“Carnage”: ma che bel cast sull’orlo di una crisi di nervi

Un superlativo poker di attori nella strepitosa commedia di Polanski tratta da una pièce di Yasmina Reza: Kate Winslet, Jodie Foster, Christ Waltz e John C. Reilly sull'orlo di una crisi di nervi.

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageBASE - Gay.it
3 min. di lettura

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageF1 - Gay.it

"Drama queen bullshit". Con quest’espressione molto queer Alan Cowan, l’avvocato cinico e rampante impersonato mirabilmente da Chris Waltz nello strepitoso "Carnage" di Polanski, definisce i battibecchi tra il collerico e il litigioso in cui sono coinvolti anche la signorile moglie Nancy e una coppia borghese, Michael e Penelope, il cui figlio undicenne è stato preso a bastonate in faccia dal pargolo di Alan e Nancy, rimettendoci due denti.

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageF2 - Gay.it

È davvero coinvolgente questa riduzione cinematografica di un’acclamata pièce teatrale dell’eclettica Yasmina Reza, "Le dieu du carnage" ("Il dio del massacro"), carneficina psicologica di quattro personaggi sull’orlo di una crisi di nervi in un appartamento a Brooklyn che, alla Buñuel, non riescono a lasciare e in realtà si trova a Parigi, dove si svolgeva l’originale: Polanski ha dovuto comunque girare nella capitale francese perché per noti problemi giudiziari non può mettere piede sul territorio statunitense.

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageF3 - Gay.it

In soli 79 minuti compatti, precisi, essenziali, con echi del precedente "Luna di fiele" ed elaborati movimenti della macchina da presa che fanno dimenticare la matrice teatrale del testo e l’unità di luogo, tempo e azione (a parte l’ariosa cornice ambientata nel parco dove avviene il misfatto), il regista rende al meglio la deriva comportamentale delle due coppie apparentemente intenzionate ad appianare il fattaccio con la massima civiltà. Ma eccole esplodere in rancori, invidie, attribuzioni di colpa anche all’interno delle famiglie stesse, complici dell’ottimo whiskey scozzese e una torta ghiacciata che fa venire fuori il peggio di sé anche in senso letterale, con tanto di sbalorditiva vomitata-fiume su un pregiato catalogo del pittore e drammaturgo polacco Kokoschka che, guarda caso, nelle sua produzione teatrale affrontava spesso il dualismo controverso uomo-donna.

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageF4 - Gay.it

Il merito è soprattutto di un superlativo poker d’attori (tre premi Oscar e un nominato) in una sfida di bravura che lascia senza fiato: l’ottima Kate Winslet, vincitrice ieri dell’Emmy Award per il suo ruolo nella miniserie "Mildred Pierce" (ha trionfato "Modern Family" con quattro premi) dà tutta se stessa, anima e corpo, nel ruolo non facile di Nancy, mediatrice finanziaria che non sopporta più la dipendenza del marito dal cellulare e, in generale, dal suo lavoro. Il suo contraltare con cui, a fasi alterne, si allea e si scontra è l’apparentemente quieta Penelope, una perfetta Jodie Foster, in realtà nevrastenica e soggiogata dal marito disinteressato all’arte e al rispetto per gli animali, interpretato coi giusti sottotoni da John C. Reilly: ha fatto persino scappare il criceto che non sopportava "anche per il suo nome da frocetto, Rosichino" (ma pure Nancy darà del frocetto al ragazzino vittima, in un’escalation di insulti).

"Carnage": ma che bel cast sull'orlo di una crisi di nervi - carnageF5 - Gay.it

E quando le due coppie metteranno a nudo le loro difficoltà nel mantenere sempre una civile compostezza, nell’essere genitori, nel sopportarsi reciprocamente ("La coppia è la prova più terribile che Dio possa infliggerci" chiosa Michael) verrà fuori anche un impietoso confronto delle scale di valori tra l’opulenta società occidentale e la miseria africana – Penelope sta scrivendo un testo sul Darfur mentre Alan è appena tornato dal Congo – dove si espleta il vero massacro del titolo ad opera di un bambino armato di lanciagranate: la responsabilità non è certo solo sua, come specularmente non ce l’ha il piccolo aggressore con bastone nella ‘civilizzata’ New York.Visto lo spessore dei dialoghi di questo brillante lavoro ignorato dalla giuria di Venezia ma apprezzato in modo unanime da critica e pubblico (nel primo weekend ha incassato discretamente, circa 870.000 euro), si consiglia la versione originale con sottotitoli, proposta da alcuni cinema quali il Centrale di Torino, l’Odeon a Firenze e il Nuovo Olimpia di Roma.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: "È tutto molto veritiero e positivo" - Agatha All Along - Gay.it

Agatha All Along, Joe Locke conferma che il suo personaggio è gay: “È tutto molto veritiero e positivo”

Serie Tv - Redazione 17.7.24
tormentoni queer dal 2000 al 2023

Tormentoni queer, dal 2000 al 2023 le canzoni che hanno reso indimenticabili le nostre estati

Musica - Emanuele Corbo 15.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming - film lgbtqia gennaio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 22/28 gennaio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 22.1.24
Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino - OFF Throuple 02 - Gay.it

Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Downton Abbey 3, Imelda Staunton conferma che il terzo film si farà e sarà l'ultimo - Downton Abbey - Gay.it

Downton Abbey 3, Imelda Staunton conferma che il terzo film si farà e sarà l’ultimo

Cinema - Redazione 20.3.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Ferzan Ozpetek, 16 attrici per il suo nuovo film. Da Ambra a Mara Venier, passando per Vukotic e Sandrelli - Ferzan Ozpetek e Mara Venier - Gay.it

Ferzan Ozpetek, 16 attrici per il suo nuovo film. Da Ambra a Mara Venier, passando per Vukotic e Sandrelli

Cinema - Redazione 3.6.24
Seducimi: i cortometraggi queer di Isabella Rossellini raccontano il sesso animale - Matteo B Bianchi - Gay.it

Seducimi: i cortometraggi queer di Isabella Rossellini raccontano il sesso animale

Cinema - Federico Colombo 15.5.24