Giovanni Ciacci: “Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!”

"Dolce & Gabbana, Mika, Donatella Versace e Raffaella Carrà non hanno voluto partecipare al mio libro di favole arcobaleno."

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 72384121 1233031063571760 7994889438897373184 o - Gay.it
4 min. di lettura

«Le favole fanno sognare e non conoscono età». Ad affermarlo è l’opinionista e conduttore televisivo Giovanni Ciacci che oggi festeggia l’uscita della sua quinta fatica letteraria: “Favole Arcobaleno – storie e leggende di persone libere”. 

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 71nbI9KRQ6L - Gay.itIn Italia si legge sempre meno, le Case Editrici sono in crisi e lei continua a pubblicare libri. Vende davvero, Ciacci?

Altroché! Sono al quinto libro e sto già lavorando al sesto. Certo: non sarò Giulia De Lellis che, oramai, è una scrittrice certificata, ma anche io, nel mio piccolo, mi difendo bene. Pensi che il mio penultimo libro dedicato alla transessuale Giò Stajano, a gennaio, diventerà un tascabile. 

Chi è il lettore medio delle sue fatiche letterarie?

Chi mi segue in tv. Ho un pubblico davvero trasversale e che riesce sempre ad andare oltre. I miei libri spopolano nei grandi supermercati e vanno forti anche in alcuni mobilifici. Non mi chieda il perché..

Da dove nasce l’idea di scrivere favole per bambini?

Da un’intuizione della Vallardi. Loro ci hanno messo l’idea, io tutto il resto. È un libro pieno zeppo di personaggi positivi. Eroi ed eroine che hanno lottato per la libertà di tutti.

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 74948922 463898930898214 511977994516955136 n - Gay.it

Qual era la sua favola preferita da bambino?

Da buon toscano, direi Pinocchio. Seguono, poi, tutti i grandi classici.

Lei che bimbo era?

Io, in verità, mi sento bambino ancora oggi. Rido, scherzo, gioco, provoco, sgambetto. Sono un po’ Pinocchio e un po’ Lucifero. E talvolta anche un po’ Fata Turchina. Battute a parte, il ricavato dalle vendite del mio libro sarà devoluto alla “The Children for Peace Onlus”, per il «Pe Atye Kenam no longer alone». Un progetto di prevenzione ed educazione delle donne e dei bambini a rischio di infezione da HIV, presso il Comboni Samaritans Health Center di Gulu, in Uganda.

Anche Ciacci ha un cuore grande, allora.

Come cantava qualcuno: “Dietro questa maschera c’è un uomo e tu lo sai”. 

Il suo libro è un inno all’amore e alla libertà. Eppure, lei, ogni tanto, sul mondo gay e sulle sue battaglie ci è andato dato giù forte..

Io sposo solo le battaglie in cui credo. Tutto il resto lo lascio ai pecoroni. A differenza di molti, non ho mai supportato certe campagne solo perché per alcuni era giusto farlo. Il Gay Pride, ad esempio, non mi è mai piaciuto. L’ho detto e l’ho sempre sostenuto. E sia ben chiaro: non andarci non significa necessariamente non condividerne il manifesto.

Pensa che la comunità LGBT accoglierà in maniera positiva la sua fatica?

A me, sinceramente, di quello che penserà la comunità in merito al mio libro non me ne frega nulla. Io non l’ho fatto per loro, ma per i bambini e per i loro genitori. 

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 77173200 2189490938017978 1559742799748792320 n - Gay.it

A GayIt, a settembre, aveva dichiarato: “Non sa quanti personaggi si sono rifiutati di entrare a far parte del mio prossimo libro. Farò tutti i nomi a ridosso della pubblicazione.” È arrivato il momento: fuori i nomi.

I primi a dirmi di no sono stati Dolce & Gabbana. Il motivo? Politiche aziendali tutte loro. Segue, subito dopo, il cantante Mika per i tanti impegni presi. Anche Raffaella Carrà ha ignorato la mia richiesta. Tramite il suo agente le ho fatto pervenire il tutto, ma non ho mai ricevuto alcuna risposta. Peccato. 

Poi?

