I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante

Sempre più diffusi, in Giappone, i fumetti manga a tematica gay e lesbica. In uscita anche alcune serie animate, mentre nuove riviste popolano le edicole: un clima friendly come in pochi altri luoghi.

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanBASE - Gay.it
4 min. di lettura

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanF1 - Gay.it

Nel nostro paese sembra proprio che la moda dei manga con tematiche principalmente lgbt non abbia preso piede come ci si aspettava. I manga boys love (gli omoerotici gay per ragazze) e soprattutto le loro varianti più spinte (gli yaoi) sono andati sparendo dagli scaffali delle fumetterie (tant’è che quest’anno l’unica novità è stata "Mi vergogno da morire"di Hinako Takanaga, in uscita proprio in questi giorni per Magic Press), e i manga yuri (a tema lesbico) non se la passano meglio. Non parliamo poi dei bara manga (i manga che si rivolgono al pubblico gay), che debutteranno in Italia solo ora grazie a Black Velvet che sta per proporre l’antologia "Racconti Estremi" dedicata al maestro del S/M Gengoroh Tagame (sperando che un inizio così "forte" non comprometta la pubblicazione di altri autori di bara manga nel nostro paese). 

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanF2 - Gay.it

Difficile capire perché i manga lgbt da noi non attecchiscono e se il problema è dei lettori che non si fanno avanti o degli editori che non sanno trovare le formule giuste (con prezzi troppo alti, contenuti non all’altezza delle aspettative, mancanza di intuito nello scegliere i temi e gli autori)… O forse, più semplicemente, i manga a tema lgbt da noi non hanno attecchito perché il clima culturale in generale non favorisce la diffusione e la conoscenza di questi prodotti, perché il pubblico lgbt da noi non considera con la giusta attenzione i fumetti in generale, o ancora perché gli editori finora hanno avuto paura di proporre manga che rappresentassero la realtà gay in maniera troppo esplicita (come nel caso dei bara manga). In ogni caso, in Giappone, i manga a tematica lgbt (nelle loro varie declinazioni) continuano a essere prodotti e a guadagnare lentamente terreno, segno che evidentemente il clima nell’arcipelago nipponico si sta facendo sempre più gay-friendly (come dimostra l’allestimento del primo festival di musica lgbt a Tokyo qualche mese fa). Continuano a uscire nuove riviste antologiche che propongono boys love e bara manga (successivamente raccolti in volumetti monografici), mentre i maggiori magazine gay giapponesi (“Badi”, “G-Men”,ecc) danno sempre molto spazio ai fumetti (anche a quelli più espliciti).

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanF3 - Gay.it

Ultimamente è uscita anche una nuova rivista, Gb Comic, che propone una nuova formula, dando maggiore spazio ai bara manga rispetto ai contenuti propri dei gay magazine. Non parliamo poi dei manga lgbt autoprodotti, che costituiscono un vastissimo mercato a parte in perenne fermento. A riprova del fatto che i temi lgbt in Giappone godono di buona salute (nonostante la crisi economica globale), bisogna segnalare che proprio in questo periodo hanno debuttato due serie animate a tematica omosessuale. La prima è tratta dal delizioso manga yuri Aoi Hana (I fiori blu) di Takako Shimura, e racconta di come due amiche d’infanzia, Fumi e Akira, si ritrovano al liceo e iniziano a scoprire il sentimento che nutrono l’una per l’altra. Il tono sarà più allegro e ottimista di altre serie che avevano toccato l’argomento in passato (come "Caro Fratello", che peraltro – dopo un inizio assai audace – si rivelò una delusione sotto molti punti di vista), segno evidente che i tempi sono cambiati.

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanF4 - Gay.it

La seconda (direttamente per l’home video) è il remake di un cult arrivato anche in Italia: il fantascientifico "Il Cuneo dell’Amore", tratto dal romanzo omoerotico per ragazze Ai no Kusabi di Rieko Yoshihara, a base di ragazzi usati come oggetti di piacere da androgini biondoni geneticamente modificati. Questa volta, però, tornerà sotto forma di una vera e propria serie animata di tredici episodi, che probabilmente approfondirà tutti i risvolti del romanzo a cui la trasposizione precedente (che era stata riassunta in due soli episodi) aveva dovuto rinunciare. C’è da dire che finora non sono stati prodotti anime tratti dai bara manga veri e propri, forse perché anche in Giappone si fa ancora ancora molta fatica a quantificare il pubblico potenziale di un prodotto simile e il conseguente ritorno economico dato dal merchandising relativo (che di fatto è uno dei fattori determinanti per valutare la produzione di una serie animata in Giappone).

I fumetti gay conquistano il Paese del Sol Levante - japanF5 - Gay.it

Certo la radicata mentalità maschilista ed eterosessista giapponese fa la sua parte, ma probabilmente è solo una questione di tempo prima che anche i bara manga debuttino in versione animata, e quando questo si verificherà sarà molto interessante verificare come verranno accolti dal pubblico, e in particolare da quello internazionale. Forse è presto per dire che siamo alle soglie di una piccola rivoluzione culturale, e di certo non vedremo mai questi prodotti sulle nostre TV generaliste (magari accompagnati dalle sigle di Cristina D’Avena), però la loro eventuale diffusione potrebbe avere davvero delle conseguenze inaspettate. Restiamo in attesa.

di Valeriano Elfodiluce

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
"È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina": storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping - cina intervista rifugiat lgbtqia 1 - Gay.it

“È importante votare, e non accettare le altrui decisioni come accade in Cina”: storia di unə rifugiatə LGBTQIA+ scappatə dalle persecuzioni del governo di Xi Jinping

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24

Hai già letto
queste storie?

boy-scouts-of-america-nome-gender-neutral

I “Boy Scout” cambieranno nome per essere gender neutral

News - Francesca Di Feo 9.5.24
Giappone

Giappone, un’altra Corte dichiara incostituzionale il divieto al matrimonio egualitario

News - Redazione 15.3.24
@valelp

L’amore non è solo per pochi eletti, intervista a Vale LP

Musica - Riccardo Conte 15.12.23
gran-bretagna-giovani-trans

Scozia, 1 giovane trans su 3 non si sente al sicuro negli spazi pubblici

News - Francesca Di Feo 12.4.24
Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer - Laura Dean continua a lasciarmi - Gay.it

Tommy Dorfman alla regia del live action di Laura Dean continua a lasciarmi, graphic novel queer

Cinema - Redazione 13.12.23
Gen Z musica dipendenza

La Gen Z è dipendente dalla musica: “È una terapia per il benessere mentale e fisico”. Ma Spotify aumenta le tariffe

Musica - Emanuele Corbo 4.4.24
scozia-educazione-affettiva

Educazione affettiva nelle scuole, ecco cosa fanno in Scozia

News - Francesca Di Feo 23.4.24
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24