Giulio Beranek: “Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo”

L’attore pugliese di Lasciati andare ci racconta la sua vita come se fosse una vera seduta analitica.

Giulio Beranek: "Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo" - beranek - Gay.it
4 min. di lettura

Di famiglia circense, girovago, ex calciatore. Giulio Beranek è un attore emergente da tenere d’occhio, e lo vedremo nell’atteso nuovo film dei fratelli Taviani Una questione privata: nella commedia Lasciati andare di Francesco Amato interpreta invece uno dei pazienti di Toni Servillo, un uomo affetto da doc omosessuale, cioè ossessionato dall’idea di poter essere gay.

Lo abbiamo intervistato cercando di immedesimarci nel grande attore napoletano che nel film diventa amico di una vitale personal trainer interpretata da Veronica Echegui.

Giulio Beranek: "Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo" - LA 28X40 - Gay.it

Ipotizza di essere molto rilassato, sul lettino di Lasciati andareChi è Giulio Beranek?

È una risposta che sto cercando di darmi. Spero che intorno ai quarant’anni riuscirò a trovarla. Ho una vita che non si ferma mai: sono di famiglia itinerante ma non mi piace dire giostrai per il valore che ha assunto nel tempo. Ho sempre visto il mondo delle giostre come un microcosmo che si sposta, c’è il buono e il brutto.

Che origini ha il nome Beranek?

Mio padre è ceco e ha vissuto a Belgrado dopo la fuga dall’ex Yugoslavia e ho una mamma mezza greca e spagnola. Ma sono nato a Putignano, in provincia di Bari.

Giulio Beranek: "Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo" - IlCalciatore BERANEK2 - Gay.it

Questo sangue misto ti ha fatto viaggiare molto?

Stavo per nascere in un camion! Continuo a vivere in un caravan, per me le ruote sono come le branchie dei pesci.

Hai già da piccolo una vita girovaga. Poi ti appassioni di calcio ed entri nelle giovanili dell’Olympiako ma hai un infortunio…

Sì, mi sono rotto il crociato verso i tredici/quattordici anni e il recupero è stato velocissimo. È stato uno dei rimorsi che tutt’oggi mi porto dietro per come è successo. Mi sono sentito un po’ un vigliacco ad abbandonare quella strada. A quindici anni ero già tornato in Italia. Mi sono scontrato in una realtà diversa rispetto ad Atene, era molto più genuina. Mi sono trovato anche in un ambiente microcriminale.

Hai mai fatto analisi?

Solo due sedute.

Poi ti trovi sul set di Lasciati Andare. Come ti sei trovato nel ruolo di un paziente affetto da doc omosessuale curato da Toni Servillo?

L’incontro con Francesco Amato inizialmente aveva visto in me quel tratto balcanico che voleva per il ruolo di Yuri, il provino iniziale che mi ha portata da Amato. Ho poi fatto un lavoro sull’idea di rabbia di un calciatore. All’inizio non sapevo se fosse o no omosessuale.

Giulio Beranek: "Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo" - IlCalciatore BERANEK3 - Gay.it

Che è esperienza è stata recitare col mostro sacro Toni Servillo? È stato uno psicologo paterno, una sorta di consigliere?

Toni Servillo è un signore, non riuscivo a distogliere lo sguardo dal suo lavoro. Abbiamo fatto pochi ciak ma un lavoro di preparazione importante.

Com’è immergersi in un ruolo così difficile, essere credibile senza fare la macchietta? Come ti sei preparato?

Sono circondato da amici gay ma ho preso dal mio bagaglio personale. Ho avuto un particolare attaccamento a un amico che mi ha fatto andare in crisi. Dai dodici ai quindici anni ero piccolo, magro e sensibile. C’era una banda di ragazzini che si divertivano a stuzzicarmi. Temevo di non riuscire a reagire, ero convinto di essere omosessuale. Mi chiudevo nella mia roulotte e spaccavo tutti i mobili di legno. Distrussi un’anta sopra la cucina con un pugno, mi sono pure fatto male alla mano.

È stato un amore platonico?

Ci siamo baciati sulle labbra più di una volta per dimostrare ai nostri compagni di classe quanto ci volessimo bene. Tutti i ragazzini che frequentavano la scuola italiana ad Atene erano più emancipati e precoci dei ragazzini in Italia. Lui aveva molta più leggerezza di me. Era palermitano, si chiama Roberto. Eravamo inseparabili. È stato uno dei primi che ho portato a dormire nella mia roulotte. Ci siamo lasciati quando tornai in Italia, lui rimase in Grecia. Lo beccai su Facebook ma non mi ha più risposto. Mi ha rimosso dalle amicizie.