E poi c’è anche Donatella Versace. Lei, ad esempio, non ha voluto che pubblicassi la storia del fratello Gianni. Non so dirle il perché, ma a me è dispiaciuto molto. Poi ci sarebbero due famosissimi porno attori assai famosi qui da noi. Un uomo e una donna. Lui non era interessato, mentre lei mi ha chiesto dei soldi, ma non voglio farle i nomi. Loro riescono a nutrirsi anche di questo. Nell’ambiente le chiamano “blatte”.

Voltando pagina, “Detto Fatto” sta risalendo negli ascolti, mentre il suo “Vite da Copertina” piace, ma non brilla. Che si fa?

Di “Detto Fatto”, per ora, non voglio parlare. Lo farò a tempo debito, visto che ho ancora molto da raccontare. Invece, per quanto riguarda “Vite da copertina”, abbiamo appena cambiato orario. Siamo passati dalle 18:30, alle 17:30 e abbiamo più di 150 puntate da realizzare. È un programma che mi diverte, che diverte il pubblico e che soddisfa la rete. Quello che posso dirle è che lavoro con una squadra meravigliosa e che con Elenoire Casalegno mi trovo benissimo.

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 75534262 1250514401823426 3184061592434114560 o - Gay.it

Che progetti sta vagliando, al momento?

Sono impegnato sul sesto libro. Sarà un romanzo e si intitolerà, salvo cambiamenti, “Roma in ginocchio”. Racconterò tutto quello che ho visto, da dietro le quinte, nel mondo dello spettacolo e mi creda: non farò sconti a nessuno. E poi mi è stato proposto un reality all’estero che andrà in onda a ridosso dell’estate. Chissà se riuscirò ad incastrare tutto..

Si è tornato a parlare di lei per la prossima edizione de “L’Isola dei Famosi”.

Io i reality, se potessi, li farei davvero tutti. Mi divertono come poche cose al mondo, ma ora come ora, non posso prenderli in considerazione per i troppi impegni presi. Un po’ come Mika. (ride)

Nel contempo continua ad andare ospite dalla d’Urso. E proprio lì, recentemente, si è mostrato vestito da “Elsa” del cartone animato “Frozen”. Al netto dei gusti personali, non si è sentito ridicolo?

Perché dovrei sentirmi ridicolo? Io faccio spettacolo. Non faccio operazioni a cuore aperto e se mi viene proposto qualcosa sono sempre io a decidere se accettare o meno.

E nemmeno ridicolizzato?

Guardi: dalla d’Urso non viene mai ridicolizzato nessuno e per me è un onore andare ospite nei suoi programmi. È un’ottima padrona di casa e da lei, mi creda, c’è solo da imparare.

Giovanni Ciacci: "Le mie favole per tutte le famiglie. Ma quanta invidia dai vip!" - 71575821 1234037650137768 4854506852114759680 o - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

Leggere fa bene

Natale con Cher, Christmas è l'album natalizio del 2024. La cantante ospite di Silvia Toffanin a Verissimo (SPOT) - cher christmas cover - Gay.it

Natale con Cher, Christmas è l’album natalizio del 2024. La cantante ospite di Silvia Toffanin a Verissimo (SPOT)

Musica - Redazione 7.11.23
paramount

Drag Race Italia contro mascolinità tossica e omobitransfobia: “Abbattiamo i muri e facciamo rumore”

Culture - Redazione Milano 10.10.23
Sanremo 2024

Sanremo 2024, i cantanti potrebbero essere questi

Musica - Luca Diana 25.10.23
un-posto-al-sole-gestazione-per-altri

La violenta manipolazione di Un Posto al Sole al racconto della gestazione per altri

Serie Tv - Francesca Di Feo 16.10.23
The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie - The New Look - Gay.it

The New Look, Ben Mendelsohn è Christian Dior nel primo trailer della serie

Serie Tv - Redazione 18.1.24
Marco Mengoni, sanremo 2024

Sanremo 2024, il Festival di Marco Mengoni minuto per minuto: in diretta dall’Ariston

News - Luca Diana 6.2.24
Sanremo Giovani 2024

Sanremo Giovani 2023, 49 nomi selezionati: chi si aggiudicherà la vittoria?

Musica - Luca Diana 29.10.23
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, Federico Massaro svela: “È tutta la vita che non mi sento capito”

Culture - Luca Diana 2.2.24