Irene, cacciata di casa a 18 anni perché lesbica, ora ce l’ha fatta

Dopo il coming out, non ha creduto alle minacce materne. Invece, si è trovata per strada

Irene, cacciata di casa a 18 anni perché lesbica, ora ce l'ha fatta - lesbica Cacciata 1 - Gay.it
3 min. di lettura
Irene, cacciata di casa a 18 anni perché lesbica, ora ce l'ha fatta - lesbica Cacciata2 - Gay.it

È stata cacciata di casa a diciotto anni perché lesbica. Lei si chiama Irene e la sua storia è stata resa nota dall’agenzia Dire. Per mesi, Irene ha vagato tra Bologna, Udine e Padova, ospite di amiche che, piano piano, l’hanno lasciata sola. Tutto questo succedeva due anni fa. Ora Irene ha 20 anni ed ha una stanza al Centro d’accoglienza “San Ruffillo” dell’Antoniano, a Bologna, si mantiene con un lavoro e si prepara ad iniziare l’ultimo anno all’istituto professionale Aldrovandi Rubbiani. Ma non è stato facile arrivare fino a qui: nei ricordi recenti di Irene c’è una casa dove ha vissuto senza né luce né acqua e racconta di avere “provato tanta solitudine e ripensarci mi fa stare male”.
Irene aveva raccontato alla madre di essersi innamorata di una ragazza ben prima dei diciotto anni e sapeva che non sarebbe stato facile farle capire come stavano le cose, “ma non pensavo neanche che la minaccia di cacciarmi di casa potesse essere vera”, ha raccontato la ragazza.
Giunta alla maggiore età, però, è stata costretta a lasciare la casa dei genitori e ad arrangiarsi per sopravvivere. “Mi sono trasferita a casa di un’amica e lì sono rimasta per qualche mese. Ma i suoi genitori dopo un po’ mi hanno fatto capire che sarei dovuta andare via” continua Irene che poi racconta di come si è poi spostata per qualche mese a Udine e poi in provincia di Padova dove ha vissuto in una casa abbandonata.

Irene, cacciata di casa a 18 anni perché lesbica, ora ce l'ha fatta - lesbica Cacciata1 - Gay.it

“La ragazza con cui ero fidanzata non aveva detto nulla ai suoi genitori e così non poteva portarmi a casa – prosegue Irene- mi sono arrangiata come potevo. Con quei pochi soldi che riuscivo a guadagnare da piccoli lavori non riuscivo di certo a pagarmi un affitto e così sono finita in quella casa“. È andata avanti così finché non l’hanno trovata i servizi sociali che dopo le prime cure l’hanno affidata ai colleghi di Bologna.
Qui Irene ha sostenuto colloqui di lavoro, è passata da un dormitorio all’altro fino a quando un lavoro l’ha trovato: un progetto di formazione del Comune di Bologna in cui era coinvolto il Cassero, storico circolo bolognese di Arcigay. Lì Irene catalogava libri, nella biblioteca dell’associazione per la quale ha curato anche la rassegna stampa. “Una persona dolcissima” racconta chi, al Cassero, in quei mesi l’ha conosciuta. La mattina a scuola, il pomeriggio a lavorare. “All’inizio è stata dura riuscire a conciliare studio e lavoro – racconta – ma alla fine sono riuscita a fare tutto e passare l’anno“. Il progetto di formazione è finito lo scorso gennaio e adesso Irene ha un altro lavoro che spera le permetta di mettere da parte qualche soldo per iscriversi all’Accademia di Belle Arti, dopo il diploma. “Mi piace disegnare e quando ho del tempo libero ne approfitto per esercitarmi”. Una storia non unica, purtroppo, quella di Irene, che testimonia come spesso sia proprio tra le mura domestiche che l’omofobia miete le sue giovani vittime. Irene ce l’ha fatta e sta costruendosi una vita. Ma quanti sono quelli che, invece, non reggono alla pressione, alla paura, alla solitudine e alle difficoltà?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24

Leggere fa bene

Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
Marius Madalin Musat e Jonathan Bazzi

Jonathan Bazzi “Cos’ha Milano di inclusivo e anticlassista?”, aggredito in Porta Venezia con il suo compagno Marius Madalin Musat

News - Redazione Milano 4.1.24
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23