L’assassino di Avaz Hafizli, giornalista e attivista per i diritti LGBTQIA+, sconterà solo 9 anni di carcere

Avaz Hafizli è stato ucciso e mutilato da suo cugino.

ascolta:
0:00
-
0:00
L'assassino di Avaz Hafizli, giornalista e attivista per i diritti LGBTQIA+, sconterà solo 9 anni di carcere - avaz Hafizli 2 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Solo poco tempo fa abbiamo parlato dei peggiori paesi sul territorio europeo in materia di diritti e qualità della vita per le persone LGBTQIA+.

L’Azerbaijan è classificato all’ultimo posto, il 49esimo, e l’ultimo episodio di violenza perpetrato verso un giornalista LGBTQ+ è l’ennesima prova delle condizioni di vita insostenibili a cui le persone queer fanno fronte ogni giorno in questo paese.

Avaz Hafizli aveva 24 anni quando è stato torturato, mutilato e ucciso da un suo stesso parente. Era un appassionato attivista per i diritti della comunità transgender e per il riconoscimento dei crimini d’odio in Azerbaijan, lavorando nel contempo come reporter per Kanal 13.

avaz-Hafizli (2)

Secondo i media locali, le autorità avrebbero ritrovato il suo corpo decapitato e mutilato nei genitali nel suo appartamento di Baku il 22 febbraio. Ma lo scempio non si è fermato qui: i poliziotti avrebbero avvolto il cadavere in un tappeto e lo avrebbero trasportato in un camion per i rifiuti, per evitare di toccare un “essere impuro”.

Oggi, il colpevole dell’atroce delitto – il cugino di Hafizli, Amrulla Gulaliyev – è stato condannato a soli nove anni e sei mesi di prigione.

Gli avevo detto di lasciare quella strada [essere gay] e lui mi ha risposto ‘È la mia vita, tu vai e fai la tua’” – ha dichiarato Gulaliyev alla corte. “Quindi ho preso un coltello dalla cucina e l’ho aggredito”.

Per comprendere il perché questa sentenza risulti così vergognosa, bisogna tenere in considerazione il contesto legislativo in cui è stata emessa: in Azerbaijan, un colpevole di omicidio può effettivamente scontare solo fino a 10 anni di prigione.

Tuttavia, se il delitto risulta eccessivamente cruento e intenzionale, la sentenza dovrebbe essere raddoppiata.

Proprio per questo motivo gli attivisti si sono indignati, chiedendo una pena più severa per Gulaliyev – anche per scoraggiare eventuali nuovi reati d’odio verso la comunità LGBTQ+ che in Azerbaijan sono all’ordine del giorno. Tuttavia, la corte ha deciso d’ignorare la loro richiesta.

Hafizli era uno degli attivisti più di spicco per la comunità LGBTQIA+ nel suo paese, e aveva già subito diverse persecuzioni e atti di violenza da parte delle autorità.

Le sue continue proteste, iniziative e il suo attivismo impegnato a far venire alla luce gli orrendi crimini perpetrati dalla polizia Azerbaijanese verso le persone queer non erano visti di buon occhio dalle istituzioni.

In una delle sue manifestazioni più celebri, Hafizli si era incatenato al cancello della Suprema Corte per diverse ore, prima di essere forzosamente rimosso.

avaz-Hafizli

Attraverso le sue parole e le sue azioni, Hafizli era diventato un simbolo di pace e di speranza per la comunità LGBTQIA+ in Azerbaijan.

Nel 2020, l’attivista aveva organizzato un funerale dignitoso a una sex worker transgender la cui famiglia si era rifiutata di reclamare il cadavere dopo il suo brutale omicidio.

La morte di Avaz Hafizli è un capitolo oscuro per la comunità LGBTQIA+ in Azerbaijan.

L’intera comunità queer ora ha davvero paura, perché questo tipo di violenze continuano a venire giustificate da chi dovrebbe esercitare la giustizia, e addirittura celebrate da alcuni politici di estrema destra” ha commentato un’amica di Hafizli.

Sì, perché il modo e il sentimento con cui l’attivista è stato assassinato parlano chiaro: dalla rabbia delle coltellate fino alla mutilazione dei genitali, tutto parla di un odio cieco verso la sua identità e il suo attivismo, come ha ammesso lo stesso Gulaliyev.

È palese che il movente principale dell’omicidio fosse l’identità di Avaz come persona gay” continua l’amica. “La prova sta nella mutilazione dei genitali: nessun’altra riprovevole azione poteva mandare un messaggio più chiaro”.

Ma la verità più devastante è che – secondo alcuni colleghi – Avaz se lo aspettava. Non si chiedeva neanche più “se”, ma “quando”. Quando sono le stesse istituzioni a macchiarsi di reati indicibili, come può una persona sentirsi al sicuro? E a quanti episodi di questo tipo dovremo ancora assistere prima che l’Azerbaijan cominci a muoversi verso il cambiamento?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
BigMama

BigMama vola a New York, interverrà all’Assemblea generale delle Nazioni Unite: le ultime news

Musica - Luca Diana 20.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24

Hai già letto
queste storie?

Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
mit

Il MIT ha bisogno d’aiuto: partecipa alla raccolta fondi

News - Redazione Milano 19.10.23
ucraina unioni civili

Ucraina, ecco come si allontana la legge sulle unioni civili

News - Giuliano Federico 20.9.23
ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri - Wonty Paolo Camilli Riccardo Pirrone Francesco Rellini 1 - Gay.it

Wonty Media, grande festa per la factory romana che ha Diversity e Inclusion come pilastri

Culture - Redazione 21.9.23
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
caserta rai arcigay raffaele giovine

Caserta, centro anti discriminazioni LGBT finanziato da UNAR a rischio chiusura: lettera a Elly Schlein

News - Giuliano Federico 4.9.23
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23