Vita, Famiglia e Libertà: in Parlamento ha preso forma un gruppo da incubo medievale

di

Oltre 100 parlamentari si sono ritrovati in un gruppo catto-estremista che punta a limitare i diritti di tutti noi, già acquisiti o ancora da acciuffare.

CONDIVIDI
384 Condivisioni Facebook 384 Twitter Google WhatsApp
4249 3

Massimo Gandolfini, portavoce del Family Day, i leghisti Simone Pillon e Alessandro Pagano, i forzisti Maurizio Gasparri e Lucio Malan, alcuni esponenti di Fratelli d’Italia,  il senatore Gaetano Quagliariello di Idea e la grillina Tiziana Drago, promotrice di una “veglia” delle Sentinelle in piedi a Catania.

Eccoli qui alcuni dei 100 nomi e volti che hanno ideato ‘Vita, Famiglia e Libertà‘, intergruppo parlamentare che di fatto punta ad un ritorno del Medioevo in ambito di diritti e libertà. Personaggi di un estremismo cattolico che si fa orgoglio e soprattutto arroganza dura e pura, nel voler limitare i sacrosanti diritti altrui, trincerandosi dietro un fantomatico volere morale, sociale, ultraterreno. Tra le battaglie da combattere, ovviamente, quella contro le unioni civili e il testamento biologico, diventate legge nella legislatura precedente, senza dimenticare quelle famiglie arcobaleno che a detta di codesti/e signori/e non esistono.

Tra gli spauracchi da sbandierare anche la legalizzazione delle cosiddette droghe leggere, quell’utero in affitto che è già illegale, le adozioni per le coppie LGBT da nessuno purtroppo mai prese in considerazione, l’aborto da abbattere attraverso l’obiezione di coscienza, il fantomatico gender nelle scuole e il contrasto al suicidio assistito.

Un intergruppo parlamentare da brividi che ha costretto le associazioni LGBT d’Italia ad appellarsi immediatamente a tutti quei deputati e senatori che hanno a cuore la difesa dei diritti delle persone, mai come in questo momento, con questa legislatura giallo-verde, a rischio. Sottovalutarli, dando loro poca credibilità e forza, potrebbe significare far scivolare questo laico Stato in un vero incubo ad occhi aperti.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...