L’assassino di Avaz Hafizli, giornalista e attivista per i diritti LGBTQIA+, sconterà solo 9 anni di carcere

Avaz Hafizli è stato ucciso e mutilato da suo cugino.

ascolta:
0:00
-
0:00
L'assassino di Avaz Hafizli, giornalista e attivista per i diritti LGBTQIA+, sconterà solo 9 anni di carcere - avaz Hafizli 2 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Solo poco tempo fa abbiamo parlato dei peggiori paesi sul territorio europeo in materia di diritti e qualità della vita per le persone LGBTQIA+.

L’Azerbaijan è classificato all’ultimo posto, il 49esimo, e l’ultimo episodio di violenza perpetrato verso un giornalista LGBTQ+ è l’ennesima prova delle condizioni di vita insostenibili a cui le persone queer fanno fronte ogni giorno in questo paese.

Avaz Hafizli aveva 24 anni quando è stato torturato, mutilato e ucciso da un suo stesso parente. Era un appassionato attivista per i diritti della comunità transgender e per il riconoscimento dei crimini d’odio in Azerbaijan, lavorando nel contempo come reporter per Kanal 13.

avaz-Hafizli (2)

Secondo i media locali, le autorità avrebbero ritrovato il suo corpo decapitato e mutilato nei genitali nel suo appartamento di Baku il 22 febbraio. Ma lo scempio non si è fermato qui: i poliziotti avrebbero avvolto il cadavere in un tappeto e lo avrebbero trasportato in un camion per i rifiuti, per evitare di toccare un “essere impuro”.

Oggi, il colpevole dell’atroce delitto – il cugino di Hafizli, Amrulla Gulaliyev – è stato condannato a soli nove anni e sei mesi di prigione.

Gli avevo detto di lasciare quella strada [essere gay] e lui mi ha risposto ‘È la mia vita, tu vai e fai la tua’” – ha dichiarato Gulaliyev alla corte. “Quindi ho preso un coltello dalla cucina e l’ho aggredito”.

Per comprendere il perché questa sentenza risulti così vergognosa, bisogna tenere in considerazione il contesto legislativo in cui è stata emessa: in Azerbaijan, un colpevole di omicidio può effettivamente scontare solo fino a 10 anni di prigione.

Tuttavia, se il delitto risulta eccessivamente cruento e intenzionale, la sentenza dovrebbe essere raddoppiata.

Proprio per questo motivo gli attivisti si sono indignati, chiedendo una pena più severa per Gulaliyev – anche per scoraggiare eventuali nuovi reati d’odio verso la comunità LGBTQ+ che in Azerbaijan sono all’ordine del giorno. Tuttavia, la corte ha deciso d’ignorare la loro richiesta.

Hafizli era uno degli attivisti più di spicco per la comunità LGBTQIA+ nel suo paese, e aveva già subito diverse persecuzioni e atti di violenza da parte delle autorità.

Le sue continue proteste, iniziative e il suo attivismo impegnato a far venire alla luce gli orrendi crimini perpetrati dalla polizia Azerbaijanese verso le persone queer non erano visti di buon occhio dalle istituzioni.

In una delle sue manifestazioni più celebri, Hafizli si era incatenato al cancello della Suprema Corte per diverse ore, prima di essere forzosamente rimosso.

avaz-Hafizli

Attraverso le sue parole e le sue azioni, Hafizli era diventato un simbolo di pace e di speranza per la comunità LGBTQIA+ in Azerbaijan.

Nel 2020, l’attivista aveva organizzato un funerale dignitoso a una sex worker transgender la cui famiglia si era rifiutata di reclamare il cadavere dopo il suo brutale omicidio.

La morte di Avaz Hafizli è un capitolo oscuro per la comunità LGBTQIA+ in Azerbaijan.

L’intera comunità queer ora ha davvero paura, perché questo tipo di violenze continuano a venire giustificate da chi dovrebbe esercitare la giustizia, e addirittura celebrate da alcuni politici di estrema destra” ha commentato un’amica di Hafizli.

Sì, perché il modo e il sentimento con cui l’attivista è stato assassinato parlano chiaro: dalla rabbia delle coltellate fino alla mutilazione dei genitali, tutto parla di un odio cieco verso la sua identità e il suo attivismo, come ha ammesso lo stesso Gulaliyev.

È palese che il movente principale dell’omicidio fosse l’identità di Avaz come persona gay” continua l’amica. “La prova sta nella mutilazione dei genitali: nessun’altra riprovevole azione poteva mandare un messaggio più chiaro”.

Ma la verità più devastante è che – secondo alcuni colleghi – Avaz se lo aspettava. Non si chiedeva neanche più “se”, ma “quando”. Quando sono le stesse istituzioni a macchiarsi di reati indicibili, come può una persona sentirsi al sicuro? E a quanti episodi di questo tipo dovremo ancora assistere prima che l’Azerbaijan cominci a muoversi verso il cambiamento?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24

Continua a leggere

@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
SAFFFO QUEER 1-DAY FEST(A)

“La rivolta queer è fatta anche di piacere”, intervista con il SAFFFO Queer Fest(a)

Culture - Riccardo Conte 27.5.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
Douglas Carolo Andrea Bossi Michele Caglioni (foto da La Vita in diretta del 7 marzo 2024 - Rai 1)

Douglas Carolo sarebbe stato in rapporti intimi con Andrea Bossi

News - Redazione Milano 7.3.24