Emirati Arabi: 20 gay arrestati, protesta USA

Il dipartimento di Stato americano ha condannato l'arresto di oltre 20 omosessuali negli Emirati Arabi, che dovranno ora rispondere delle accuse di adulterio e prostituzione.

Emirati Arabi: 20 gay arrestati, protesta USA - arabi tre - Gay.it
< 1 min. di lettura

DUBAI – Il dipartimento di Stato americano ha condannato l’arresto di oltre 20 omosessuali negli Emirati Arabi, che dovranno ora rispondere delle accuse di adulterio e prostituzione come prevede la Sharia, per esser stati scoperti mentre celebravano “nozze gay di massa”. Gli Usa hanno inoltre messo in guardia che ogni tentativo di minacciare i detenuti con trattamenti a base di ormoni, che provocano la castrazione chimica, viola le leggi internazionali.
Criticando gli arresti, il portavoce del dipartimento di Stato Usa Sean McCormack ha dichiarato: “Ci appelliamo al governo degli Emirati Arabi Uniti per fermare immediatamente ogni trattamento di ormoni o psicologico previsto e di rispettare gli standard delle leggi internazionali”.
Il ministero dell’Interno degli Emirati ha spiegato che la polizia ha compiuto una perquisizione nello chalet di un hotel vicino ad Abu Dhabi agli inizi del mese arrestando 22 uomini degli Emirati Arabi mentre simulavano una cerimonia di nozze in massa. La polizia ha riferito di aver trovato una decina di uomini in abito da sposa e altrettanti in abito da sposo. Tra le persone finite in manette anche il disc jokey, indiano, e tre uomini dei paesi arabi vicini. Rischiano tutti cinque anni di galera, trattamenti a base di ormoni e numerose frustate.
L’atteggiamento omosessuale è vietato negli Emirati arabi e il gruppo di “sposi gay” ha messo in allarme gli amministratori del paese musulmano, sempre più influenzato da culture occidentali.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24

Continua a leggere

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l'omofobia dell'Arabia Saudita: "Mi lascia a bocca aperta" - Ruben Garcia foto - Gay.it

Rubén García, il calciatore spagnolo contro l’omofobia dell’Arabia Saudita: “Mi lascia a bocca aperta”

Corpi - Redazione 17.1.24
David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: "La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro" - Beckham n S1 E1 00 49 02 22 - Gay.it

David Beckham difende la sua partecipazione ai mondiali in Qatar: “La comunità LGBTQIA+ si è sentita al sicuro”

News - Federico Boni 5.10.23
arabia saudita

Expo 2030 a Riad, in Arabia Saudita andrà in scena l’esposizione universale dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 29.11.23
Polemiche per la richiesta del Barcelona di non esporre bandiere rainbow in Arabia Saudita - nella foto Joao Felix (dal profilo IG @fcbarcelona)

“No bandiere rainbow e manifestazioni di affetto in Arabia Saudita”, la richiesta del Barcelona ai suoi tifosi

Corpi - Federico Boni 10.1.24
fifa mondiali 2034

FIFA, i mondiali di calcio del 2034 si terranno nell’omobitransfobica Arabia Saudita

News - Federico Boni 2.11.23