Video

Hate Crimes No More: partecipa al questionario on-line per censire il fenomeno dell’omotransfobia

Fino a dicembre si potrà aderire a questo progetto con una propria testimonianza, ovviamente anonima e nel rispetto della privacy.

3 min. di lettura

Si chiama Hate Crimes No More il questionario on-line realizzato dal Centro Risorse LGBTI, per censire il fenomeno dell’omofobia, lesbofobia, bifobia e transfobia in Italia

Fino a dicembre si potrà aderire a questo progetto con una propria testimonianza, ovviamente anonima e nel rispetto della privacy. L’obiettivo del questionario, nato nel giugno scorso, è quello di censire il fenomeno dei crimini d’odio motivati da omofobia, lesbofobia, bifobia e transfobia, raccogliendo un numero di testimonianze sufficiente a darne una lettura statisticamente rilevante, in modo da poterne descrivere i tratti principali. I dati prodotti saranno a disposizione delle realtà che si occupano di Advocacy per i diritti LGBTQI. Questo perché dimostrare l’esistenza e la portata del fenomeno è fondamentale per chiedere alle istituzioni italiane una legge che lo contrasti in maniera efficace.

Hate Crimes No More: partecipa al questionario on-line per censire il fenomeno dell'omotransfobia - Hate Crimes No More - Gay.it

Ad oggi omofobia e transfobia sono reati “invisibili”, dal punto di vista puramente legale, eppure gli atti di intolleranza e di violenza contro le persone Lgbti d’Italia sono aumentati del 30%. Grazie alla rete dei partner che hanno aderito al progetto (Agedo, ARCI, Arcigay, Famiglie Arcobaleno, Rete Lenford, GayNet, Rete Genitori Rainbow, Ireos Firenze, Circolo Tondelli, Rete Educare alle Differenze, CESP, Rete Educare ai diritti umani) sono state diffuse in tutto il territorio italiano cartoline e locandine in cui è stato inserito il QRcode che riporta direttamente al questionario on-line, compilabile in maniera veloce e nell’assoluto anonimato. Ad ogni persona che compila il form viene inoltre inviata una segnalazione delle attività sul territorio che possono supportare, accogliere e aiutare le vittime di violenza e discriminazione, in modo da svolgere anche un’azione di informazione e di rafforzamento della rete di soggetti impegnati nella prevenzione degli hate crimes e nel supporto alle vittime.

Quello che emerge dalla raccolta delle testimonianze non è solo la trasversalità del fenomeno, ma soprattutto il raccontano di una violenza continua, trasversale, a volte sottile a volte feroce, che le persone lesbiche, trans, gay, bisessuali e intersex vivono quotidianamente in famiglia, a scuola, nelle reti di prossimità, negli spazi pubblici, nei luoghi istituzionali. C’è Maurizio un insegnante gay insultato da un suo alunno per il suo orientamento sessuale; Christian, un ragazzo trans che denuncia i commenti subiti alle scuole superiori ogni volta che utilizzava il bagno e il disagio molto forte di andare a votare con un documento che non lo rappresenta; Lyas, che è stato molestato da un gruppo di ragazzi mentre usciva dal cinema mano nella mano con il suo compagno; Georgette è stata fotografata e derisa per essersi seduta a gambe aperte durante le prove di un coro; Nicole è una attivista trans arrabbiata per i numerosi e gravi episodi di violenza subiti da bambina, da adolescente e durante la transizione, tra cui due stupri; Marco è stato identificato dalla polizia mentre si truccava in macchina con le sue amiche.

Hate crimes no more è un progetto del Centro Risorse LGBTI creato con il supporto del Comune di Bologna nell’ambito del Patto generale di collaborazione per la promozione e la tutela dei diritti delle persone e della comunità LGBTQI nella città di Bologna e del programma “Creating Opportunities” di Ilga Europe.

Il Centro Risorse LGBTI è nato nel 2012 con l’intento di fornire strumenti, dati, competenze e idee al movimento LGBTQI italiano nel raggiungimento della piena uguaglianza e dei pieni diritti. Il Centro Risorse è una realtà apartitica, antifascista e per la promozione dei diritti umani. Ha collaborato con UNAR e con le principali associazioni LGBTI italiane nella realizzazione di progetti di documentazione dei crimini d’odio e strategie di advocacy (in Veneto, Campania, Piemonte e Emilia Romagna). Nel 2017 ha realizzato la ricerca Be Proud! Speak Out! incentrata sul benessere della popolazione LGBTI studentesca, condotta con il supporto del TC Columbia University e GLSEN, in partnership con Il Progetto Alice. Ogni report elaborato per i progetti è consultabile e/o scaricabile dal sito risorselgbti.eu. Le competenze del team del Centro Risorse sono a disposizione delle associazioni e dei gruppi LGBTQI per supporto in empowerment, progettazione, fundraising, pianificazione.

Compila il questionario a questo link.

Hate Crimes No More: partecipa al questionario on-line per censire il fenomeno dell'omotransfobia - Hate Crimes No More 4 scaled - Gay.it

Hate Crimes No More: partecipa al questionario on-line per censire il fenomeno dell'omotransfobia - Hate Crimes No More 3 scaled - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
meloni orban

L’ascesa delle ultradestre e dei movimenti anti-LGBTQIA+ spiegata in 5 punti fondamentali

News - Francesca Di Feo 29.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
Elodie cover nuovo singolo

Elodie annuncia il nuovo singolo “Black Nirvana” e i fan la incoronano “regina del deserto”

Musica - Emanuele Corbo 29.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24

Continua a leggere

Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un'aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO) - Da Se Zna Serbia - Gay.it

Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un’aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO)

News - Redazione 8.3.24
africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: "Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti" (VIDEO) - Monsignor Cozzoli - Gay.it

Monsignor Cozzoli e il vicepresidente Cei in difesa di Papa Francesco: “Non è omofobo, si riferiva a preti gay con compartimenti scorretti” (VIDEO)

News - Redazione 29.5.24