HIV ai tempi del silenzio, il podcast che racconta la sieropositività tra gli anni’ 80 e il 2000

La suggestiva voce di Pino Insegno per una storia che va raccontata ad alta voce.

HIV ai tempi del silenzio, il podcast che racconta la sieropositività tra gli anni' 80 e il 2000 - msd d - Gay.it
4 min. di lettura

Come dimenticare quella martellante campagna pubblicitaria dell'”alone viola” che tanto contribuì a instillare in una intera generazione lo stigma contro i sieropositivi?

È proprio incentrato su quegli anni, gli anni del clamore mediatico cui corrispose però, all’opposto, una tacita censura sulla realtà quotidiana dell’HIV, il progetto “HIV ai tempi del Silenzio”: (www.hivaitempidelsilenzio.it)

Il silenzio è come la nebbia, nasconde alla vista ma non elimina gli ostacoli. E allora, a fare da guida, c’è solo la voce di chi ha percorso quella strada prima di te. È così anche per l’HIV che si nasconde alla vista e alle coscienze grazie all’indifferenza e al pregiudizio. Ma, per infrangere il silenzio servono le parole. Quelle di chi sa davvero essere una guida nella nebbia. Quelle di chi questi 30 anni di Aids li ha vissuti.”

“HIV AI TEMPI DEL SILENZIO” è un Podcast in 3 puntate voluto dalle Associazioni NADIR, NPS e PLUS e da MSD Italia, con la supervisione scientifica della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali – SIMIT. Ricordi, esperienze ma soprattutto emozioni, direttamente dai protagonisti. Voci guidate da una voce, quella straordinaria di Pino Insegno, che racconta e accompagna. Le puntate si possono ascoltare o scaricare sul sito gratuitamente.

«Sono 30 anni che combattiamo il virus, sempre con la stessa determinazione. E gli importanti successi raggiunti grazie alle terapie innovative ci danno la forza e l’entusiasmo di guardare al futuro con ottimismo. Vogliamo sconfiggere il virus, sogniamo una generazione libera dall’HIV e sappiamo che, perché questo diventi possibile, è importante non abbassare la guardia sulla prevenzione, insistere sull’importanza dei test e sull’inizio più precoce possibile della terapia. Ma soprattutto, per sconfiggere l’HIV bisogna parlarne, bisogna conoscerlo. Ecco perché, con grande orgoglio, sosteniamo un progetto innovativo come il Podcast “HIV AI TEMPI DEL SILENZIO”, perché è con le parole, quelle giuste, che si cancella l’indifferenza, si infrangono i pregiudizi, si aiuta a combattere la malattia» dice Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato di MSD Italia.

HIV ai tempi del silenzio, il podcast che racconta la sieropositività tra gli anni' 80 e il 2000 - Hiv anni 80 alone viola - Gay.it

1 PUNTATA- AMARSI NON È MAI DISCORDANTE

Tra gli anni ‘80 e ‘90 nulla sarà più lo stesso. L’HIV fa la sua comparsa e cambia il modo di vedere la vita, di fare l’amore, di vivere il sesso. La diagnosi è una condanna a morte. I sieropositivi sono da tenere lontani, figurarsi potersene innamorare. Oggi, invece, le coppie sierodiscordanti sono una realtà anche nel nostro Paese. E le loro storie parlano d’amore e di sesso e di vita come quelle di tutte le coppie. Insieme a Massimo Galli, Miki Formisano, vicepresidente di NPS Italia onlus e la sua compagna Marilena una puntata dedicata al tema dell’amore. «Questo Podcast è importante perché rappresenta un ottimo strumento “culturale e informativo” – dice Miki Formisano- è l’occasione per raccontare il percorso di questo virus attraverso le persone, quanto avanti è andata la scienza e quanto ancora arretrata è la nostra cultura. L’HIV non è la persona…. E il podcast, è un modo per chiarirlo. Ad alta voce».

