Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Tra questi anche “Pride”, "Girl", “Laurence Anyways” e tanti altri. Quanti e quali conoscete?

ascolta:
0:00
-
0:00
queer palm, festival di cannes, i vincitori
7 min. di lettura

Fondato nel 2010 dal giornalista francese Franck Finance-Madureira, il Queer Palm è un premio cinematografico indipendente assegnato ai lungometraggi e cortometraggi a tematica LGBT+ durante il Festival di Cannes. I film LGBTIQ+ in concorso partecipano nelle quattro sezioni principali del Festival: Sélection officielle, Un Certain Regard, La Semaine de la Critique, La Quinzaine des réalisateurs.

Insieme ai Teddy Awards de La Berlinale e ai “Queer Lion” de La Mostra di Venezia, il Queer Palm rappresenta il più importante premio cinematografico internazionale dedicato specificatamente al cinema LGBTIQ+.

Il Festival di Cannes 2024 è attualmente in corso. Quest’anno, 17 film sono in lizza per il premio, con una varietà di storie provenienti da diverse sezioni del festival, tra cui cinque candidati alla Palma d’Oro e altri presentati in varie categorie competitive e non. Lukas Dhont, vincitore passato del Queer Palm, presiede la giuria. Tra i film in concorso ci sono opere di registi affermati e emergenti, tra cui “Bird” di Andrea Arnold, “Emilia Perez” di Jacques Audiard e “Marcello Mio” di Christophe Honoré, che esplorano complesse dinamiche personali e sociali (in questo articolo approfondiamo la sinossi dei 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm).

Scopriamo quali sono, invece, i film vincitori dal 2010 al 2023 (nel 2020 il Festival di Cannes non si è svolto a causa della pandemia da Covid 19).

2010: “Kaboom” di Greg Araki

“Kaboom” è un film del 2010 del regista Gregg Araki. Il titolo è un’onomatopea e fa riferimento il suono di un’esplosione. Presentato fuori concorso alla 63esima edizione del Festival di Cannes, “Kaboom” ha vinto il Queer Palm per il miglior film a tematica LGBT del Festival.

Il film racconta le vicende di Smith, un ragazzo di 19 anni questioning, ovvero il cui orientamento sessuale non è ancora ben chiaro. Smith va a vivere con Thor e Stella e scopre di essere fortemente attratto dal suo coinquilino etero.  Alcuni sogni ricorrenti lo mettono ancora di più in confusione.

2011: “Skoonheid”/“Beauty” di Oliver Hermanus

Il film di Oliver Hermanus affronta il tema dell’omofobia, del razzismo e dell’omosessualità repressa in Sudafrica.

“Beauty” (titolo originale “Skoonheid”) ha come protagonista François, un cinquantenne afrikaner che si innamora del giovane Christian. François dovrà combattere, soprattutto, contro la propria omosessualità repressa, che non lo rende felice. Riuscirà mai ad accettarsi e a vivere pienamente le sue emozioni? Niente spoiler. Lo scoprirai vedendo il film, che si è aggiudicato la Queer Palm nel 2011 al Festival di Cannes.

2012: “Laurence Anyways” di Xavier Dolan

“Laurence Anyways e il desiderio di una donna… (Laurence Anyways)” è un film del 2012 diretto da Xavier Dolan. Il film è stato presentato al festival di Cannes nella sezione Un Certain Regard e ha conquistato ben due premi: Suzanne Clément ha vinto come migliore attrice e il regista ha vinto il Queer Palm.

Il film racconta il coming out e il percorso di transizione di una donna transgender: un tema non facile, ma che il regista e lə protagonistə hanno affrontato egregiamente. Questo film è decisamente uno dei migliori della produzione di Xavier Dolan.

2013: “Stranger by the lake” – “Lo sconosciuto del lago” di Alain Guiraudie

Scritto e diretto da Alain Guiraudie e presentato nella sezione Un certain Regard del Festival di Cannes, “Lo sconosciuto del lago” ha vinto il Queer Palm nel 2013 durante la 66esima edizione della mostra cinematografica francese.

Il film è un thriller ambientato sulle sponde di un lago molto noto tra gli omosessuali, un luogo di battuage dove è avvenuto un omicidio, che vede come vittima uno degli abituali frequentatori.

Il film, seppur sia stato al centro di controversie per scene di sesso esplicite e la visione di nudi integrali, è riuscito ad ottenere il premio più ambito per le produzioni LGBT+.

Nel 2014, l’attore Pierre Deladonchamps, che interpreta Franck, ha vinto il premio César come “miglior promessa maschile”. Il premio César è il riconoscimento cinematografico assegnato ogni anno dal 1976 dall’Académie des arts et techniques du cinéma ai migliori film e ai professionisti del cinema francese.

