Cristina D’Avena, gonna rainbow dal palco di FDI e Lady Oscar come inno all’amore universale – VIDEO

Dopo 48 ore di polemiche, il colpo di scena.

ascolta:
0:00
-
0:00
Cristina D'Avena 40 Gay.it
2 min. di lettura

Giornate di fuoco per Cristina d’Avena, che si è ritrovata al centro di un’accesa polemica sui social in cui si è vista definire dalla comunità LGBTQI+ come una ‘banderuola’, capace di volare dal Padova Pride Village al palco di uno dei partiti più fascisti e conservatori in circolazione.

Ma cosa è successo? Proviamo ad analizzare insieme le ultime 48 ore dell’artista!

Mercoledì 14 dicembre, Cristina ha annunciato di aver accettato l’invito del responsabile organizzazione di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli di partecipare all’evento organizzato per celebrare i dieci anni di Fratelli d’Italia per “passare una serata in spensieratezza e allegria al ritmo di canzoni natalizie e sigle dei cartoni animati”.

Come ci si poteva immaginare, la polemica non si è fatta attendere e oltre ai suoi fan anche parecchi volti noti del mondo Queer si sono schierati contro l’artista. Tra i tanti spicca il nome di Gabriele Piazzioni, segretario generale dell’Arcigay nazionale, che ha dichiarato: “Molte persone rimarranno deluse, d’ora in poi ascolteremo le sue canzoni con orecchie diverse”.

Così, giovedì 15 dicembre, a poche ore dalla sua esibizione sul palco di Piazza del Popolo, Cristina D’Avena ha pubblicato un post su Instagram attraverso il quale ha voluto replicare all’accusa di simpatizzare con i fascisti: “Da quarant’anni canto in tutti i posti dove sono ben voluta e accolta. Nelle piazze dei paesi, nei palazzetti delle città, nei teatri, in televisione, nelle feste LGBTQ+ e anche alle Feste dell’Unità. Nei Pride e al Vaticano. E sempre e ovunque con tutto l’impegno e la gratitudine possibili“.

Non mi schiero e non cambio pelle all’improvviso. Ho accolto un invito per cantare, non per militare sotto una bandiera […]. Ho sostenuto, e sempre sosterrò, i diritti civili e l’amore universale che dovrebbe essere alla base della crescita di ogni essere umano“. Parole che non hanno convinto la comunità LGBTQI+ che si è schierata, se è possibile anche in maniera più accesa, contro quella che fino a poche ore prima avevano considerato come un’icona.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristina D’Avena (@cristinadavenaofficial)

 

Per mettere a tacere una volta per tutte le polemiche, utilizzando una metafora calcistica, Cristina D’Avena si è salvata in calcio d’angolo pronunciando sul palco di Piazza del Popolo un discorso a favore dell’amore libero, prima di intonare una delle sue sigle più iconiche: Lady Oscar.

Ovviamente voi conoscete la storia di Lady Oscar che è un inno all’amore universale, senza distinzioni. È per questo che io la devo cantare con voi per esprimere tutto perché l’amore è per tutti“, con queste parole l’icona LGBTQI+ ha invitato il suo pubblico a cantare con sé una delle canzoni simbolo della sua carriera, e non solo.

Insomma, tutto è bene quel che finisce bene anche se siamo certi che questa polemica non potrà chiudersi qua. Non ci resta solo che attendere per scoprire quale sarà il prossimo passo falso dell’artista bolognese che già lo scorso Novembre a Leggo aveva espresso il proprio apprezzamento nei confronti del Presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24

Leggere fa bene

Sanremo 2024, BigMama: “Sono donna, grassa, rapper e queer: le ho tutte”. E su Giorgia Meloni dice che... - BigMama 1 - Gay.it

Sanremo 2024, BigMama: “Sono donna, grassa, rapper e queer: le ho tutte”. E su Giorgia Meloni dice che…

Musica - Redazione 29.1.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
Ariana Grande (Billboard)

Nel nuovo singolo di Ariana Grande c’è un po’ di Madonna?

Musica - Redazione Milano 10.1.24
taylor swift gay it vmas

Taylor Swift: e se la ragazza della porta accanto conquista il mondo?

Musica - Riccardo Conte 14.9.23
Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore” - Marco Mengoni - Gay.it

Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore”

Musica - Redazione 28.1.24
Paola e Chiara saranno protagoniste anche a Sanremo 2024

Sanremo 2024, Paola e Chiara ospiti della serata cover?

Musica - Emanuele Corbo 19.1.24
L'attrice transgenere Hunter Schafer e lo sviluppatore di videogiochi Hideo Kojima di Kojima Productions, con cui collabora per il videogioco horror OD realizzato insieme al regista Jordan Peele

Hunter Schafer diventa protagonista del videogioco horror di Jordan Peele e Hideo Kojima

Culture - Matteo Lupetti 12.12.23