Insulti omofobi sul murale australiano dedicato a George Michael

Imbrattato da insulti omofobi e dalle uova il murale LGBT australiano dedicato a George Michael.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Nato a Sydney poco meno di un anno fa, subito dopo la morte del cantante, è stato vandalizzato il murale dedicato a George Michael.

Insulti omofobi hanno imbrattato il disegno, che raffigura la popstar come un santo, con tanto di aureola, canna in una mano e boccetta di popper nell’altra.

A denunciare l’episodio Jonny Seymour, proprietario della casa su cui è stato disegnato l’omaggio. Intercettato da Gay Star News, l’uomo ha confessato di non aver volutamente scattato una foto del murale vandalizzato dalle uova e da volgarità varie, perché a suo dire avrebbe indirettamente convalidato  i gratuiti insulti omofobi rivolti alla memoria di Michael. Anche Scott Marsh, autore del murale, ha preferito non commentare quanto avvenuto.

Quattro ragazzi hanno aiutato Seymour a ripulire il disegno, pensato per celebrare un uomo che ha dato tanto alla comunità LGBT. Australia, non va dimenticato, che in queste settimane è chiamata al voto nei confronti del matrimonio egualitario. Un referendum per corrispondenza che terminerà a fine ottobre, con il ‘sì’ alle nozze same-sex nettamente in vantaggio sui contrari, sondaggi alla mano. Per l’occasione l’artista Marsh ha dipinto un altro murale con protagonista l’ex-Primo Ministro Tony Abbott, da sempre contrario ai matrimoni omosessuali e in prima linea nella campagna del ‘vote no’, che sposa se’ stesso. Con uno dei due Tony in abito da sposa.

Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni