Foto

Gay camp: un modo per conoscere persone LGBT quando le chat non esistevano

Il gay camp in Italia avviene nell'agosto del 1979 a Capo Rizzuto, in Calabria. Un momento di libertà e per divertirsi alla luce del sole.

gay camp
3 min. di lettura

Quando si parla di gay camp (o campeggi gay) chissà cosa si va a pensare. In realtà, i gay camp hanno aiutato i membri della comunità LGBT a conoscersi, fuori dai locali, alla luce del sole, divertendosi. Organizzati presso un campeggio vicino al mare, c’era la possibilità di fare il bagno, prendere il sole, dormire in tenda. Alla sera, venivano organizzati spettacoli, dibattiti, il tutto in un’atmosfera allegra e spensierata. Certo, i più fortunati non si trattenevano nell’avere anche dei rapporti, ma non era quello il senso.

Ce li racconta Felix Cossolo, attivista, giornalista, proprietario di locali, autentica colonna della storia lgbt in Italia.

Era un modo per dire “Siamo la comunità LGBT. Non siamo un’entità astratta, ma persone comuni che vogliono divertirsi come tutti“. Il primo e importante gay camp avvenne in Grecia, nel 1978. Un’associazione LGBT aveva deciso di organizzate questa prima “adunata”, richiamando le comunità di tutta Europa.Fu un’Odissea“, raccontarono i partecipanti. Inizialmente, la città scelta per il gay camp era Zante. Ma erano gli Anni ’70. Quando i cittadini appresero che da lì a poco sarebbero arrivati centinaia di omosessuali, si rivoltarono. Insomma, sotto il sole d’agosto, quasi un migliaio di gay girarono la Grecia alla ricerca di un luogo dove poter fare la loro vacanza, fermandosi infine a Paros.

1979: l’anno del gay camp in Italia

Gay camp: un modo per conoscere persone LGBT quando le chat non esistevano - gay camp 9 e1571752902620 - Gay.it

L’anno dopo l’avventura greca, è lo stesso Felix a voler organizzare un secondo gay camp, nel nostro paese. La meta prescelta: Capo Rizzuto, in Calabria. Fu il primo di molti altri. Negli anni successivi, venne organizzato a Ortona, Vieste, Porto S. Elpidio e Rodi Garganico.

Anche in Italia, gli eventi erano simili a quelli di Paros: erano stati organizzati dibattiti, feste, manifestazioni in piazza, (finti) matrimoni, caccia al tesoro, giochi in spiaggia, processioni, concerti ed eventi teatrali. A tutto questo si aggiungevano poi le giornate passate in riva al mare, con la possibilità di fare nudismo.

Ai gay camp in Italia partecipavano dalle 500 alle 800 persone, proveniente da tutta Europa. Un modo nuovo per ritrovarsi, per conoscersi. Non tutti andavano nei locali gay, per timidezza, paura o vergogna. Ma trascorrere qualche giorno al mare, mischiandosi tra centinaia di persone, era decisamente tutta un’altra storia. Il 24enne (all’epoca) Andrea Pini, un partecipante al gay camp di Capo Rizzuto, racconta alla rivista Lambda:

Abbiamo trasformato un campeggio di gente isolata, in qualcosa di amalgamato dove il filo conduttore eravamo noi. Noi che prendevamo le iniziative, facevamo spettacoli, iniziavamo giochi, coinvolgevamo gli altri; gli etero si sono un po’ modificati in quei giorni (avevamo mille alibi, no?) e per forza di cose o hanno aperto gli occhi o gli slip o tutte e due le cose…

Una comunità stanca di nascondersi, che vuole vivere e divertirsi alla luce del sole.

Normalità e indifferenza da una parte, mille polemiche dall’altra

Gay camp: un modo per conoscere persone LGBT quando le chat non esistevano - gay camp 13 - Gay.it

Se organizzare spettacoli, stare nudi in spiaggia, vestirsi con abiti femminili e tacchi era considerata la normalità per i partecipanti al gay camp, non era lo stesso per chi osservava da fuori l’evento. A Capo Rizzuto, ad esempio, Gianni delle Foglie, proprietario della libreria Babele di Milano, ricorda:

C’erano in giro per il paese i manifesti del MSI, i vescovi tuonavano dai pulpiti. Ma le autorità erano avvertite con largo anticipo, sapevano cosa stava succedendo e non abbiamo mai avuto problemi. Erano momenti bellissimi.

Naturalmente, organizzare un gay camp non era facile. Divulgare l’evento con le date e la destinazione non era certo facile, poiché non esistevano ancora i social. Occorreva trovare la zona adatta, sperare che i gestori reagissero positivamente, avvertire le autorità, e organizzare un programma per intrattenere i partecipanti. Anche per queste difficoltà, in Italia vennero organizzati solo 9 di questi eventi.

22 foto per ricordare quei tempi

Felix Cossolo ha aperto la pagina Facebook Partecipanti gay camp anni ’70 e ’80 per ricordare quei momenti, attraverso le foto di Giovanni Rodella. Passati 40 anni da quei giorni di libertà e divertimento, intende organizzare un nuovo gay camp, nel 2020, e tramite i social sta riunendo attivisti, partecipanti e curiosi, per rivivere quelle esperienze.

Ecco una carrellata di splendide foto vintage.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: "L'avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024" (VIDEO) - Lorenzo Licitra - Gay.it

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: “L’avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024” (VIDEO)

Culture - Redazione 19.2.24
Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey - Ian McKellen Oscar Conlon Morrey - Gay.it

Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey

Culture - Redazione 19.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè - Una Voce per San Marino 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, i BIG in gara per San Marino. Ci sono i Jalisse, Marcella Bella e (forse) Loredana Bertè

Culture - Redazione 19.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
Alfonso Signorini: "Sono tornato con Paolo Galimberti, abbiamo avuto un momento di crisi" - Alfonso Signorini - Gay.it

Alfonso Signorini: “Sono tornato con Paolo Galimberti, abbiamo avuto un momento di crisi”

Culture - Redazione 12.9.23
Aldo Mieli storia lgbtqia storia omosessuale omosessualità e fascismo gay.it

Aldo Mieli, pioniere della liberazione omosessuale troppo spesso dimenticato

Culture - Alessio Ponzio 19.9.23
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24
Alessandro Cecchi Paone sposa Simone Antolini il 22 dicembre. Il sindaco di Napoli officerà l’unione civile - Alessandro Cecchi Paone sposa Simone Antolini - Gay.it

Alessandro Cecchi Paone sposa Simone Antolini il 22 dicembre. Il sindaco di Napoli officerà l’unione civile

Culture - Redazione 3.11.23
Nicholas Borgogni

Chi è Nicholas Borgogni? Età, carriera e vita privata del ballerino di Amici 23

Culture - Luca Diana 1.10.23
Spot esselunga pesca famiglia tradizionale

Non c’è solo lo spot della pesca: così Esselunga finanzia la destra

Culture - Lorenzo Ottanelli 28.9.23