Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange

Dal 30 aprile al 9 maggio la 7a edizione della kermesse cinematografica a Nizza e Cannes.

Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange - In Out 2015 Beira Mar BS 1 - Gay.it
4 min. di lettura
Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange - In Out 2015 Le chanteur - Gay.it

Per la prima volta nella sua storia, il festival nizzardo-cannense In&Out, giunto alla sua settima edizione (30 aprile – 9 maggio), diventa competitivo e assegna i premi Esperluettes – significa ‘&’, le cosiddette ‘e commerciali’ – nelle categorie lungometraggi, documentari e cortometraggi. Verranno anche attribuiti il ‘premio della giuria’ e quello del pubblico. A giudicare le cineopere queer proiettate al cinema Mercury saranno il giornalista Xavier Héraud, la regista e fotografa Emilie Jouvet, il critico e saggista Didier Roth-Bettoni e Dana Osi, vicepresidente del centro lgbt della Costa Azzurra.

Lo slogan di quest’anno, ‘In & Out fait son Coming Out’ (‘In&Out fa il suo coming out’), mette in luce una problematica chiave della condizione lgbt: “La scelta di questa tematica è una buona occasione per affrontare questioni che ci stanno a cuore – spiega il direttore artistico Benoît Arnulf -. Come affronta, il cinema, questo momento cruciale in cui si assume pubblicamente la propria omosessualità? Ma è possibile allargare il punto di vista. Come può un festival di film gaylesbici trattare una tematica così particolare restando aperto al grande pubblico? O meglio, come può l’idea di ‘Culture Gay e Lesbiche’ rivendicarsi senza temere di chiudere agli artisti e alle opere che la compongono l’accesso all’universalità?”.

Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange - In Out 2015 Je suis a toi - Gay.it

“Da sette anni, ogni primavera, rinasce il festival In&Out – dichiara Christian Estrosi, sindaco di Nizza -. Già sette anni! Ecco senza dubbio il segno della felicità e, in ogni caso, la garanzia del successo. Questi incontri cinematografici consentono di ammirare opere dai criteri artistici esigenti, con storie tese da potenti vibrazioni psicologiche. Nizza è la città delle libertà e del vivere insieme nel necessario rispetto di ciascuno. Ecco già una eccellente ragione perché il festival si svolga qui. Ma ci vedo una seconda buona ragione: la capitale della Costa Azzurra è già da tempo la città del cinema. Auguro un completo successo a questa manifestazione disposta sotto il segno della tolleranza e dell’umanesimo”.

“Cannes è fiera di accogliere la settima edizione degli Incontri Cinematografici In&Out – gli fa eco David Lisnard, sindaco di Cannes, dove la manifestazione transiterà dal primo al tre maggio – e di impegnarsi al fianco dell’associazione Les Ouvreurs per la promozione e la diffusione della settima arte gay e lesbica. A prova del suo successo crescente, e del fatto che questo evento meriti un posto di rilievo nel panorama culturale della nostra città, è stato aggiunto quest’anno alla programmazione cannense un terzo giorno di proiezioni. Queste tre date saranno dunque l’occasione per i cannensi di scoprire al cinema Les Arcades alcune produzioni di qualità su un momento importante per l’identità dell’individuo e la sua costruzione personale: il coming out”.

Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange - In Out 2015 Mondo Homo - Gay.it

“Non c’è che una specie d’amore – continua Lisnard – ma ce ne sono mille differenti copie, diceva lo scrittore François de La Rochefoucauld. Sono tutti questi differenti modi d’amare che vengono portati sullo schermo durante il festival In&Out. Una celebrazione delle diversità e delle ricchezze culturali e umane. Un momento unico di scambio e d’incontri come la settima arte e Cannes sanno creare”.

Tra i 33 lungometraggi presentati, spiccano alcuni interessanti inediti: il melò lesbico adolescenziale Zomer (Estate) di Colette Bothof, scelto per l’apertura giovedì 30 aprile alle ore 19 presso l’auditorium del museo d’arte contemporanea Mamac, su una sedicenne che s’innamora di una ragazza intenta ad accudire la madre malata; il nuovo lavoro del belga David Lambert, Je suis à toi (Sono tuo), su un giovane escort argentino di cui s’invaghisce il proprietario di una panetteria; il dramma sentimentale brasiliano che chiuderà il festival sabato 9 maggio, Beira Mar di Filipe Matzembacher e Marcio Reolon, su due ragazzi isolati in una casa di vetro davanti al mare.

Il cinefestival costazzurrino In&Out omaggia il regista Rémi Lange - In Out 2015 Zomer - Gay.it

È previsto un focus dedicato al regista 46enne francese Rémi Lange, presentato come “cineasta maggiore della storia delle rappresentazioni omosessuali al cinema”, autore di film cult in patria quali il suo diario di vita in due parti, girato in super 8, Omelette e Les yeux brouillés (Gli occhi opachi). Autore personalissimo di un cinema sovversivo e provocante, presenterà in anteprima il suo nuovo lungometraggio Le chanteur (Il cantante) su un cantante gay che dopo la morte della madre cerca fortuna a Parigi dove si lega a Lola, diva di cabaret il cui produttore viene sedotto dallo charme del nuovo arrivato.

In collaborazione col festival lgbt di Montréal, Image+Nation, ci sarà anche un approfondimento sul cinema canadese, con una selezione di cortometraggi realizzati da giovani registi québécois e alcuni classici immortali quali Il canto delle sirene e When night is falling di Patricia Rozema oppure Lilies di John Greyson.

Vari documentari esploreranno una tematica molto contemporanea, il confine sempre più labile tra erotismo e pornografia, quali Age of Consent di Charles Lum e Todd Verow sull’unico bar feticista londinese, The Hoist, con la testimonianza del celebre attivista Peter Tatchell. In Mondo Homo 2 di Hervé Joseh Lebrun si cerca invece di mappare la storia della pornografia francese, in particolare nel periodo 1975-1983 in cui ben 70 film gay omosessuali furono girati in 16mm e distribuiti nei cinema porno parigini, grazie soprattutto a tre società di produzione: Les films de la Troika, AMT Productions e Les films du Vertbois. L’hot al femminile è invece il fulcro di Much more pussy della regista francese Emilie Jouvet su sette performer dell’eros, dj e prostitute attraverso l’Europa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes - Trei kilometri pana la capatul lumii - Gay.it

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes

Cinema - Federico Boni 27.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24

Leggere fa bene

"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Michael, Colman Domingo sarà il padre di Michael Jackson nel biopic sul Re del Pop - Colman Domingo in Michael - Gay.it

Michael, Colman Domingo sarà il padre di Michael Jackson nel biopic sul Re del Pop

Cinema - Redazione 26.1.24
I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 dicembre tra tv generalista e streaming - film lgbt 18 dicembre - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 18.12.23
Andrew Scott in Estranei (2023)

“Estranei” e la solitudine queer: il film di Andrew Haigh è un sincero ritratto della depressione

Cinema - Emanuele Cellini 19.3.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls parlano Rebel Wilson Rachel McAdams e Lindsay Lohan - Gay.it

Pitch Perfect 4 e un nuovo Mean Girls, parlano Rebel Wilson, Rachel McAdams e Lindsay Lohan

Cinema - Redazione 3.5.24
Andrea Spezzacatena ragazzo dai capelli rosa

Il Ragazzo dai Pantaloni Rosa, al via le riprese del film sulla storia vera di Andrea Spezzacatena

Cinema - Luca Diana 28.4.24
Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Back to Black Marisa Abela e Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Gay.it

Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic

Cinema - Redazione 11.1.24