Chi era Tammy Faye, la televangelista icona gay interpretata da Jessica Chastain

Da telepredicatrice per i canali cristiani ad amato idolo della comunità gay: la sua storia.

ascolta:
0:00
-
0:00
Tammy Faye Jessica Chastain icona gay
Tammy Faye Jessica Chastain The Eyes of Tammy Faye icona gay
3 min. di lettura

Alla Notte degli Oscar 2022, Jessica Chastain, oltre a denunciare le leggi anti-LGBTQ+ in USA, si è guadagnata il premio come Miglior Attrice, grazie alla sua mastodontica interpretazione nel film The Eyes of Tammy Faye, ispirato alla vita vera di una televangeliste più famose d’America, tra gli anni 70 e 80. Durante il suo discoro di ringraziamento, Chastain ha dichiarato di sentirsi ispirata dalla bontà incondizionata del suo personaggio, lanciando un messaggio di supporto e amore alla comunità LGBTQIA+. Ma oltre le ciglia finte, la voce stravagante, e i look orgogliosamente camp, chi era davvero Tammy Faye?

chi era Tammy Faye la telepredicatrice icona dei gay
Tammy Faye televangelista più amata d’America

Tra il 1964 e il 1973 Tammy Faye Messner e suo marito Jim Bakker, divennero punto di riferimento per buona parte del pubblico cristiano d’America, cambiando la storia della televisione per più di tre decenni. Nel ’74 insieme fondano il PTL Club, show a sfondo religioso, che sapeva unire l’intrattenimento da classico talk show a valori tradizionalmente cristiani, come la famiglia e la chiesa. Ma nonostante l’impronta estremamente conservatrice, Tammy Faye si distingueva per una particolare empatia, un occhio curioso e aperto ad accogliere chiunque, al di là dell’estrazione sociale o la sessualità.

Nel 1985, al picco della sua carriera e con la massima visibilità, Faye invita al PTL Club come ospite Steve Pieters, pastore gay malato di AIDS, per parlare del rapporto tra fede, sessualità, e malattia. In un’annata dove la stigmatizzazione era alle stelle, Tammy Faye si commuoveva in diretta tv, su uno dei canali più omofobi e bigotti della rete statunitense: “Non importa quello che accade ad una persona giovane nella loro vita, rimangono sempre vostri figli e figlie” disse, mentre Pieters raccontava il suo coming out: “E penso sia fondamentale che noi in quanto madri e padri, li amiamo incondizionatamente“. Non è triste che in quanto cristiani – che dovremmo amare chiunque – siamo così spaventati di  paziente malato di AIDS da non poterlo abbracciare e dirgli che ci teniamo?” chiedeva espressamente Faye ai telespettatori, mettendone in discussione le ipocrisie.

 

Negli anni successivi – anche in seguito alla frode finanziaria del marito e il successivo divorzio – Faye si espose sempre di più a supporto della comunità: tra il 1990 e i primi anni 2000, partecipò più volte Washington’s Capital Pride Festival, partecipò a numerose associazioni di beneficienza, attivandosi a favore delle unioni civili, e stringendo amicizia con icone queer come RuPaul: “Tutti devono essere chi sono” dichiarò ospite al The RuPaul Show: “Mi rivolgo ai più giovani, non permettete a nessuno di rendervi qualcosa che non siete“.

Tuttavia, nonostante le buone intenzioni, Faye aveva i suoi detrattori, anche nella comunità queer, che definirono le sue posizioni “piene di limiti” e di sfruttare il pubblico gay per aumentare ulteriormente la propria popolarità: “Se prestate attenzioni non dice che va bene essere gay” disse di lei Randy Shulman, scrittore per Metro Weekly: “Dice ti perdono per essere gay, e quando morirai e uscirai di scena, ne parlerai con il tuo creatore”.

chi era Tammy Faye la televangelista icona gay
Tammy Faye e RuPaul

Anche durante la celebre intervista del 1985, Faye fece a Pietiers domande che oggi risulterebbero offensive e fuori luogo, come non averci “provato abbastanza” con le donne. Al contempo, Tammy Faye offriva al suo pubblico uno sguardo libero e accogliente nella vita di un giovane omosessuale americano, scomodando i dubbi più sciocchi dell’ambiente in modo da superarli:  “Numerose persone mi dissero negli anni che quelle domande erano stupide e banali, ma per il pubblico erano domande lecite” dichiarò  lo stesso Pieters.

Con tutti i limiti e controversie del caso, Faye dichiarava di avere una connessione con il pubblico gay, un’affinità che in qualche modo, riusciva a rassicurare entramb*: “Penso di avere molto in comune con la popolazione gay” dichiarò in un’intervista a South Florida Fun Sentinel nel 2002 “Anche loro sono stati umiliati, bistrattati e incompresi, e hanno passato una vita turbolenta. Loro si identificano con me, e naturalmente io mi identifico con quello che stanno passando”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: "Felice di entrare in questa gioiosa nuova era" - coming out Louisa Jacobson - Gay.it

Louisa Jacobson, figlia di Meryl Streep, fa coming out: “Felice di entrare in questa gioiosa nuova era”

Culture - Redazione 25.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all'amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO) - Silvana Della Magliana di Drag Race Italia si e unita civilmente allamato Federico - Gay.it

Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all’amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO)

Culture - Redazione 24.6.24
Luca Guadagnino parla di Queer: "È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso" - luca guadagnino pesarofilmfest 60 22giu2024 ph luigi angelucci 010 - Gay.it

Luca Guadagnino parla di Queer: “È il mio film più personale, ci sono scandalose scene di sesso”

Cinema - Redazione 24.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24

Hai già letto
queste storie?

Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema - Isabelle Huppert - Gay.it

Venezia 2024, la leggendaria Isabelle Huppert presidente di giuria della Mostra del Cinema

News - Redazione 8.5.24
Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano

Erika Colaianni e la compagna Manuela si sposano! La proposta di matrimonio durante il concerto di Ultimo – video

Culture - Luca Diana 15.6.24
Loretta Goggi dice addio a Tale e Quale Show, chi prenderà il suo posto? - Loretta Goggi - Gay.it

Loretta Goggi dice addio a Tale e Quale Show, chi prenderà il suo posto?

Culture - Redazione 28.5.24
BigMama a Sanremo 2024

Sanremo 2024, BigMama è la donna queer che ha rapito l’Ariston

Musica - Luca Diana 7.2.24
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24
Madonna, il biopic riprende vita insieme a Julia Garner - julia garner madonna - Gay.it

Madonna, il biopic riprende vita insieme a Julia Garner

Cinema - Redazione 4.6.24
Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Due mamme un figlio una famiglia. Il bellissimo spot italiano - Gay.it

Due mamme, un figlio, una famiglia. Il bellissimo spot italiano

Culture - Redazione 7.3.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24