Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano

Filippo Timi e Francesco Scianna sono due papà gay con figlio nato tramite GPA nel nuovo film di Marco Simon Puccioni, il 21-22-23 febbraio al cinema e dal 4 marzo su Netflix.

Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano - il filo invisibile 4 - Gay.it
5 min. di lettura

Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano - IL FILO INVISIBILE 5 - Gay.it

Nel nostro Paese ci sono centinaia di famiglie, di genitori e soprattutto figli privati di diritti, a causa di una politica sorda e cieca, incapace di guardare alla realtà quotidiana e sociale che da tempo tutti noi stiamo vivendo. Arroccati all’interno del palazzo, deputati e senatori della Repubblica si voltano dall’altra parte dinanzi a bambini amati, cresciuti e coccolati da due mamme o da due papà, che al cospetto della legge italiana tali non sono. La straordinaria normalità delle famiglie arcobaleno irrompe nel Cinema italiano grazie a Il Filo Invisibile, film diretto e co-sceneggiato da Marco Simon Puccioni, affiancato nella stesura dello script da Luca De Bei.

In arrivo in sale selezionate il 21-22-23 febbraio, per poi sbarcare su Netflix il 4 marzo, Il Filo Invisibile racconta la storia di una famiglia romana composta da Leone, 16 anni, e dai suoi due papà Simone e Paolo, insieme da 20 anni e uniti civilmente. Nato in California grazie a Tilly, donna americana che ha aiutato i suoi genitori con la gestazione per altri, Leone viene travolto da un’inattesa crisi di coppia dei rispettivi padri. Costretto a schivare pregiudizi ed equivoci legati al proprio orientamento sessuale, l’adolescente vive la sua prima storia d’amore nel pieno di una complessa situazione familiare che lo obbligerà a fare i conti con il senso stesso di famiglia e genitorialità, guardando a quel filo invisibile che lo lega a tutte quelle persone che hanno fatto in modo che potesse venire al mondo…

 

Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano - IL FILO INVISIBILE 3 - Gay.it

È una storia d’amore e al tempo stesso una commedia a tinte drama, ma anche un legal che si fa mistery, nonché spaccato socio-antropologico e politico dell’Italia che stiamo vivendo. Il nuovo film di Marco Simon Puccioni guarda all’oggi con prospettiva sul domani, smontando i luoghi comuni sui genitori omosessuali e sui figli nati da coppie dello stesso sesso, ribadendo tutta la normalità di queste famiglie che nulla di speciale hanno rispetto alle altre, perché ugualmente imperfette, complicate, segnate da tutte quelle problematiche che da secoli caratterizzano le cosiddette ‘famiglie tradizionali’. Non c’è meglio o peggio e non può esistere ‘gara’, perché molto semplicemente non c’è alcuna differenza. Ciò che molti dipingono come ‘straordinario’ è banalmente più che ‘ordinario’, nella sua sfacciata normalità.

Quella che in questo film appare a prima vista come “coppia da Mulino Bianco”, in realtà nasconde segreti a lungo mai confessati, rancori puntualmente pronti a venire a galla.  Filippo Timi e Francesco Scianna (QUI la nostra intervista all’attore) sono perfetti nell’interpretare questi due uomini tanto differenti, da tempo emotivamente distanti. Al 3° film insieme dopo Vallanzasca e Come il Vento, Timi e Scianna danno credibilità ad una coppia sull’orlo del baratro, ancora legata da un affetto con il tempo perduto e da un figlio straordinariamente amato. Se il primo ha dimenticato l’eros dopo 20 anni di amore e l’arrivo di un figlio, l’altro è andato a riempire altrove mancanze che con il passare del tempo si sono fatte troppo ingombranti. Nel mezzo c’è proprio Leone, impegnato in un progetto scolastico che lo vede raccontare la sua vita, la sua nascita tramite una donna che ha prestato il proprio utero per generare amore. Una donna ancora oggi presente nella vita di Leone, Simone e Paolo, felice di aver contribuito alla genesi di una famiglia.

Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano - IL FILO INVISIBILE 1 - Gay.it

Puccioni affida proprio a Leone e al suo punto di vista il compito di scoprire questo nucleo familiare composto da due uomini e un adolescente, puntualmente bullizzato a scuola perché a casa con due papà. Un 16enne costretto a smontare l’ignoranza altrui rimarcando l’ovvio, ovvero che non è certamente l’orientamento sessuale dei propri genitori ad “indirizzare” quello dei figli, così come non è il DNA a darti automaticamente il patentino di padre. Perché famiglia è dove c’è amore, andando ben oltre i limiti imposti dalla genetica.