2014: “Pride” di Matthew Warchus

Tra i migliori film lungometraggi a tematica LGBTQ, che abbiamo inserito spesso nelle nostre classifiche, c’è “Pride”, un film del 2014 diretto da Matthew Warchus che, tra i tanti premi, ha vinto anche il Queer Palm.

Il film è ambientato a Londra nel 1984 e racconta le lotte di un gruppo LGBT+ a favore dei minatori vessati dalle scelte politiche di Margaret Thatcher. Un film di successo che tratta molti altri temi, tra cui il coming out, l’omofobia e l’esplosione dell’AIDS durante i primi anni Ottanta.

2015: “Carol” di Todd Haynes

Basato sul romanzo d’amore del 1952 The Price of Salt (conosciuto anche come Carol) di Patricia Highsmith, il film diretto da Todd Haynes vede come protagoniste due grandi attrici, come Cate Blanchett e Sarah Paulson.

Il lungometraggio racconta la storia di una giovane aspirante fotografa, Therese Belivet, e il suo rapporto d’amore con Carol Aird, una donna alle prese con un difficile divorzio.

Il regista del film ha vinto il Queer Palm al Festival di Cannes, mentre l’attrice Rooney Mara, che interpreta Therese, ha vinto il premio per la miglior interpretazione femminile.

2016: “The Lives of Thérèse” di Sébastien Lifshitz

Presentato alla 69ª edizione del Festival di Cannes, nella sezione Quinzaine des Réalisateurs e vincitore delvQueer Palm, “Les vies de Thérèse” è un documentario del 2016 diretto da Sébastien Lifshitz che racconta la storia di Thérése Clerc, una delle più importanti figure delle lotte femministe e per i diritti LGBTQ+.

2017: “BPM (Beats per Minute)” / “120 battiti al minuto” di Robin Campillo

“120 battiti al minuto”, scritto e diretto da Robin Campillo, è un film del 2017 che ha ottenuto numerosi riconoscimenti. Tra questi il Queer Palm al Festival di Cannes, il premio come miglior film in lingua straniera ai New York Film Critics Circle Awards e il Premio César come miglior film.

Oltre a raccontare le lotte degli attivisti di Act-Up Paris durante la pandemia di AIDS dei primi anni Novanta, il film “120 battiti al minuto” è anche una storia d’amore intensa tra i protagonisti Nathan e Sean.

Il titolo del film fa riferimento ai 120 battiti al minuto della musica pop dei primi anni novanta.

2018: “Girl” di Lukas Dhont

“Girl” di Lukas Dhont, un film belga presentato in concorso nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes nel 2018 , ha come soggetto principale il desiderio di una ragazza transgender MtF di diventare una stella del balletto classico. Il percorso di transizione è irto di ostacoli, tra la transfobia delle proprie compagne e l’impazienza tipica dell’età adolescenziale della protagonista.

Il film ha ottenuto numerosi premi, tra cui il Queer Palm, il premio del pubblico per il miglior film europeo al Festival internazionale del Cinema di San Sebastian, il premio Magritte per il miglior film fiammingo ed è stato candidato ai Golden Globe e agli Oscar nel 2019 come miglior film straniero.

2019: “Portrait of a Lady on Fire” – “Ritratto della giovane in fiamme” di Céline Sciamma

Film di genere drammatico-storico, “Il ritratto della giovane in fiamme” di Céline Sciamma è ambientato nel 1770 e racconta la storia d’amore tra una pittrice di talento ed una ragazza appena uscita dal convento per andare in sposa all’uomo a lei destinato. Una storia d’amore appassionata che si è aggiudicata l’apprezzamento da parte della giuria del Festival di Cannes, la quale ha consegnato alla regista il Queer Palm e il Prix du scénario, il premio assegnato alla miglior sceneggiatura dei film presentati in concorso nella selezione ufficiale.

2020: Il Festival di Cannes è stato annullato a causa della pandemia di COVID-19, quindi non è stato assegnato alcun premio Queer Palm.

2021: “La Fracture” di Catherine Corsini

“La Fracture”, diretto da Catherine Corsini e rilasciato nel 2021, è un film drammatico che esplora le tensioni sociali e personali all’interno di un ospedale francese durante una violenta protesta dei gilet gialli. La trama si concentra su Raf (interpretata da Valeria Bruni Tedeschi) e Julie (Marina Foïs), una coppia lesbica in crisi. La notte in cui decidono di separarsi, Raf subisce un infortunio e viene portata in pronto soccorso, dove le tensioni stanno esplodendo sia tra il personale che tra i pazienti a causa della protesta e della crisi sanitaria.

