Per la prima volta la storica azienda sceglie una coppia gay per la pubblicità “Will You”.

Sinonimo di gioielli di alta classe in tutto il mondo, per la prima volta nella sua storia, Tiffany&co. sceglie una coppia gay per la campagna pubblicitaria delle sue fedi nuziali. Intitolata “Will You” (“Lo vuoi?”). “Al giorno d’oggi la strada verso il matrimonio non è più lineare – ha spiegato la vicepresidente di Tiffany Nord America Linda Buckley al periodico Elle -, si può incontrare l’amore vero più volte con storie d’amore che si manifestano in una varietà di forme diverse”.
Del resto, una grande azienda come Tiffany non poteva chiudere gli occhi davanti alla realtà. Sono 36, infatti, gli stati degli Usa in cui le coppie gay e lesbiche possono finalmente sposarsi: perché tagliare fuori una fetta così grossa di mercato quando includerla non arreca alcun danno a quella che già l’azienda occupa?
Tiffany si aggiunge ad una folta schiera di aziende, specialmente negli Usa, che sempre più spesso rappresentano la comunità lgbt nelle proprie campagne pubblicitarie, al pari delle persone e delle coppie eterosessuali.

Ti suggeriamo anche  Sheraton rifiuta matrimonio gay con una scusa ridicola: 'non siamo specializzati per questo genere di nozze'
La promessa d'amore eterno, gay, nella pubblicità di Tiffany 1/2 La promessa d'amore eterno, gay, nella pubblicità di Tiffany
Foto 1 - Per la prima volta la storica azienda sceglie una coppia gay per la pubblicità "Will You".
La promessa d'amore eterno, gay, nella pubblicità di Tiffany 2/2 La promessa d'amore eterno, gay, nella pubblicità di Tiffany
Foto 2 - Per la prima volta la storica azienda sceglie una coppia gay per la pubblicità "Will You".
Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo