Birmania, attore fa coming out: ‘sono chi sono, amo chi amo’

In Myanmar ha fatto clamore il coming out del giovane attore Okka Min Maung.

In Myanmar essere gay è illegale, tanto da rischiare condanne fino all’ergastolo.

L’attore e modello birmano Okka Min Maung (noto anche come Ye Htoo Win), ha però voluto pubblicamente fare coming out, baciando il fidanzato in un video pubblicato sui social. Da giorni alcune foto private ritraevano l’attore e il partner israeliano a letto, facendo pensare ad una storia d’amore, con Okka che ha voluto rompere il muro del silenzio confermando quei rumor. Una mossa rischiosa per la vita stessa della coppia, che fortunatamente vive a New York. In Myanmar, ovviamente, il coming out ha fatto molto clamore.

“Io sono chi sono, amo chi amo. Non mi arrenderò, ha commentato con le lacrime agli occhi Min Maung, che nel video pubblicato su Facebook racconta la tragica morte del precedente compagno, e di quanto sia orgoglioso di essere omosessuale. A divulgare sul web le immagini private di Okka e dell’amato un ‘amico’ intimo della coppia, con l’orientamento sessuale dell’attore che è incredibilmente diventato argomento principale della settimana.

Fatto coming out, Okka è stato travolto dai complimenti degli amici e dei fan ma anche dagli insulti degli omofobi del proprio Paese. Il Myanmar è prevalentemente un paese buddista ed è opinione diffusa che essere omosessuali significhi trarre le conseguenze da vite passate segnate dall’adulterio e da inaccettabili condotte sessuali. Di conseguenza, la società considera le persone LGBT anormali e di seconda classe.

Ti suggeriamo anche  Giorgia Meloni contro Storie di Genere: 'indottrinamento gender, intervenga il nuovo cda della Rai'

Okka Min Maung ha iniziato la sua carriera nel mondo dello spettacolo come modello ed è stato eletto Mister Tourism World 2016, per poi prendere parte a The Gemini, primo storico film birmano mostrato nei cinema americani.

Cultura

TDOR 2019: ricordiamo le vittime dell’odio trans

A 20 anni dall'istituzione della data, il 20 novembre 1999, ricordiamo la storia di un ragazzo FtM.

di Alessandro Bovo