragusa Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 22.1.24
milano pride 2024, il 29 giugno

Milano Pride 2024: il 29 giugno

News - Redazione 18.12.23
Roma Pride 2024 sabato 15 giugno, l'annuncio video: "Sarà memorabile" - roma pride - Gay.it

Roma Pride 2024 sabato 15 giugno, l’annuncio video: “Sarà memorabile”

News - Redazione 7.12.23
Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno - abruzzopride pescara - Gay.it

Abruzzo Pride 2024: a Pescara il 29 giugno

News - Redazione 14.12.23