Firenze: teatro, ‘Le cognate’ diventa ‘I cognati’

Debutta al Teatro della Limonaia l’8 e il 9 marzo alle ore 21 “I cognati”, versione fedele e rigorosamente maschile dello spettacolo “Le Cognate” dedicata a Gabriele Venturi.

FIRENZE – Dopo due anteprime al Circo-Lo Teatro del Sale il 4 e 5 marzo, debutta al Teatro della Limonaia l’8 e il 9 marzo alle ore 21 “I cognati”, versione fedele e rigorosamente maschile dello spettacolo “Le Cognate” dedicata a Gabriele Venturi.

Le Cognate di Michel Tremblay, regia di Barbara Nativi, è uno spettacolo che ha visitato, nella versione al femminile, i teatri più importanti di un centinaio di città italiane, avendo accoglienze entusiastiche da parte della critica e trovando un’accoglienza di pubblico davvero speciale. Hanno ruotato nei 15 ruoli della pièce quasi 40 attrici. La versione al maschile, nata da una grande gelosia degli uomini della compagnia nei confronti di questo spettacolo tanto amato, è sempre andata in scena per motivi di solidarietà, quindi i quindici attori-tecnici-scenografi sono in scena gratuitamente. Stavolta l’omaggio è a Gabriele Venturi, attore del teatro La Limonaia recentemente scomparso, a soli 28 anni. I fondi raccolti serviranno a trovare modi di ricordarlo non retorici e vicini alla sua grande ironia, leggerezza e umanità.

Per info: Teatro della Limonaia, via Gramsci 426 Sesto Fiorentino (FI), tel & fax ++39 055 440852, www.teatrodellalimonaia.it e-mail: info@teatrodellalimonaia.it

LEGGI ANCHE

Cultura

Alfredo Cohen, l’Abruzzo riabbraccia il suo artista omosessuale: documentario e...

Artista, pedagogista e intellettuale, la figura di Alfredo Cohen in un documentario e nell'intitolazione del foyer del Teatro di Lanciano.

di Davide Bombini | 15 Dicembre 2018

Storie

Addio al coreografo Lindsay Kemp: lavorò con David Bowie e...

Aveva 80 anni, è stato anche ballerino, regista e attore.

di Redazione | 25 Agosto 2018

Cultura

Abracadabra, la parola magica che mette in scena Mario Mieli

Cinque date a Milano per riscoprire uno dei padri (e madri) nobili più contestati e dimenticati del movimento LGBT italiano.

di Gianluca Pellizzoni | 4 Aprile 2018