Il regista ha attinto dalla propria storia personale, in quanto felicemente sposato con Giampietro e padre di due gemelli, nati tramite gestazione per altri. Un quotidiano omogenitoriale precedentemente raccontato negli apprezzati documentari Prima di tutto (2012)  e Tuttinsieme (2020).

Il Filo Invisibile, la recensione: Normalità di una famiglia arcobaleno discriminata dallo Stato italiano - IL FILO INVISIBILE 2 - Gay.it

18 anni appena, Francesco Gheghi, già visto al cinema con Io sono Tempesta di Daniele Luchetti, Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani e PadreNostro di Claudio Noce, conferma tutto il proprio talento tenendo testa a due attori di spessore come Filippo Timi e Francesco Scianna, dando profondità ad un adolescente travolto da inattese verità e dolorose realtà. Perché nell’Italia di oggi ci sono tribunali costretti ad intervenire per trascrivere i nomi di mamme e papà omosessuali in atti di nascita di bambini già venuti al mondo, quotidianamente discriminati da uno Stato che li vede come figli di serie B.

Il Filo Invisibile ha la forza di denunciare una mancanza oramai diventata inaccettabile, a quasi 6 anni dall’approvazione delle unioni civili,  con la stepchild adoption stralciata sull’altare del voto di fiducia e non si sa quanti padri e mamme costretti a dover ‘adottare’ i propri figli, quando e se la legge lo permette. In tal senso spicca un cameo di Nichi Vendola, qui nei panni del sindaco di Fiumicinio e solo dal 2018 legalmente padre di suo figlio Tobia, dopo che il tribunale di Roma ha acconsentito alla sua ‘adottabilità’. Un cortocircuito giuridico, politico, culturale e sociale che nel 2022 appare folle, per quanto drammaticamente concreto, nel film di Puccioni incastrato in uno script che probabilmente esagera nell’eccedere con  sottotrame e colpi di scena,  tra esagerazioni alla Guerra dei Roses dei noantri, inattesi omofobi con “tanti amici gay” e divertenti equivoci.

Difficile dare un’unica direzione ad un’opera tanto attuale e pronta ad inserirsi in un dibattito ciclicamente inasprito da disinformazione e ideologie politiche, finendo inevitabilmente per abbracciare più “generi”, con la consapevolezza di aver raccontato uno spaccato a lungo taciuto, una realtà puntualmente diffamata, famiglie costrette a lottare per essere riconosciute dallo Stato. Famiglie che non chiedono altro se non essere considerate come tali, al pari di tutte le altre.

“Una nascita è il risultato di una complicità di milioni di persone, uomini e donne legati da fili invisibili e anche un po’ ingarbugliati. Vorrei che la legge ne tenesse conto”.

Voto: 6.5

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Ariete sorprende i fan

Ariete offre la colazione ai fan che la aspettano da 24 ore: “Per voi ci sarò sempre”

Musica - Emanuele Corbo 20.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: "I ricchi*ni nel forno crematorio" - Carmine Alfano - Gay.it

Carmine Alfano, le frasi choc del candidato sindaco di Torre Annunziata: “I ricchi*ni nel forno crematorio”

News - Redazione 18.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Hai già letto
queste storie?

Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv? - 300 - Gay.it

Blood and Ashes, il sequel gay di 300 con Alessandro Magno gay diventa serie tv?

Serie Tv - Redazione 30.5.24
"Estranei" - All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro - 003 001 S 02013 - Gay.it

“Estranei” – All of Us Strangers al cinema, ecco perché il film queer di Andrew Haigh è un capolavoro

Cinema - Federico Boni 29.2.24
Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell'anno Jankto, Cortellesi e Ghali - DMA 2024 le nomination - Gay.it

Diversity Media Awards 2024, le nomination. Tra i personaggi dell’anno Jankto, Cortellesi e Ghali

Culture - Redazione 19.4.24
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24
Jacob Elordi candela Saltburn Barry Kehogan

Saltburn, arriva la candela con l’odore di Jacob Elordi ed è un fetish puntuale

Cinema - Redazione Milano 4.1.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Corte di Appello di Brescia: i figli hanno il diritto a vedere riconosciuti entrambi i genitori

News - Redazione 9.2.24
La canzone di Achille, Matthew López vuole trasformare in serie tv la storia d'amore tra Achille e Patroclo - La canzone di Achille - Gay.it

La canzone di Achille, Matthew López vuole trasformare in serie tv la storia d’amore tra Achille e Patroclo

Serie Tv - Redazione 12.6.24
barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24