Condannato a 10 mesi di carcere l’aggressore della trans Julia Boyer

Multa e carcere per l'aggressore, accusato di odio transfobico.

julia boyer
2 min. di lettura

L’aggressione era avvenuta il 30 marzo 2019, in Place de la République a Parigi, durante una manifestazione contro Albdelaziz Bouteflika, ex presidente algerino. Julia Boyer, donna transessuale in fase di transizione, è stata insultata da un ragazzo di 23 anni, Seddiq A. Dopo gli insulti, Julia Boyer si è avvicinata, ma è stata travolta da una serie di spinte e schiaffi, e solamente l’intervento di alcuni agenti hanno evitato il peggio. Il 23enne è stato identificato e denunciato e ieri è stato dichiarato colpevole.

I giudici, nella sentenza, hanno spiegato che l’aggressione si è trattata di una:

violenza volontaria, senza conseguente danno d’inabilità totale al lavoro, commessa per motivi di identità di genere.

Oltre ai 10 mesi di carcere (4 dei quali sono già sospesi), la sentenza prevede un risarcimento  alla vittima di 3.500 euro, mentre altri 1.500 euro andranno alle associazioni SOS Homophobie, Stop Homophobie e Mousse, le quali erano in tribunale come parte civile a sostegno di Julia. L’avvocato difensore ha affermato che questo è stato:

un processo di tutte le persone trans.

L’aggressore non potrà nemmeno contattare la donna o avvicinarsi alla sua abitazione.

L’aggressione di Julia Boyer

A confermare la colpevolezza inequivocabile, un video che mostra tutta la scena. Prima erano iniziati gli insulti, cori contro la sua persona, lanci di bottiglie, e infine la violenza fisica. Seddiq invece, per mezzo dei suoi avvocati, aveva spiegato che aveva insultato e picchiato la donna, ma non per il fatto che fosse transessuale. Secondo i suoi legali, dunque, non c’è alcun odio transfobico, e che la pena sarebbe ingiusta.

Ma i cori e gli insulti ci sono stati, alla presenza di molti testimoni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La Rappresentante di Lista, "Paradiso" è il nuovo singolo

La Rappresentante di Lista ci porta in “Paradiso” con il nuovo singolo. Ascolta l’anteprima

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Concerto Primo Maggio Lista Cantanti

Chi ci sarà al Concerto del Primo Maggio 2024: Achille Lauro, LRDL, Malika Ayane, Rose Villain e con Mace potrebbe esserci Marco Mengoni

Musica - Redazione Milano 17.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Tiziano Ferro Elodie

Tiziano Ferro, duetto con Elodie per il ritorno dopo la crisi?

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Mara Sattei nel nuovo singolo "Tempo" in uscita il 19 Aprile, campiona un vecchio successo dei primi 2000 delle t.A.t.U.

Mara Sattei nel nuovo singolo “Tempo” campiona le t.A.T.u. che si finsero lesbiche: ma che fine hanno fatto?

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

flavia-fratello-battuta-vannacci

Flavia Fratello replica bene a Vannacci, ma in passato firmò contro il Ddl Zan e diede spazio alla transfobia delle TERF

News - Francesca Di Feo 7.3.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Hunter Schafer - ruoli trans

Hunter Schafer non vuole recitare soltanto come donna trans e ha ragione

Cinema - Mandalina Di Biase 4.4.24
Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno - Arcigay Livorno - Gay.it

Lorenzo Gasperini, ex consigliere leghista condannato per diffamazione contro Arcigay Livorno

News - Redazione 8.3.24
HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi - Carlotta Cosmai a norma 2 - Gay.it

A Norma, storia di una sex worker trans peruviana tra desideri, aspettative e pregiudizi

Cinema - Federico Boni 21.11.23
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24