La transessualità alle Iene: dalla suora che oggi è un uomo alle meravigliose parole di Meths

L'ultima puntata delle Iene è stata un trionfo di orgoglio trans.

ascolta:
0:00
-
0:00
transessualità alle iene
transessualità alle iene
3 min. di lettura

La tv generalista continua a fare dei (piccoli) passi in avanti per divulgare tematiche care al mondo queer.

Così anche Le Iene, tra i più amati-odiati programmi di attualità nel palinsesto televisivo,  questa settimana diventa un trionfo di orgoglio transgender, dando spazio e parola direttamente ai diretti interessati (ancora oggi tra le categorie più marginalizzate della nostra società, anche all’interno della comunità LGBTQIA+).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Le Iene (@redazioneiene)

È il caso della storia di Ruan, uomo trans di origini brasiliane con un passato da suora: “Sono Ruan, sono un uomo e finalmente ho avuto il coraggio di essere me stesso”. Ruan racconta di essersi sempre sentito a disagio con il proprio corpo sin da piccolo, ma di non aver mai trovato le parole per tradurre davvero il suo disagio esistenziale. Dopo aver dedicato dieci anni della sua vita alla vita al convento, la sua vera natura e l’ambiente religioso faticano a trovare un reale punto d’incontro.  Allontanandosi dalla chiesa, Ruan inizia il suo percorso di rinascita e (ri)scoperta. Fondamentale sarà l’incontro con un missionario che diventa il suo “direttore spirituale” e lo porta in Italia in una comunità di ritrovo in Italia: “È stata una cosa sconvolgente. Mi sono ritrovato in una realtà dove mi hanno accolto gli ultimi: drogati, alcolisti, prostituti” racconta Ruan “Se non avessi accolto questa comunità, mi sarei ritrovato o in manicomio o al cimitero. Non ci sarei più dal ’98. Eppure sono qua“. In comunità il rifiuto del convento diventa solo uno spiacevole ricordo, e Ruan ritrova sé stesso insieme all’amore di una famiglia che non avrebbe mai pensato possibile: “È l’amore che vuole solo il tuo bene, non ti giudica, ti accompagna e stimola” dice alle Iene “Ma è anche un amore che esige il meglio e il massimo da te, perché crede in te quando neanche tu ci credi. Avevo perso e ritrovato il senso, insieme alla voglia di vivere“.

Dichiara di stupirsi ancora di essere Ruan, ma il percorso di riflessioni e conoscenza ha maturato in lui una nuova saggezza, svincolata dalle repressioni del passato: “Ho una nipote molto religiosa che mi chiede: zio, pensi che Dio ha sbagliato quando ti ha creato?” racconta a Nina di Le Iene “No, io penso che sbagliamo a pensare che Dio ragioni come noi. Quando tornerò da lui non mi chiederà la carta d’identità. Non penso che saremo giudicati per il nostro corpo. Sono nato nel corpo da donna ma mi sono sempre sentito uomo“. Il servizio segue Ruan durante la masecotomia per rimuovere il seno e avere un torace maschile, con tutta la gioia e l’orgoglio di quel grande momento: “Io ci ho pensato cinque anni per entrare in convento. Dieci per uscire. E ci ho pensato sessanta per diventare quello che sono” conclude fiero: “Quando deciso non guardo indietro. È tutto quello che voglio. Se poi succede qualcosa, io intanto ho fatto la mia parte“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Le Iene (@redazioneiene)

La storia di Ruan lascia spazio all’influencer Francesco Cicconetti, meglio noto come @mehths, che tiene uno splendido monologo sull’importanza delle parole, breve ed efficace quanto basta: “Quando dico di essere un ragazzo trans demisessuale qualcuno mi risponde che ormai ci sono troppe parole. Ci sono troppe etichette e non si capisce più niente” esordisce Cicconetti “Ma da quando le parole sono troppe? Ci servono solo per descrivere la realtà, non per inventarla. ” In pochi potentissimi minuti Cicconetti smantella ogni qualunquismo sulle “troppe” categorie della comunità LGBTQIA+, cogliendo l’urgenza delle definizioni che ci bombardano ogni giorno, dando validità e spazio ad una realtà che, per quanto confusionaria e complessa, non può mai essere troppa: “L’identità ha bisogno di parole perché altrimenti non esiste. È solo essenza che vaga nell’aria incorporea” conclude Cicconetti: “Per questo dico ragazzo trans demisessuale, perché Francesco non sarebbe abbastanza”. 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
Douglas Carolo (foto TikTok di Carolo), Michele Caglioni (foto Instagram Caglioni), Andrea Bossi (foto TikTok)

Cosa c’era nel cellulare di Andrea Bossi, e peché Douglas Carolo e Michele Caglioni l’avrebbero distrutto?

News - Redazione Milano 4.3.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24

Leggere fa bene

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23
valerie notari gamer girl

Gaming, fluidità e liberazione: intervista a Valerie Notari autrice di “Gamer girl”

Culture - Federico Colombo 20.11.23
molise-donna-trans-sentenza

Affermazione di genere sui documenti senza chirurgia, seconda storica sentenza in Molise

News - Francesca Di Feo 6.10.23
giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
@tracelysette

C’è possibilità per le attrici trans agli Oscar?

Cinema - Redazione Milano 29.9.23
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
lady oscar genere non binario

Se oggi un millennial riguarda Lady Oscar, che fine fa quel buon padre che voleva un maschietto?

Culture - Emanuele Bero 28.11.23