All’ospedale, incontrano Yann (Pio Marmaï), un camionista ferito e attivista dei gilet gialli, il cui arrivo intensifica ulteriormente le dinamiche già tese. Nonostante le differenze ideologiche, Raf, Julie e Yann sono costretti a confrontarsi con le loro paure, speranze e pregiudizi, trovando una solidarietà inaspettata tra loro. Il film usa il microcosmo dell’ospedale per riflettere le fratture più ampie della società francese contemporanea.

“La Fracture” ha ricevuto elogi per la sua regia energica e le intense performance del cast, in particolare quella di Valeria Bruni Tedeschi. Il film ha vinto la Queer Palm al Festival di Cannes 2021. Inoltre, il film è stato selezionato per competere per la Palma d’Oro, e ha ricevuto una nomination ai César Awards nella categoria miglior attrice per Valeria Bruni Tedeschi.

2022: “Joyland” di Saim Sadiq

Joyland“, diretto da Saim Sadiq, è un film rivoluzionario del 2022 che ha segnato un importante momento per il cinema pakistano. Il film esplora tematiche relative ad identità di genere, desiderio e conformità sociale in Pakistan, una società fortemente patriarcale.

La trama si concentra su una famiglia patriarcale di Lahore desiderosa di avere un erede maschio. Haider, il protagonista, è l’unico figlio maschio della famiglia e vive una vita sottomessa sotto il controllo del padre autoritario. Lavora in un teatro dove incontra Biba, una donna trans* e ballerina, che diventa una fonte di fascino e confusione per Haider. Man mano che si sviluppa una relazione tra i due, Haider inizia a mettere in discussione il binarismo di genere e le aspettative familiari, portando a sconvolgimenti sia personali che familiari.

“Joyland” ha ricevuto elogi internazionali per la sua narrativa e la sua delicata rappresentazione delle vite delle persone trans* in Pakistan. Il film ha vinto la Queer Palm al Festival di Cannes 2022, diventando il primo film pakistano a essere premiato a Cannes. Ha anche ricevuto il Premio della Giuria nella sezione Un Certain Regard del festival, sottolineando il suo impatto e la sua importanza critica. Inoltre, “Joyland” è stato presentato come candidato ufficiale del Pakistan per l’Oscar al miglior film internazionale.

2023: “Femme” di Sam H. Freeman e Ng Choon Ping

Femme“, un film diretto da Sam H. Freeman e Ng Choon Ping nel 2023, è un thriller psicologico avvincente che esplora tematiche di vendetta, identità di genere, arte drag e mascolinità tossica. Il film si è distinto per il suo la potente narrazione incentrata su Jules, una giovane drag queen interpretata da Nathan Stewart-Jarrett, nota per le sue intense performance.

La trama segue Jules che, dopo essere stata vittima di un brutale crimine omofobo, decide di adottare una nuova identità per infiltrarsi e vendicarsi dei suoi aggressori. Questa missione di vendetta lo porta in un pericoloso gioco di seduzione e inganno, durante il quale Jules si trova a navigare tra relazioni complesse e la propria trasformazione interiore. L’elemento thriller si intreccia con un drammatico esame delle maschere che le persone indossano e delle facciate che mantengono per proteggersi o adattarsi.

“Femme” ha vinto la Queer Palm al Festival di Cannes 2023, ricevendo elogi per la sua direzione artistica innovativa e per l’interpretazione di Stewart-Jarrett.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Film:

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Matt Bomer: "Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay" - Matt Bomer - Gay.it

Matt Bomer: “Non mi hanno fatto fare Superman perché sono gay”

Cinema - Redazione 12.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando - Break The Code Tour Nemo arriva in Italia - Gay.it

Break The Code Tour, Nemo arriva in Italia. Ecco dove e quando

Musica - Redazione 13.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: "Non sarei quello che sono senza l’arte queer" - Cannes 2024 Lukas Dhont presidente di giuria della Queer Palm - Gay.it

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: “Non sarei quello che sono senza l’arte queer”

Cinema - Federico Boni 21.2.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Cannes 2024, sarà Palma d'Oro per il musical trans-gangster Emilia Pérez di Jacques Audiard? - Emilia perez poster 1 - Gay.it

Cannes 2024, sarà Palma d’Oro per il musical trans-gangster Emilia Pérez di Jacques Audiard?

Cinema - Federico Boni 21.5.24
Cannes 2024, tutti i film in Concorso. Ci sono Sorrentino e Lanthimos, niente Guadagnino - Limonov Ben Whishaw - Gay.it

Cannes 2024, tutti i film in Concorso. Ci sono Sorrentino e Lanthimos, niente Guadagnino

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Meryl Streep Palma d’Oro onoraria al Festival di Cannes 2024 - Meryl Streep Palma dOro onoraria al Festival di Cannes - Gay.it

Meryl Streep Palma d’Oro onoraria al Festival di Cannes 2024

Viaggi - Redazione 3.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24