Salerno: branco sequestra e stupra 17enne filmando con il telefono. Arrestati due violentatori

Con la denuncia da parte della madre della vittima sono scattate investigazioni, perquisizioni e la raccolta delle dichiarazioni che hanno portato a identificare i responsabili.

Cava de’ Tirreni, (Salerno): hanno rinchiuso un diciassettenne dentro un centro massaggi e lo hanno violentato, registrando tutto con un telefonino per produrre materiale pedopornografico.

Al momento due persone di circa 50 anni sono finite in carcere per la vicenda. Altre due persone, di cui al momento non sono stati diffusi dettagli sull’identità, durante la violenza avevano maschere e parrucche per non farsi riconoscere.

I carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore hanno eseguito a Cava de’ Tirreni e a Vicenza un’ordinanza di misura cautelare con custodia in carcere, emessa dal tribunale di Salerno, nei confronti di due indagati, ritenuti responsabili di violenza sessuale di gruppo, privazione della libertà personale di un minorenne e produzione pedopornografica.

Con la denuncia da parte della madre della vittima sono scattate investigazioni, perquisizioni e la raccolta delle dichiarazioni che hanno portato al provvedimento cautelare per le violenze subite dal ragazzo all’interno di un centro massaggi gestito da uno degli indagati in Cava de’ Tirreni, tra l’ottobre 2015 e l’aprile 2016.

Ti suggeriamo anche  Non è l'Arena, Costanza Miriano associa l'omosessualità alla pedofilia
Storie

Leo Varadkar e l’amato Matthew a petto nudo nel parco, polemiche sul distanziamento sociale

Weekend nel parco con amici per il premier irlandese, gay dichiarato, rimasto vittima delle immancabili polemiche social.

di Federico Boni