Ladyhawke ricorda il suo debutto nel Regno Unito: “Non mi era permesso parlare del mio orientamento sessuale”

È appena uscito il suo quinto album 'Time Flies', e ricordando il suo debutto nel 2009, la cantante neozelandese Ladyhawke ha ricordato l’omofobia dell’industria musicale inglese che non le permetteva di esprimersi.

Ladyhawke Gay.it
3 min. di lettura

Nel lontano 2009, quando nel mondo della musica nomi come quello di Lady Gaga ridefinivano l’esprimere sé stessi e la propria arte, l’industria musicale inglese sembrava essere ancora un po’ chiusa riguardo gli artisti queer emergenti. Quei giorni sono ora lontani, anche nella scena pop del Regno Unito, ma a riprova della pervasiva omofobia che si annidava all’interno delle case di produzione è arrivato il racconto di Ladyhawke, nome d’arte di Pip Brown, cantante neozelandese diventata un’icona della musica queer.

Ladyhawke Gay.it
La cantante neozelandese Ladyhawke, ora fuori il suo quinto album Time Flies

Nata nel Distretto di Masterton, la sua carriera è iniziata quando si è trasferita in Inghilterra. La poliedrica artista – cantante, autrice e polistrumentista – si affacciava sul panorama sicura di due cose: voleva parlare al mondo con le sue canzoni ed era queer. Aveva già fatto coming out pubblicamente in Nuova Zelanda, ma la notizia non era arrivata ai tabloid inglesi. Per questo, quando arrivò il suo momento, con l’album di debutto ‘Ladyhawke‘, l’accoglienza non fu quella che si aspettava.

«È stata davvero dura perché avevo fatto coming out da anni. Tutti sapevano che ero queer, avevo avuto diverse ragazze. Quando mi sono trasferita nel Regno Unito, sentirmi dire che non mi era permesso parlare della mia sessualità e che avrebbe rovinato la mia carriera è stato… la mia autostima come musicista donna è già abbastanza bassa. Sentirmi dire questo mi ha fatta sentire disgustosa»

Ladyhawke non era l’unica. Durante un’intervista rilasciata a PinkNews, ha ammesso di conoscere anche altri artisti che avevano ricevuto le stesse pressioni da «una varietà di persone nell’industria musicale», di cui però non è ancora pronta a rivelare i nomi. «Non voglio nemmeno aprire quella porta. Non penso di essere ancora abbastanza forte per affrontare tutto ciò», ha spiegato.

Le cose sono decisamente cambiate e la cantante, che ora sta promuovendo il suo nuovo album, ‘Time Flies‘, dopo una pausa di cinque anni, se ne è rallegrata, senza però nascondere un velo di amarezza: «Vorrei che fosse stato così quando stavo facendo il mio primo disco», ha raccontato, «C’è sempre lavoro da fare, ma è incredibile che ci siano ragazzi che fanno musica e hanno altri artisti gay a cui guardare che hanno fatto coming out».

«Non è più uno scandalo, è così e basta, cioè come avrebbe sempre dovuto essere»

La musica di Ladyhawke ha sempre avuto a che fare con il mondo LGBTQ+. I suoi testi riflettono la sua esperienza come donna e cantante queer, del senso di colpa cattolico per essere cresciuta in una comunità fortemente religiosa. Nelle sue canzoni riflette non solo sulla sua vita ma anche sull’attivismo, facendo incontrare le sue emozioni con quelle della comunità. La cantante ha riservato anche qualche parola per i giovani artisti LGBTQ+ che si affacciano per la prima volta a questa industria, e su come affrontarla.

«Penso che si debbano considerare le motivazioni di una persona per essere coinvolta nella vostra carriera. Se qualcuno dovesse dire qualcosa di negativo sulla vostra identità, non dovete avere niente a che fare con loro. Adesso l’essere queer è solo un di più per la vostra carriera. Il mio consiglio è quello di essere voi stessi e di non scendere a compromessi per nessuno»

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24
Tiziano Ferro a Maionchi: "Ti sono sempre stato grato". La replica di Mara: "Mancata la riconoscenza umana" - Tiziano Ferro e Mara Maionchi 1 - Gay.it

Tiziano Ferro a Maionchi: “Ti sono sempre stato grato”. La replica di Mara: “Mancata la riconoscenza umana”

News - Redazione 2.5.24
A letto con Mahmood; il 22 Gennaio sarà annunciato il Nuovo Album

A letto con Mahmood: il nuovo album annunciato dai materassi?

Musica - Mandalina Di Biase 19.1.24
Annalisa e Nada, Amore disperato

Annalisa e Nada cantano insieme “Amore disperato” al Forum di Assago: guarda il video

Musica - Luca Diana 11.4.24
Tiziano Ferro Elodie

Tiziano Ferro, duetto con Elodie per il ritorno dopo la crisi?

Musica - Emanuele Corbo 16.4.24
Mahmood Sanremo 2024 Tuta Gold - Prove Orchestra Rai

Sanremo 2024: Mahmood, la “tuta gold” e il sangue sulla carta

Musica - Mandalina Di Biase 11.1.24
Tiziano Ferro: "Perdono Mara ma deve fare mea culpa. Mi ferisce che vengano negati i diritti ai miei figli" - Tiziano Ferro - Gay.it

Tiziano Ferro: “Perdono Mara ma deve fare mea culpa. Mi ferisce che vengano negati i diritti ai miei figli”

Musica - Redazione 8.5.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24