Strage a Colorado Springs: gli eroi che hanno fermato il killer

L'intervento determinante di Richard M. Fierro, Thomas James e di una delle drag queen esibitesi durante la serata nel fermare il killer di Colorado Springs.

ascolta:
0:00
-
0:00
Strage a Colorado Springs: gli eroi che hanno fermato il killer - colorado springs eroi - Gay.it
3 min. di lettura

Cinque vittime sono una perdita incalcolabile di per sé: la strage al Club Q di Colorado Springs, sabato sera, ha lasciato un vuoto incolmabile nelle vite di tutti coloro che conoscevano Derrick Rump, Daniel Aston, Kelly Loving, Ashley Paugh e Raymond Green Vance.

Tuttavia, il numero avrebbe potuto essere molto più alto senza l’intervento di Richard M. Fierro, ex maggiore dell’esercito e veterano in Iraq e Afghanistan. L’uomo avrebbe immobilizzato e reso inoffensivo il killer, sottraendogli la pistola.

Un altro eroe, Thomas James, avrebbe aiutato Fierro a disarmare l’aggressore, afferrando prontamente il fucile caduto a terra e mettendolo in sicurezza.

Fierro si trovava al Club Q per festeggiare un compleanno insieme alla moglie Jessica, la figlia Kassy e il fidanzato di quest’ultima, Raymond – quest’ultimo una delle vittime. Il gruppo si era recato nello specifico al club per assistere allo spettacolo drag previsto per la serata. Ma, purtroppo, qualcosa è andato storto.

Anzi, qualcuno: Anderson Lee Aldrich, un 22enne di Colorado Springs, ha aperto il fuoco all’interno del locale LGBTQIA+ alle 11.56 ora locale, uccidendo cinque persone e ferendone almeno 19.

L’ex soldato avrebbe dapprima cercato riparo sotto un tavolo, trascinando con sé un amico che si trovava vicino a lui in quel momento. Ma nell’accorgersi che l’attentatore si stava dirigendo verso le uscite di sicurezza all’aperto, dove si erano rifugiate anche la moglie e la figlia, la decisione è stata rapida.

L’addestramento da marine, per Fierro, è una benedizione e una maledizione: il rumore dei colpi di arma da fuoco – come racconta – scatena in lui una reazione automatica, che lo spinge a entrare in “modalità da combattimento”.

Sapevo che dovevo ucciderlo prima che uccidesse noi”, ha dichiarato l’ex soldato alla stampa.

Aldrich era però un avversario non semplice: oltre ad essere un ragazzo piuttosto alto e massiccio, indossava anche un giubbotto antiproiettile. Cosa che però non ha fato retrocedere Fierro, che lo ha colto di sorpresa, scaraventandolo a terra e disarmandolo.

Gli ho sfilato la seconda pistola di mano e ho cominciato a usarla per colpirlo alla testa, ancora e ancora».

E, a poco a poco, anche altri presenti sono venuti in soccorso: Thomas James ha afferrato il fucile e lo ha posizionato lontano dal killer. Una drag queen, di cui non è ancora noto il nome, ha aiutato Fierro a immobilizzarlo una volta per tutte pestando Aldrich con i propri tacchi a spillo.

NDR. Non è ancora chiaro se la terza persona intervenuta sia una delle drag queen esibitesi allo show o una donna trans. L’articolo verrà aggiornato appena si avranno informazioni più chiare sull’accaduto: 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Queer Insider (@qigrams)

 

Anche se la rabbia, in quel momento, ha preso il sopravvento, Aldrich è comunque sopravvissuto al linciaggio.

L’attentatore è stato prontamente trasportato in ospedale, dov’è stato piantonato fino al trasferimento in carcere. Per Fierro, invece, sono dapprima scattate le manette: per più di un’ora l’uomo è rimasto chiuso in un’auto della polizia, chiedendosi cosa fosse successo alla sua famiglia.

Ebbene, la moglie se l’è cavata con qualche contusione, la figlia con una ferita al ginocchio, e una più grave al cuore: il fidanzato, Raymond, è rimasto ucciso dai colpi dell’attentatore. Papà non è riuscito ad arrivare in tempo.

colorado-springs-strage

Tuttavia, senza l’intervento degli eroi di Colorado Springs, si stima che l’attentatore avrebbe potuto mietere molte più vittime: armato fino ai denti, bardato con un giubbotto antiproiettile e portatore d’ideologie estremiste che lo hanno portato a ideare la strage.

Colorado Springs è di nuovo in lutto dopo la tragica sparatoria al Club Q di ieri sera. I nostri cuori sono con le vittime e le loro famiglie che stanno sopportando il peso di questa orribile tragedia“, si legge in una dichiarazione del sindaco di Colorado Springs, John Suthers. “L’indagine è ancora in sviluppo, ma sappiamo che uno o più clienti sono intervenuti eroicamente per disarmare il sospetto e lodiamo quelle persone che lo hanno fatto perché le loro azioni hanno salvato molte vite. Ringraziamo anche i nostri primi soccorritori provenienti da tutta la regione di Pikes Peak che hanno risposto rapidamente per aiutare i bisognosi. Siamo una comunità forte che ha mostrato resilienza di fronte all’odio e alla violenza in passato e lo faremo di nuovo. Come comunità, provvederemo alle vittime e ai testimoni di questo orribile evento e le forze dell’ordine perseguiranno questo caso con lo zelo che il caso merita“.

Fierro è invece il volto dell’America diversa, quella che accoglie seppur rimanendo patriottica. Insieme alla moglie, gestisce il primo birrificio gestito da ispanici a Colorado Springs, una città estremamente conservatrice a cui però Fierro ha deciso di ribellarsi.

Lo slogan della sua azienda – Atrevida, traduzione di “audace” – è infatti: “Diversità alla spina!”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Juraj Vankulič Matúš Horváth Juraj Krajčík

Slovacchia, storia di un omicidio queer da parte di un neo-nazista

News - Redazione Milano 3.10.23
Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l'America omofoba - matthew shepard omicide - Gay.it

Il caso di Matthew Shepard: ecco perché la sua morte svegliò l’America omofoba

News - Edoardo 12.10.23
attivista-politica-trans-uccisa-messico

Messico: uccisa a colpi di pistola la politica e attivista trans pronta a candidarsi al Senato

News - Francesca Di Feo 16.1.24
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
messico-giudice-non-binari-trovat-mort

Messico, lǝ primǝ giudice apertamente non binariǝ trovatǝ senza vita insieme al compagno nel loro appartamento

News - Francesca Di Feo 15.11.23
omicidio-josh-kruger

Perché è morto Josh Kruger, giornalista e attivista LGBTQIA+: cronaca di un omicidio

News - Francesca Di Feo 10.10.23