Giulio Beranek: "Da piccolo ho amato un ragazzo ma l’analisi l’ho fatta con Servillo" - IlCalciatore BERANEK - Gay.it

Non hai mai avuto la fantasia dei maschi sotto la doccia, tipicamente cameratesca da ambiente ‘concentrazionario’ maschile?

Mi faceva molto paura il momento delle docce, non tanto per la paura del tradimento del gruppo quanto piuttosto per il confronto.

L’ambiente del calcio è tradizionalmente omofobo. Che pensi del coming out? Può aiutare il ragazzino che magari compra le merendine con la sorpresa del suo calciatore preferito?

Il coming out ha un valore sociale, è una delle cose più utili, sarebbe come quello dei cantanti famosi. Ma a tredici anni non sei formato come uomo, non hai la forza necessaria.

La tua fidanzata sa queste cose?

Lei sa tutto!

Hai avuto altri ruoli queer?

No.

Che rapporto hai con la tv, che è stata tra l’altro quella che ti ha dato celebrità, da Tutto può Succedere a Senza arte né parte

La tv entra nelle case. Sto sempre girando per la tv ma il mio nuovo progetto è il romanzo Il figlio delle rane scritto con Marco Pellegrino che uscirà per Bompiani nel 2018, un racconto di formazione su un bambino figlio di circensi. 

Progetti futuri?

Ho girato il nuovo film dei fratelli Taviani Una questione privata (in predicato per il Festival di Venezia, n.d.r.). Ho il ruolo molto bello di Ivan, amico del protagonista Milton (Luca Marinelli, n.d.r), il personaggio che mi aveva più colpito quando ho letto il romanzo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 16.5.17 - 19:27

Se questo è il cinema non mi meraviglio che non ci vada più nessuno

Trending

kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video - Johan Floderus il diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran e chiede la mano al fidanzato il dolcissimo video - Gay.it

Johan Floderus, diplomatico UE rilasciato dopo 2 anni di prigionia in Iran chiede la mano al fidanzato, il dolcissimo video

News - Redazione 19.6.24
Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: "Non riuscirete ad intimidirci" - Stonewall Inn oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate - Gay.it

Stonewall Inn, oltre 150 bandiere arcobaleno vandalizzate: “Non riuscirete ad intimidirci”

News - Redazione 19.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Hai già letto
queste storie?

Andrew Scott è stanco di dover rispondere alle solite domande sulla propria omosessualità - 056 S 01960 - Gay.it

Andrew Scott è stanco di dover rispondere alle solite domande sulla propria omosessualità

Culture - Redazione 23.5.24
Wicked, tutto quello che c'è da sapere sul musical con Cynthia Erivo, Ariana Grande e Jonathan Bailey - Wicked - Gay.it

Wicked, tutto quello che c’è da sapere sul musical con Cynthia Erivo, Ariana Grande e Jonathan Bailey

Cinema - Redazione 13.2.24
Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero - Lil Nas X - Gay.it

Lovers 2024, ospiti Paolo Camilli, Annagaia Marchioro e Guglielmo Scilla. In anteprima Lil Nas X: Long Live Montero

Cinema - Redazione 19.3.24
Tom Hollander sempre in ruoli gay: "Lo sono anche io e sono credibile, ma un attore deve poter far tutto" - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

Tom Hollander sempre in ruoli gay: “Lo sono anche io e sono credibile, ma un attore deve poter far tutto”

Serie Tv - Federico Boni 31.1.24
Le chiavi di Miami Beach a Billy Porter, l'appello alla comunità LGBT: "Dobbiamo tornare a combattere" - Alex Fernandez - Gay.it

Le chiavi di Miami Beach a Billy Porter, l’appello alla comunità LGBT: “Dobbiamo tornare a combattere”

Culture - Redazione 15.4.24
Alan Cumming a sorpresa: "X-Men 2 è il film più gay che abbia mai fatto" - alan cumming x men 2 - Gay.it

Alan Cumming a sorpresa: “X-Men 2 è il film più gay che abbia mai fatto”

Cinema - Redazione 18.6.24
Un inganno di troppo, Dino Fetscher e l'importanza di una sana rappresentazione LGBTQIA+ in tv - Dino Fetscher 1 - Gay.it

Un inganno di troppo, Dino Fetscher e l’importanza di una sana rappresentazione LGBTQIA+ in tv

Serie Tv - Redazione 30.1.24