Obama: “Da ragazzino ho usato termini come fr*cio, mi sono poi vergognato e ho imparato a fare meglio”

L'inattesa rivelazione dalle pagine dell'autobiografia dell'ex presidente USA, Una Terra Promessa.

Obama: "Da ragazzino ho usato termini come fr*cio, mi sono poi vergognato e ho imparato a fare meglio" - obama gay - Gay.it
3 min. di lettura

Obama: "Da ragazzino ho usato termini come fr*cio, mi sono poi vergognato e ho imparato a fare meglio" - 15ffa2cb9d95d7f782e44a2a3beaf7e9 1 - Gay.it

Nella giornata di ieri l’autobiografia di Barack Obama, Una Terra Promessa, è uscita in tutte le librerie del mondo. Uno dei libri più attesi dell’anno, visti gli strepitosi numeri fatti precedentemente segnare dall’autobiografia della moglie Michelle, con tanto di inattesa confessione venuta alla luce.

L’ex presidente degli Stati Uniti d’America, da sempre al fianco della comunità LGBT, ha infatti dolorosamente ammesso di aver utilizzato il termine ‘fr*cio’, da adolescente, e di provare ‘profonda vergogna’.

Nel libro, Obama parla con coraggio delle limitate opinioni che aveva nei confronti delle persone LGBT + prima che entrasse in politica, ammettendo candidamente che i suoi “atteggiamenti verso i gay, le lesbiche e le persone transgender non sono sempre stati particolarmente illuminati“.

Sono cresciuto negli anni ’70, un tempo in cui la vita LGBTQ era molto meno visibile a chi era al di fuori della comunità. Così mia zia Arlene si sentiva obbligata a presentare la sua storica compagna, che aveva da 20 anni, come “la mia cara amica Marge”, ogni volta che veniva a trovarci alle Hawaii. E come molti ragazzi adolescenti in quegli anni, i miei amici e io a volte ci scambiavamo parole come ‘fr*cio’ o ‘gay’, in modo denigrante, tentativi insignificanti di fortificare la nostra mascolinità e nascondere le nostre insicurezze. Una volta che sono andato al college e sono diventato amico di altri studenti e professori che erano apertamente gay, però, mi sono reso conto dell’aperta discriminazione e dell’odio a cui erano soggetti, così come della solitudine e dei dubbi che la cultura dominante imponeva loro. Mi sono vergognato del mio comportamento passato e ho imparato a fare meglio.

Obama ha attribuito alle amicizie e alle storie che ha sentito direttamente dalle persone LGBTQ frequentate durante il college e all’inizio della sua carriera l’avergli “aperto il cuore alla dimensione umana delle questioni, a cui un tempo pensavo in termini principalmente astratti“.

Ovviamente, Obama ha poi messo in pratica le sue evolute convinzioni come presidente, abrogando il divieto ai soldati apertamente gay nell’esercito degli Stati Uniti, usando i poteri esecutivi per far rispettare le protezioni LGBT + contro la non discriminazione per gli appaltatori federali, approvando una legge federale sui crimini d’odio in ricordo dell’adolescente Matthew Shepard, e infine nominando due giudici pro-LGBT + di quella Corte Suprema che ha poi approvato l’uguaglianza matrimoniale. Ogni anno di presidenza, tutti i mesi di giugno, Obama ha celebrato il Pride Month, tingendo la Casa Bianca di rainbow.

Accanto all’aborto, alle armi e praticamente a qualsiasi cosa abbia a che fare con il colore della pelle, le questioni dei diritti LGBTQ e dell’immigrazione hanno occupato per decenni il centro della scena nelle guerre culturali americane, in parte perché hanno sollevato la questione più fondamentale nella nostra democrazia, vale a dire chi consideriamo un vero membro della famiglia americana, meritevole degli stessi diritti, rispetto e sollecitudine che ci aspettiamo per noi stessi? Ho creduto nella definizione di quella famiglia in senso lato, che includeva sia i gay che gli etero, e includeva le famiglie di immigrati che avevano messo radici e cresciuto i bambini qui, anche se non erano entrati dalla porta principale. Come potevo credere altrimenti, quando alcuni degli stessi argomenti per la loro esclusione erano stati così spesso usati per escludere coloro che mi somigliavano?

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24

Hai già letto
queste storie?

Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans - Ron DeSantis Trump Biden - Gay.it

Ron DeSantis abbandona le primarie, appoggia Trump e Biden stanzia 700.000 dollari a favore dei ragazzi trans

News - Redazione 22.1.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l'omobitransfobia - Presidente Napolitano - Gay.it

Addio a Giorgio Napolitano, il presidente che per primo si spese contro l’omobitransfobia

News - Redazione 22.9.23
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23