#HIVpass, l’indecente hashtag in difesa del leghista Borghi è uno tsunami di omofobia e disinformazione

9000 tweet in poche ore.

#HIVpass, l'indecente hashtag in difesa del leghista Borghi è uno tsunami di omofobia e disinformazione - borghi - Gay.it
3 min. di lettura

Aprire Twitter questa mattina fa venire il voltastomaco. Più del solito. D’altronde tra gli hashtag in tendenza ci sono #IoStoConBorghi, in difesa del deputato leghista che ha ieri cinguettato l’inimmaginabile, suscitando indignazione ovunque tranne in casa leghista. “Terzo giornalista che chiama per sapere se sono vaccinato“, ha scritto ieri Borghi. “Finora sono stato gentile, al prossimo parte il vaffancu1o e la cancellazione dalla lista dei contatti. Perchè questi eroi la prossima volta che intervistano un LGBT non gli chiedono se è sieropositivo e se fa profilassi?“.

Poche ore dopo questo schifo è nato l’hashtag #HIVpass, sorta di ‘provocazione’ nei confronti di coloro che sposano il Green Pass al Covid-19.   Essenzialmente, un triangolo rosa per le persone sieropositive, per accessi differenziati o esclusivi a determinati luoghi pubblici. Come se fosse normale fare dell’ironia su un virus che ha ucciso decine di milioni di persone negli ultimi 40 anni. Un’indecenza. Una vergogna anche solo immaginarlo, figurarsi rilanciarlo.

Claudio Borghi, che non si è mai scusato per quanto pubblicato ieri, ha addirittura cavalcato quanto capitato per attaccare il DDL Zan: “Perchè non va approvato? Quanto successo oggi per un mio tweet lo spiega benissimo. Uno scrive una cosa, altri non la capiscono (o fanno finta di non capirla) e io rischierei di andare a processo per aver detto una cosa CONTRO tutte le discriminazioni”.

Nel frattempo l’hashtag #HIVpass si è presto trasformato in concentrato di omofobia allo stato puro, con oltre 9000 tweet in poche ore. “#HIVPass soprattutto per i nostri amici gay che si sa, sono la percentuale più alta di sieropositivi. Con L’#HIVPass potrete sodomizzarvi in tranquillità amici!”, scrive un imbecille. “Una misura di civiltà. Sei sieropositivo? Devo saperlo, non posso rischiare“, insiste un altro. “Io non condivido il cesso con chi potrebbe avere candida, clamidia, HIV etc“, prosegue un altro. “E allora perché non chiedere anche un test HIV negativo per poter accedere ai bagni pubblici?“, cinguetta tale Lorenzo. “Impedire ad una persona non vaccinata contro il Covid di prendere un treno è aberrante tanto quanto impedire ad un sieropositivo di prendere un treno. In egual misura“, scrive Fla. “Il gel igienizzanti, la tripla mascherina, il vaccino, i guanti in lattice, il greenpass e poi succhiate pesci sporchi nei bagni delle discoteche! E no ci vuole un #HIVpass”, continua un altro. “Ho aperto un nuovo club LGBT inclusivo e si entra solo con #hivpass“, scrive Felicia.

E potremmo continuare per chissà quanto tempo ancora. Inutile ricordare come il Covid si possa trasmettere con uno starnuto, mentre l’HIV si può trasmettere solo attraverso sangue e suoi derivati, sperma e secrezioni vaginali, latte materno, di persone con Hiv inconsapevoli o non in terapia antiretrovirale efficace. Una persona con HIV in terapia efficace e viremia non rilevabile, inoltre, non trasmette il virus. Una realtà dirompente che è necessario il più possibile divulgare perché può incoraggiare le persone ad affrontare il test e, in caso di positività, ad accedere subito alle terapie Antiretrovirali. Un accesso tempestivo ai trattamenti permette di tutelare al meglio la salute delle persone con HIV e di evitare che il virus possa essere trasmesso inconsapevolmente ad altri/e. U=U, Undetectable=Untrasmittable è la migliore arma contro lo stigma e i pregiudizi che ancora gravano su chi vive con l’HIV.

Stigma e pregiudizi nelle ultime 24 ore follemente rilanciati da un deputato della Repubblica italiana. “Il tweet del deputato Borghi sembra un film degli anni 90′ e riesce a condensare in pochi caratteri una grande ignoranza rispetto al tema delle infezioni sessualmente trasmissibili e come un film già visto, intriso di stereotipi negativi, lega l’HIV alle sole persone LGBT+“, hanno duramente replicato il Circolo di cultura omosessuale “Mario Mieli”, ASA Milano e il C.I.C.A., sottolineando come e quanto si debba ancora lottare per abbattere lo stigma verso le persone sieropositive, per l’ennesima volta denigrate, a mo’ di insulto o “diminutio. Tecnica ampiamente conosciuta, chiaramente inaccettabile, oggi illuminata da  hashtag e tweet vomitevoli.

#HIVpass, l'indecente hashtag in difesa del leghista Borghi è uno tsunami di omofobia e disinformazione - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
afenicepgyahooit 21.7.21 - 15:03

se capiva qualcosa non era stato adottato dalla lega

Trending

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Leggere fa bene

"Hiv, ne parliamo?", al via la campagna ispirata a storie vere - HIV. Ne Parliamo - Gay.it

“Hiv, ne parliamo?”, al via la campagna ispirata a storie vere

Corpi - Daniele Calzavara 28.11.23
Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
grecia-stefanos-kasselakis

Grecia: Stefanos Kasselakis apertamente gay anticapitalista ed ex Goldman Sachs alla guida della sinistra radicale

News - Francesca Di Feo 25.9.23
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia - cover film hiv aids - Gay.it

Hiv e aids, 9 iconici film che hanno fatto la storia

Corpi - Federico Boni 29.11.23
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23