Esiste davvero la cancel culture nel 2022 o qualcuno ha troppa paura di chiedere scusa?

La massa del politicamente corretto ha preso il potere, e non si può più dire niente né scherzare su niente?

ascolta:
0:00
-
0:00
cancel culture
cancel culture
3 min. di lettura

La cancel culture ci sta sfuggendo di mano?”.

Negli ultimi anni, questa domanda è diventata impossibile da ignorare. Una veloce ricerca su Google darà accesso a centinaia di risultati, e molti di essi diranno che sì – la massa del politicamente corretto ha preso il potere, e non si può più dire niente né scherzare su niente.

Prima di stabilire però – attraverso razionalità e fatti – se il fenomeno della cancel culture esiste davvero, dobbiamo prima capire di cosa si tratta.

La definizione di cancel culture per come ne si parla

L’idea è – secondo coloro che ne promuovono l’esistenza – che le persone possano in ogni momento perdere la loro intera piattaforma pubblica e la loro credibilità nel momento in cui sostengano un’opinione diversa dal “politicamente corretto”.

Che si tratti di un Tweet, una dichiarazione in un’intervista o un editoriale, fine dei giochi: verrai sommerso da una marea di critiche, verrai privato della possibilità di spiegarti e non ci sarà più niente da fare. 

 

mushu-cancel-culture

 

Il problema alla radice di questa prospettiva è semplicemente che la scellerata cancel culture non esiste, o almeno, non esiste nel modo in cui viene definita. Si tratta solo di un passpartout utilizzato da coloro che oggi devono affrontare in maniera seria le conseguenze delle proprie azioni e delle proprie dichiarazioni, cosa che non hanno probabilmente mai dovuto fare prima.

Per una persona appartenente alle minoranze, esprimere sé stessi in maniera libera e autodeterminarsi è una sensazione nuova e positiva. Questo perché comportamenti bigotti, sessisti e razzisti non vengono più insabbiati come prima. Il che si applica sia per le persone in posizione di potere economico o politico, ma anche per chiunque abbia goduto fin’oggi di privilegi che mai si sarebbe sognato di dover tenere in considerazione.

La conseguenza è che il prendersi le proprie responsabilità si traduce automaticamente in una cosa negativa, da delegittimizzare parlando proprio di cancel culture.

Prendiamo l’esempio più noto in questo ambito: fin dagli albori del movimento #MeToo, sempre più donne hanno sentito finalmente di poter parlare delle violenze subite senza vergogna.

Se in molti hanno sostenuto la causa, si è anche assistito a una frangia di persone che ne hanno criticato il presupposto estremismo, sostenendo che oggi un uomo “dovrebbe esimersi dal fare un complimento a una donna per paura di essere attaccato dalla massa del politicamente corretto”.

Ma non è questo l’obiettivo del movimento. Sebbene oggi tantissimi uomini – ma anche donne – siano stati additati e giudicati per i loro comportamenti, è raro che essi abbiano subito gli effetti della cancel culture per come viene descritta.

La cancel culture è causata dagli stessi che se ne lamentano

Un esempio lampante è proprio, Harvey Weinstein – accusato da più di 80 donne di molestie sessuali e stupro, e giudicato colpevole. Sì, il noto produttore cinematografico ha perso molta rilevanza da questi episodi, ma si è comunque presentato a un evento pubblico lo scorso ottobre.

[tweet id=”1187529628229029888″ /]

Quindi, parlare di eliminazione totale di un personaggio dalla sfera pubblica è esagerato e inesatto.

Sebbene il termine “cancel culture” stia spopolando in Italia solo recentemente, l’idea aleggia proprio a partire dal movimento #MeToo.

A oggi però il significato è sempre più esteso a diversi ambiti, ma parte sempre dal presupposto che si tratti di un ostracismo definitivo e incancellabile sulla reputazione di qualcuno che ha “solo commesso un errore”.

Il che è solo uno spauracchio utilizzato dai più per parlare di un atteggiamento che chiede solo alle persone di prendersi la responsabilità delle proprie opinioni dannose nei confronti delle minoranze, o di comportamenti scorretti in generale.

La cancel culture non esiste per il semplice fatto che chiunque ha la possibilità di redimersi, ma nessuno tenta di farlo con intenzione.

Il “perdono” da parte del pubblico può essere preteso solo se in cambio vi è una genuina voglia di fare meglio, cosa che – nella maggior parte dei casi – richiede un cambiamento radicale da parte di chi è stato accusato.

E i fatti di dicono che molto spesso, questo cambiamento non avviene. Quindi, chi è causa del suo mal pianga sé stesso.

Ma non solo: l’idea che esista una cancel culture è solo un altro termine per screditare la reputazione dei movimenti per i diritti delle minoranze, perché così conviene a coloro che non vogliono perdere il loro privilegio.

Oggi il termine viene utilizzato in così tanti contesti che dà luogo a una iper semplificazione, perdendo di senso, e precludendo una discussione davvero fruttuosa sulle questioni che coinvolge. Il che è esattamente l’obiettivo: invece di comprendere e ragionare sul danno commesso, si etichetta una richiesta di responsabilizzazione come un attacco.

Invece di creare panico, e parlare di silenziamento della libertà di espressione, magari sarebbe il caso di cominciare davvero a pensare alle conseguenze di certe narrative d’odio, e del perché nel 2022 esse non vengano più tollerate.

Immagine di copertina: edit da una foto di Clay Banks

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24

Hai già letto
queste storie?

pronomi comunuità lgbtqia+ chiamami con il mio pronome

“Chiamami con il mio pronome”, perché i pronomi sono importanti per le persone LGBTIQA+?

Guide - Redazione Milano 16.11.23
Topolino e Minnie costretti a censurare la parola "gay" da uno show Disney ad Orlando.

Topolino e Minnie cancellano la parola “gay” da uno show

News - Redazione Milano 2.1.24
Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il "Questioning" nell'ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere - gender questioning - Gay.it

Il viaggio di auto-scoperta: comprendere il “Questioning” nell’ampio ventaglio degli orientamenti affettivi, sessuali e identità di genere

Guide - Gay.it 16.11.23
coppia gay mano nella mano

Perché noi persone queer abbiamo ancora paura a tenerci per mano?

News - Emanuele Bero 6.11.23
2023: Le cose da portate con noi

10 cose che vogliamo portarci nel 2024

Culture - Redazione Milano 27.12.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Un posto al sole rai governo meloni destra Michele Saviani

Rai, così anche “Un posto al sole” scivola nell’ombra a destra

Serie Tv - Francesca Di Feo 11.10.23
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24