Francia, in discussione una proposta di legge per risarcire le vittime della persecuzione LGBTQIA+ tra il 1942 e il 1982

Dopo Germania, Regno Unito, Scozia e Austria, anche la Francia si adopera per risarcire le vittime delle leggi "anti-gay".

ascolta:
0:00
-
0:00
francia-risarcimenti-persecuzione-lgbtqia
2 min. di lettura

Era il 1977, quando durante un’irruzione della polizia in un gay bar di Parigi, “Le Manhattan”, Michel Chomarat e altri furono arrestati in una flagrante dimostrazione di omofobia istituzionalizzata.

L’accusa? Oltraggio alla morale pubblica, un capo d’imputazione che all’epoca era spesso utilizzato per criminalizzare e perseguitare la comunità LGBTQIA+ in Francia.

Non fu un caso isolato, ma parte di una storia lunga e oscura di repressione legale contro gli omosessuali, che ha lasciato cicatrici profonde e inestinguibili nelle vite di migliaia di individui.

Questo e altri incidenti sono oggi al centro di un dibattito storico e giuridico: il Senato francese sta infatti valutando un disegno di legge che mira a risarcire le vittime delle leggi anti-gay in vigore tra il 1942 e il 1982.

La  proposta legislativa, promossa dal senatore Hussein Bourgi del partito socialista, rappresenta un tentativo di riconoscimento e riparazione da parte dello Stato per il ruolo che esso ha avuto nella perpetrazione di queste ingiustizie.

Ma, come sottolineato da Chomarat, il disegno di legge arriva in un momento in cui molti di coloro che avrebbero diritto a questo risarcimento non sono più tra noi per vederne i frutti.

La persecuzione degli omosessuali in Francia

La storia della persecuzione degli omosessuali in Francia è una narrazione complessa, segnata da leggi discriminatorie e pratiche oppressive durate decenni e con radici profonde. Il periodo più buio, tuttavia, fu quello tra il 1942 e il 1982.

Durante questi lunghi quarant’anni, la Francia adottò e applicò due leggi particolarmente degne di nota. La prima stabiliva un’età del consenso significativamente più alta per le relazioni omosessuali rispetto a quelle eterosessuali.

La seconda considerava le relazioni omosessuali come un’aggravante in casi di “pubblica indignazione”, dando così alle autorità un ampio margine di discrezionalità per perseguitare gli individui LGBTQIA+.

L’attuazione si traduceva in arresti arbitrari, persecuzioni e pene severe. Uomini e donne venivano regolarmente sottoposti a umiliazioni pubbliche e privazioni dei loro diritti fondamentali.

Le conseguenze di queste azioni legali furono devastanti. Molte vittime subirono danni irreparabili alla loro reputazione, carriera e vita personale. In molti casi, le persone erano costrette a nascondere la loro identità per paura di ritorsioni legali e sociali.

Alcuni persero il lavoro, furono emarginati dalle loro comunità o furono costretti a lasciare le loro città. La paura e l’isolamento che ne risultavano erano spesso accompagnati da profonde cicatrici emotive e psicologiche.

I risarcimenti

Il disegno di legge, promosso dal senatore Hussein Bourgi del partito socialista, propone un risarcimento finanziario di 10.000 euro per ciascuna vittima di persecuzione. Questa iniziativa simbolica ha lo scopo di offrire una forma di riconoscimento ufficiale e compensazione per gli anni di sofferenza e discriminazione subiti.

La proposta include anche la creazione di una commissione indipendente incaricata di gestire e supervisionare il processo di risarcimento, con il compito di documentare e riconoscere formalmente le ingiustizie subite dalle vittime.

In tutta Europa, paesi come Germania, Austria, Spagna, Regno Unito e Scozia hanno intrapreso iniziative simili per risarcire e riabilitare coloro che sono stati perseguitati a causa del loro orientamento sessuale e affettivo, o della loro identità di genere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
francia-proteste-trans

Francia, oltre 10.000 persone in piazza contro il disegno di legge che vieterebbe le terapie affermative per l* minori trans

News - Francesca Di Feo 7.5.24
Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento - Parigi rainbow Pride - Gay.it

Francia, il ministro della giustizia si scusa per le leggi omofobe passate. Primo via libera al risarcimento

News - Redazione 14.3.24