2 PUNTATA – L’HIV HA I CAPELLI BIANCHI

Gli anni ’90 sono quelli della svolta, delle terapie che finalmente funzionano ma sono anche quelli in cui inizia la fake news che il virus sia stato sconfitto. Per la prima volta si può iniziare a sperare che la diagnosi non sia una condanna senza appello. E così ci sono sieropositivi oggi, dai capelli bianchi, che grazie alle terapie hanno cronicizzato la malattia. Invecchiare con l’HIV adesso non è una speranza, è una realtà. Purché si inizino presto le terapie. Accanto a Massimo Galli, Filippo von Schloesser, Presidente dell’Associazione Nadir onlus per una puntata che parla di una qualità di vita senza età. «La rottura del silenzio è un piccolo atto di giustizia morale che la società deve ai 37 milioni di morti per AIDS, conseguenza del virus HIV – dice Filippo von Schloesser- Significa restituire un poco della dignità che è stata rubata a tutte quelle persone che sono morte senza neppure sapere cosa stesse succedendo nei loro corpi e lacerando definitivamente la loro anima. Ma significa anche dare la possibilità di sapere. Sapere non deve mai spaventare. Il silenzio di decenni deve far vergognare tutti coloro che hanno omesso di informare confondendo una infezione che si poteva prevenire con un errato impulso moralista. Oggi, rompere il silenzio e PARLARNE è il primo mattone per prevenire il virus».

3 PUNTATA – E ADESSO ROMPIAMO IL SILENZIO

Si affacciano gli anni 2000 ed è tutta una corsa. Di Aids non si muore più e se si segue una terapia efficace non si è più contagiosi. È la vera rivoluzione di questi ultimi anni. Ma l’HIV non è stato sconfitto. Come è cambiata la percezione del virus in questi anni tra i maschi che fanno sesso con maschi? Insieme a Massimo Galli, Sandro Mattioli, presidente di PLUS Persone LGBT sieropositive onlus e Giulio Maria Corbelli, vicepresidente di PLUS in un viaggio tra passato e presente, per raccontare l’HIV ai tempi del silenzio nella comunità omosessuale. «Raccontare che cosa è stato HIV nel passato – dice Sandro Mattioli- è un modo intelligente di fare il punto della situazione, utile per raccogliere le sfide che HIV ci pone ancora oggi. Parlare di cosa ci aspettiamo dal futuro, sia in termini di ricerca che in ambito sociale, ci dà l’opportunità di avere una visione chiara del lavoro da fare e, appunto, delle battaglie che possiamo vincere mai come oggi dopo oltre 30 anni di ricerca. In particolare la lotta contro lo stigma è una delle sfide più importanti. Oltre 11 anni di ricerca ci hanno consegnato l’acronimo U=U, la non contagiosità delle persone sieropositive in terapia efficace. Uno strumento formidabile che ci pone in grado di vincere paure e discriminazioni». «Silence=Death. È un noto motto di Act Up, la storica associazione di attivisti HIV statunitense, coniato quando accettare in silenzio e passivamente la propria condizione portava inevitabilmente alla morte – aggiunge Giulio Maria Corbelli-  Oggi di Aids non si muore quasi più, eppure tante persone vivono la loro sieropositività senza parlarne con nessuno. Credo che nascondere nel silenzio alcuni aspetti di se stessi possa portare a morire un po’ dentro; per questo credo che ancora oggi parlarne sia parte della soluzione all’HIV».

Sul sito hivaitempidelsilenzio si trovano anche molti interessanti approfondimenti su come affrontare alcuni dei più diffusi inconvenienti fisici legati alla sieropositività, in particolare il fenomeno dell’aumento del peso per le persone Hiv positive.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Omar Rudberg, la "salatissima" vacanza social della star di Young Royals - Omar Rudberg 0 - Gay.it

Omar Rudberg, la “salatissima” vacanza social della star di Young Royals

Culture - Redazione 17.7.24
Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Vladimir Luxuria Isola dei Famosi 2024

Palinsesti Mediaset 2024/2025. Vladimir Luxuria non condurrà più l’Isola dei Famosi. Verissimo incontra Amici

Culture - Redazione 17.7.24
Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti - Tale e Quale Show 2024 il cast - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, Carlo Conti svela il cast ufficiale. 11 protagonisti, alcuni molto poco conosciuti

Culture - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Mount Clitoris

“Mount Clitoris”, un (fake) reality show per imparare a farla godere

Corpi - Emanuele Corbo 13.6.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Vivere con hiv - la testimonianza di Enrico

Vivere con il virus: “L’Hiv è stato una grande occasione per prendermi cura di me stesso”

Corpi - Daniele Calzavara 22.3.24
Le ragazze stanno bene: un'indagine intorno al nostro benessere sessuale - Matteo B Bianchi5 - Gay.it

Le ragazze stanno bene: un’indagine intorno al nostro benessere sessuale

Culture - Federico Colombo 23.6.24
Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: "Porno di basso livello" - tom pelphrey b31035 - Gay.it

Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: “Porno di basso livello”

News - Redazione 15.5.24